Ventur capital, il Rotary Club Napoli in prima, fila ospita Ferdinando Napolitano


Riposizionare l’Italia nella business community di New York, la capitale del mondo, per aumentare il volume di affari dei due Paesi. Questo l’obiettivo dell’Italian Business & Initiative fondata e presieduta da Fernando Napolitano, che sarà protagonista  il 18 ottobre alle 18,30 – Hotel Royal Napoli – dell’incontro organizzato dal Rotary Club Napoli, presieduto da Attilio Leonardo.

“Italia, Europa Mondo: le sfide che ci aspettano” è il titolo della conversazione che sarà stimolata dal prof Giorgio Ventre, direttore del  Dipartimento di Ingegneria Elettrica e Tecnologie dell’informazione dell’Università Federico II e moderata dal giornalista Alfonso Ruffo, direttore de Il Denaro.

All’incontro sono stati invitati anche esponenti locali del mondo della finanza, delle imprese e professionisti che siano proiettati a creare nuove opportunità di sviluppo del lavoro.

Fernando Napolitano, businessman, partenopeo di nascita si è laureato in Economia e Commercio a Napoli ha proseguito gli studi a New York  con un master al Brooklyn Polytechnic University e all’ Harvard Business School, spiegherà le sue idee sui cambiamenti necessari per mettere in atto una reale  collaborazione tra gli Stati Uniti e l’Italia, illustrando gli strumenti e i programmi a disposizione per  raggiungere gli obiettivi di crescita.

Il progetto sino ad oggi ha già prodotto notevoli risultati. Grazie alla “Borsa di Studio Best”, finalizzata acreare una nuova classe di giovani imprenditori high-tech attraverso un programma di scambio con la Silicon Valley, offre un vantaggio alle aziende italiane che possono identificare innovazione per il loro core business – sono state identificati in soli 5 anni: 80 vincitori, create 37 imprese high tech in Italia, 330 posti di lavoro e attratti investimenti per 50 milioni di dollari.

Ma le azioni non si fermano qui, il C.E.O. di IB&II, Fernando Napolitano, ha realizzato il “One Week Accelerator program a New York”, un’iniziativa che porta, due volte l’anno, le migliori start-up italiane a New York per inserirle nell’ecosistema di Venture Capital americano.

Infine, il business man gestisce il summit annuale che si svolge da 4 anni a a New York “Italy Meets the United States of America” creando una location stabile dedicata all’Italia per incontrare gli investitori e organizza la prima edizione italiana, in programma il  18 novembre a Firenze. Nei 12 Simposi che si sono svolti dal 2011, ben 300 start-up sono state presentate a investitori Usa, delle quali ben 20 hanno aperto filali negli States.

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Precedente Vebo 2016: bilancio positivo crescono le presenze. Premiate le collezioni di aziende da tutta Italia
Successiva MAKER FAIRE DI ROMA, CON FS ITALIANE ALLA FIERA MONDIALE DELL’INNOVAZIONE

Articoli Suggeriti

Energia, Difesa-Università: firma di due accordi con la Federico II alla presenza del Sottosegretario alla Difesa Alfano

EUROPOL: MILIARDI DI EURO PER UN ALTRO ENTE INUTILE???

Magna Graecia Film Festival: apertura nel segno di Monicelli

Inaugurata la X edizione del Galà del Cinema e della Fiction

Zona Teatro Naviganti, in scena “A Night with Satirarum”

Incontro del Ministro Cancellieri e dei vertici del Dipartimento con le Organizzazioni Sindacali