TEATRO DI SAN CARLO: GABRIELE FERRO DIRIGE DIE ZAUBERFLÖTE


A pochi giorni dal successo della Prima Sinfonia di Gustav Mahler, il Teatro di San Carlo apre nuovamente le proprie porte, venerdì 2 ottobre alle ore 20.00 e domenica 4 ottobre alle ore 18.00 per l’opera di Wolfgang Amadeus Mozart Die Zauberflöte/Il Flauto Magico, Singspiel in due atti su libretto di Emanuel Schikaneder. L’opera sarà eseguita in forma di concerto nella lingua originale senza i dialoghi parlati.

Sul podio, impegnato a dirigere Orchestra e Coro del Teatro di San Carlo ci sarà Gabriele Ferro.

Nel doppio cast delle due serate KostantinGordy e RamazChikviladze interpreteranno Sarastro, il ruolo di Tamino è affidato ad Antonio Poli e a David Ferri Durà mentre il soprano Mariangela Sicilia sarà Pamina, assieme a Valentina Matrangelo.

La Regina della Notte avrà il volto e la voce di Daniela Cappiello, nel ruolo di Papageno si avvicenderanno Roberto de Candia e Vincenzo Nizzardo e in quello di Papagena Lara Lagni e Michela Antenucci.

Oltre a Cristiano Olivieri (Monostatos), completano il cast Emanuela Torresi (Prima Dama) Laura Cherici (Seconda Dama), Adriana Di Paola (Terza Dama), Marco Miglietta (Primo Armigero/Secondo Sacerdote) Gianfranco Montresor (Secondo Armigero), Enrico Marrucci e Mariano Orozoco (Primo Sacerdote e Oratore /una voce)Fiorenza Barsanti, Antonello Petillo e Roberta Mancuso ( Primo, Secondo e Terzo Genietto).

Rappresentato a Vienna per la prima volta al Theater aufderWieden  il 30 settembre 1791, Die Zauberflöte, ultimo capolavoro teatraledel catalogo mozartiano col numero K.620, fu completato a pochi mesi dalla morte dell’autore.

Mozart seppe infondere al libretto di Schikaneder una nuova vitalità trasformandolo in un fiabesco rito di iniziazione nel quale le vicende dei protagonisti assumono un significato inatteso.

Composto nei ritagli di tempo della stesura della quasi contemporanea Clemenza di Tito, Die Zauberflöte fu da subito riconosciuto come un capolavoro assoluto; Salieri, il principale antagonista di Mozart, la definì un’opera degna di essere rappresentata nelle maggiori solennità e Goethe la riteneva la sola musica che avrebbe potuto rivestire di note il suo Faust.

L’opera accoglie in sé tutti i più importanti elementi stilistici e razionali della musica operistica settecentesca, fusi in un’unità drammatico-musicale carica di significati simbolici di stampo massonico, divenendo un modello per l’opera romantica tedesca.

venerdì 2 ottobre 2020, ore 20.00

domenica 4 ottobre 2020, ore 18.00

MESSA DA REQUIEM di Giuseppe Verdi
Direttore: Nicola Luisotti
Maestro del Coro: Salvatore Caputo
Soprano: Maria Agresta, Mezzosoprano: Luciana D’Intino, Tnore: Marcelo Alvarez/Szabolcs Brickner (1 marzo 2013), Basso: Vitalij Kowaljow
Orchestra e Coro del Teatro di San Carlo
Spettacolo Stagione d’Opera 2012-2013
Domenica 24 febbraio 2013, ore 20.30 (Turno A)
Martedì 26 febbraio 2013, ore 20.30 (Turno C)
Giovedì 28 febbraio 2013, ore 19.00 (Turno D)
Venerdì 1 marzo 2013, ore 18.00 (Turno B)
Domenica 3 marzo 2013, ore 17.00 ( Turno F)

 

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

8 + 17 =

Accetto la Privacy Policy * for Click to select the duration you give consent until.

Precedente FARMO: MINI COOKIES, MAXI GUSTO! Deliziosi, croccanti e senza glutine
Questa è la storia più recente

Articoli Suggeriti

Arte, a Madrid in mostra “Catastrofi sotto il Vesuvio”

PRESENTZIONE PIANO AGRICOLO COMUNALE DI BRUSCIANO

Cantine Aperte 2013, più investimenti nel settore vitivinicolo

Champagne e caviale protagonista da Grangusto

Pallavolo, Gaia Energy Napoli ko con il Bergamo

UN NUOVO DECENNIO PER LE AUTOSTRADE DEL MARE