La Roma del 1943 rivive ne Il maritozzo, con Paolo Conticini e Martina Sissi Palladini


È pronto per iniziare il suo percorso festivaliero Il maritozzo, cortometraggio ambientato nella Roma del 1943, alcuni giorni prima della deportazione degli ebrei dal ghetto della capitale.

Una delicata opera dal grande riscontro internazionale che, sceneggiata da Natascia Farruggia e diretta da Nicola Barnaba, regista del thriller Runner, ripercorre tutta la paura e la violenza di quei tragici giorni vantando un ricco cast comprendente Martina Sissi PalladiniPaolo ConticiniDanilo D’AgostinoFrancesca RettondiniBruno BilottaFabrizio SabatucciFrancesca Della RagioneMario D’Amato e Jasmine Volpi.

Figlia di un sarto ebreo (Fabrizio Sabatucci), Eva (Martina Sissi Palladini) è costretta a passare il posto di blocco fascista al fine di effettuare una consegna per suo padre a casa di Antonio Ruggero (Bruno Bilotta), genitore del suo amante Andrea (Danilo D’Agostino).  Succube di suo padre e di sua madre (Francesca Rettondini), Andrea, pur provando un sentimento per Eva, rimane incastrato in un limbo da cui non riesce ad uscire. Così Eva incontra Saverio (Paolo Conticini), militare repubblichino che proverà per lei un sentimento fulmineo. Sarà lui a fare di tutto per cercare di salvare la ragazza dalle incombenti barbarie naziste.

Nicola Barnaba dichiara: “Il maritozzo esplora il potere dell’amore e della compassione durante la Seconda Guerra Mondiale. Saverio è diviso tra il dovere di obbedire al regime e il suo amore per Eva. Il cortometraggio trasmette un messaggio di speranza, mostrando che l’amore e la compassione possono superare l’odio e la violenza. La storia evidenzia la complessità umana e la possibilità di redenzione attraverso gesti altruistici. Infine, invita lo spettatore a riflettere sul potere della gentilezza nel cambiare il corso della storia. Il titolo fa riferimento al dolce che, tanto amato nella Città eterna, incontra sia la cultura romana che quella ebraica”.

Un breve film che, pensato con l’intento di sensibilizzare sia i giovani all’interno di istituti scolastici che dal punto di vista mediatico, distribuito da Saturnia Pictures è prodotto da Everglades FilmImmagina Film ProductionSileo ProductionsRoswell Film Ipnotica Film.

Realizzato anche grazie al contributo del Nuovo Imaie e al supporto di Campo Marzio Roma 1933, LTF CafféReggiani SrlBassiano reale SrlBruschi SrlLa quercia, la Taverna del briganteCaffè’ FiorentiniAssociazione AVISLa Mola Srl e IG SrlIl maritozzo ha inoltre avuto un importante sostegno da parte della città di Bassiano (LT), dove, grazie al comune e all’associazione pro loco, i luoghi sono stati fondamentali per le ricostruzioni storiche.

La fotografia di Matteo De Angelis e le musiche di Henoel Grech si rivelano infine un grande valore aggiunto, tanto che il progetto sta suscitando un interesse tale da spingere le produzioni a lavorare su un lungometraggio che ne proseguirà le vicende raccontate.

Photo credits: Massimiliano Oliverio (Palladini e Conticini) e Tiziano Fiucci (foto di gruppo e Palladini e D’Agostino).

UFFICIO STAMPA

Francesco Lomuscio

 

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6 − 4 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Precedente I PRIMI 40 ANNI PARTENOPEI DI GIORGIO PIETANESI
Successiva “Sogni che meritano di volare” - consegnate borse di studio a 16 studenti rifugiati e migranti

Articoli Suggeriti

Daspo al calciatore del Cosenza che ha innegiato a Speziale

Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, La Mostra “Studio Universal: il Cinema in TV”

Maggio dei Monumenti: al via la XXVIII edizione

I gioielli di Rosangela Manca al Marchè De Noël di Notre Dame di Parigi

Il ballo dei pomodori, domani la presentazione al Cinema Teatro Roma

Torna “Montecitorio a porte aperte”