ENOTURISMO IN PUGLIA CON LA FESTA DELLA VENDEMMIA


A due passi dalla cristallina costa jonica, in un entroterra rurale da mozzare il fiato, nel cuore della DOP di Lizzano dove crescono rigogliosi e ordinati i filari del celebre Primitivo di Manduria e del Negroamaro che circondano le Tenute Eméra, la cantina salentina di Claudio Quarta Vignaiolo: è qui che puntuale ogni anno si celebra Lu Capucanali – Festa della Vendemmia.

Un appuntamento unico, arrivato alla quarta edizione, per rivivere le atmosfere, le gioie e le fatiche, i suoni e i sapori del momento dell’anno più importante di un territorio che da sempre è vocato alla coltura della vite e alla produzione del vino.

I canti popolari del Canzoniere Popolare Grottagliese accompagneranno la fatica della vendemmia manuale, il ristoro all’ombra dell’antico albero di gelsi del Casino Nitti Quarta –  il fascinoso casino di caccia custodito fra i vigneti di proprietà –  la pigiatura delle uve con i piedi nei suoi cinquecenteschi palmenti, al ritmo dei tamburelli: alle Tenute Emèra l’antico rito della vendemmia si rievoca autenticamente, riproponendo per un giorno tutte le antiche usanze. E, poi, il pranzo familiare tutti insieme, all’ombra di una pineta secolare con i buoni piatti della cucina contadina: è “Lu Capucanali”, appunto, come ancora viene chiamato dai contadini più anziani, custodi viventi di preziose tradizioni passate. Il pranzo come occasione di condivisione collettiva delle speranze e dei buoni auspici che il raccolto dell’uva porta sempre con sé, voluto per ringraziare gli “operai del vino” per l’impegno nel lavoro.

Il 20 agosto 2017 a Tenute Eméra si è tenuto l’appuntamento imperdibile per enoturisti, wine-lover, amanti delle tradizioni popolari, da vivere e far rivivere. Una vendemmia vera, dalle cui uve cui verrà prodotta l’esclusiva bottiglia “Lu Capucanali 2017” che ogni partecipante potrà ritirare nel 2018.

Nella mattinata si è svolta una passeggiata attraverso la Collezione di Biodiversità, che rende Tenute Eméra, preziosa anche per la ricerca e la tutela della biodiversità viticola. La collezione è un campo sperimentale, con oltre 500 varietà di vitigni minori di origine mediterranea e caucasica, studiato dai ricercatori dell’Università di Milano.  Durante il pranzo i partecipanti hanno degustato i vini prodotti da Claudio Quarta nelle sue tre cantine: Tenute Eméra (dove si svolge l’evento), Cantina Moros (Guagnano, in provincia di Lecce) e Cantina Sanpaolo (in Irpinia).

Cantina Moros e Tenute Eméra.  Info: +39 342 9738931- info@claudioquarta.it

Facebook: @Claudio Quarta Vignaiolo; @Lu Capucanali – Festa della Vendemmia

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedente I Venerdì di Ercolano: da sabato parte la prevendita dei biglietti on line per i percorsi serali
Successiva Alessandra Rinaudo inaugura Tutto Sposi

Articoli Suggeriti

Car Sharing … e non esisteranno zone a traffico limitato!

Afragola: i buskers invadono la città con colori e suoni

In arrivo Pompei Expo, la fiera dedicata alla casa e al matrimonio

Natale, al Romeo Hotel il concerto di Emmet Cohen

Campioni d’inverno a San Paolo Show

PRESENTATO A ROMA IL CONCORSO NAZIONALE PER LA VALORIZZAZIONE DELLE ECCELLENZE OLEARIE