“Ma perché mi inviti a cena?” al Trianon Viviani con Nicolai e Di Battista


Il Triano Viviani di Napoli presenta un interessante percorso jazzistico tra la musica napoletana e i maggiori classici italiani: sul palco del teatro partenopeo della Canzone, Nicky Nicolai e Stefano Di Battista, sabato 15 gennaio, alle ore 21.
Da notare che il titolo dello spettacolo : “Ma perché mi inviti a cena?”, va volutamente a riprendere quello dell’ultimo singolo della coppia di vita, oltre che di arte.
Nota di rilievo per  la collaborazione del paroliere Pasquale Panella, indimenticato coautore di Lucio Battisti nell’ultimo periodo dedicato all’elettronica.
Impegnato nel tour europeo con lo spettacolo Morricone’s stories, Di Battista  sta dedicando questo periodo al tour italiano insieme al suo quartetto.
Accompagnano la cantante e il sassofonista: Andrea Rea al pianoforte, Dario Rosciglione al basso, Luigi Del Prete alla batteria.
Il messaggio sotteso al concerto centra  la perdita del valore sociale dello stare a tavola.
Per gli antichi romani la cena era il simposio, l’essere insieme e il parlare guardandosi, ora purtroppo  si è persa questa preziosa dimensione, tanti che “Tutto è tavolo e piattezza sul tavolo: questioni, problemi, problematiche, intellettualismi. Ma non c’è sugo e non c’è gusto, solo chiacchiere. Solo un po’ di sciapa rissa tutti intorno alla tavolata televisiva del talk show e pure in collegamento da remoto, neppure viso a viso come certe cenette da lontano, con il piatto e con lo schermo sotto gli occhi” – osserva Panella e continua: “Ma perché mi inviti alla riunione serale del consiglio dei ministri, al vertice notturno tra sindacati e patronato, all’assemblea condominiale a tarda ora, alla congiura carbonara, però niente guanciale né uova, pepe, sale e pecorino? Ma perché mi inviti a cena, quando poi non si quaglia, né alla boscaiola né alla diavola?”.
Ufficialmente schierato nella promozione di spettacoli incentrati prevalentemente sulla Canzone napoletana della quale vuole rappresentare il massimo teatro, il Trianon Viviani propone la sottoscrizione di una card, con la quale lo spettatore potrà assistere a sei serate/pomeridiane, al prezzo speciale di € 90 in poltrona e di € 60 in palco, scegliendoli liberamente dal cartellone. Per il pubblico giovanile, cioè “under 30”, il teatro rende disponibile, per ogni spettacolo, cento ingressi eccezionalmente a € 10. Inoltre, un miniabbonamento del tutto particolare è dedicato agli abitanti di Forcella: si tratta di un lotto di cinquanta biglietti per ogni spettacolo, disponibili allo speciale prezzo ridotto di soli € 7, sottoscrivibile però soltanto al botteghino del teatro, che è aperto al pubblico dal lunedì al sabato, dalle 10 alle 13.30 e dalle 16 alle 19; la domenica e i giorni festivi dalle 10 alle 13.30.
Invece, i miniabbonamenti e i biglietti sono acquistabili anche presso le prevendite autorizzate e online sul circuito AzzurroService.net.
Informazioni: teatrotrianon.org, tel. 081 2258285.
Per entrare in teatro è obbligatorio esibire il super green pass (ovvero “green pass rafforzato”) e indossare apposita mascherina come da normative attuali.
Armando Giuseppe Mandile

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dieci − 5 =

Accetto la Privacy Policy * for Click to select the duration you give consent until.

Precedente Musica degli amanti, di Carlo Pellegrino
Questa è la storia più recente

Articoli Suggeriti

“LA NUOVA FRONTIERA DEL PACKAGING”: SARONG PRESENTA AL PADIGLIONE EXPO CIBUS È ITALIA IL SISTEMA TWISTERCUP 2.0

Il Nola Città dei Gigli a.s.d. si presenta

SIOI CAMPANIA: MASTER IN STUDI DIPLOMATICI, EDIZIONE 2015-2016

Marek Hamsik, una rapina più uguale di un’altra

Al Museo del Bargello la musica è donna

All’Agorà Morelli la finale regionale di Miss Italia