“O’ cappiell ‘e Pulecenella”: una pizza dedicata alla maschera più famosa del mondo


È iniziato giusto un anno fa l’iter finalizzato all’inserimento della maschera di Pulcinella nella lista dei Beni culturali protetti dall’Unesco. La stazione di partenza è stata quella che attualmente può essere considerata la “casa” di Pulcinella: il laboratorio dell’artista napoletano Lello Esposito che ha contribuito a esportare Pulcinella e la sua metamorfosi in tutto il mondo. 

Tanti i soggetti (privati e istituzioni) che hanno aderito all’iniziativa e che si stanno impegnando a dimostrare che Pulcinella è una maschera viva, che fa parte del tessuto popolare. Tra questi Alessandro Borella Marilena Alberoni, rispettivamente pizzaiolo e “supervisor” di produzione di Bell e Kavr, un piccolo tempio del gusto ubicato a Napoli, in zona Pignasecca (via Portamedina 7).

Sono loro i creatori d’ “O’ cappiell ‘e Pulecenella”, una pizza a forma di cono, prima fritta e poi infornata (per aumentarne la friabilità), a sua volta farcita in diversi modi: dalla margherita alle varianti bianche, fino al “gusto Alessandro” con provola, mortadella, crema e granella di pistacchio di Bronte.

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciassette − 6 =

Accetto la Privacy Policy * for Click to select the duration you give consent until.

Precedente MANAGER E FUTURO: A MANAGERITALIA NAPOLI SI PARLA DI LAVORO
Successiva Napoli Pizza Village 2017: Arte e cultura sposano la pizza

Articoli Suggeriti

Uffizi: dieci giorni per restaurare la porzione d’intonaco caduta stamani

ARRIVA ANDREA’S E IL POLLO NEL BUN DIVENTA BIO

AL VIA FASHION GOLD PARTY

La street photography e i paesaggi di “Around”, mostra a Napoli e Sorrento

FS, Piemonte: rubati nella notte 500 metri di cavi in rame

Palio della Rocca, in arrivo la 29esima edizione