Erasmus + Day. Drop by Drop e Stem: i progetti dell’I.C. 47’ Sarria – Monti contro il degrado e la criminalità


studenti con bandiere

Giorno di festa mercoledì 26 settembre per l’ I. C. 47’ Sarria – Monti di San Giovanni a Teduccio (Na). Docenti e alunni, insieme alla Dirigente la Prof.ssa Donatella Valentino,  alla Prof.ssa Paola Guillaro, Docente comandato presso l’Ufficio IV della Direzione Generale dell’URS  Campania – referente progetti Erasmus +, e alle tante altre persone intervenute si sono riuniti nel cortile dell’Istituto Monti in occasione della presentazione di due progetti Erasmus + a cui l’I.C. 47’ partecipa.

In un territorio dove la delinquenza fa da padrona, la scuola è scesa in prima linea come contrasto al mondo della criminalità e attraverso i suoi progetti si adopera per lo sviluppo delle potenzialità dei propri alunni, ma anche per una loro corretta collocazione nel tessuto territoriale.

Studenti I.C. Sarria Monti

Ad aprire la manifestazione è stata la Dirigente dell’istituto.

“Ci troviamo ad operare in un quartiere ad alto rischio caratterizzato dal disagio, ma  è anche un quartiere in cui si possono sviluppare delle energie positive   – ha dichiarato la prof.ssa Valentino -.  Io ci credo! I miei docenti ci credono! I miei alunni ci credono! Le famiglie ci credono!  San Giovanni a Teduccio deve rinascere attraverso la scuola e a partire dalla scuola. Oggi è un giorno particolarmente commovente per noi tutti perché presentiamo delle iniziative positive. Due progetti Erasmus + , progetti che portiamo avanti insieme alle scuole di altre nazioni e, tra l’altro, di uno di questi ‘Drop by Drop…..Stop Dropout‘ , un progetto triennale, siamo anche coordinatori. Siamo molto orgogliosi di questo. Oggi presentiamo anche il progetto STEM. Le STEM sono quelle discipline che ci aiuteranno a dire ‘NO ALLE STESE  Sì ALLE STEM’. E’ un progetto bellissimo che ci è stato proposto dal Dipartimento delle Pari Opportunità e noi siamo state una delle poche scuole campane a risultare vincitori del bando. Attraverso esso noi cerchiamo di reagire al degrado, al disagio, alla criminalità, cose a cui contrapponiamo parole come scuola, conoscenza, educazione e soprattutto attraverso questi progetti puntiamo al miglioramento delle competenze di cittadinanza. Tramite  lo studio e la ricerca – azione  i nostri ragazzi potranno diventare cittadini responsabili e consapevoli , soprattutto attraverso i progetti europei internazionali potranno confrontarsi con culture diverse e non andare via. Non dobbiamo fuggire , ma andare fuori, arricchirci e tornare nei nostri quartieri per migliorarli.”

Prof. ssa Donatella Valentino

Lo scorso febbraio l’I.C. 47 ha accolto a Napoli una delegazione di studenti stranieri, 20 ragazzi e 10 insegnanti, provenienti dalla Turchia, dal Portogallo, dalla Romania e dalla Polonia, per la realizzazione del progetto Erasmus + “Z Generation In Digital Classrooms”. Il progettoha visto impegnata “SGAT”, l’Associazione “San Giovanni a Teduccio” formata dai genitori dei bambini della scuola, che cha dato una grandissima mano a tenere le fila di tutto ed a fronteggiare tutte le emergenze presentatesi nel corso del soggiorno .

Mamme con la docente Rossella Palmieri

“Noi condividiamo pienamente quanto affermato dal nostro Presidente della Repubblica Mattarella e cioè che ‘gli studenti Erasmus sono la speranza dell’Europa 2.0, senza confini mentali e materiali’ – hanno dichiarato le docenti Rossella Palmieri e Ornella Canneva, coordinatrici del progetto -. I nostri studenti attraverso questi progetti hanno un’opportunità enorme di allargare i propri orizzonti, perché l’Erasmus fa incontrare le persone e le culture, facendo crescere non solo i ragazzi, ma anche le loro famiglie. Incentivano, infatti, la fiducia reciproca… non è facile in questi tempi difficili, di diffidenza e di paura dell’altro da sé, fidarsi ed affidarsi… ai docenti italiani che propongono ed accompagnano, ai docenti stranieri che selezionano -con cura – le famiglie che ospitano. Sono dunque progetti che spingono ad andare oltre i propri limiti, che possono essere soltanto di ordine linguistico, ma anche psicologico e culturale. Far partire dei ragazzi, talvolta piccolissimi, di 8-9 anni, acconsentire che vadano a dormire in case altrui, in una città straniera e geograficamente lontana, non è cosa da poco . I genitori, molto più dei loro figli, si bloccano di fronte a questa prospettiva. Spesso rinunciano, perché non hanno il coraggio di cogliere l’opportunità di un’esperienza di studio all’estero per i propri figli, che si rivela altamente formativa anche sul piano dell’autonomia personale. Si pensi ad un ragazzino o a una ragazzina di 8-9 anni che si trova a vivere per una settimana in un ambiente estraneo e che deve vedersela completamente da sé, curare il proprio abbigliamento, la propria igiene, comunicare i propri bisogni in inglese, affrontare un’esperienza scolastica in un sistema educativo diverso, con altre regole, con altri tempi ed altri contenuti… È questo che intendiamo quando diciamo che i progetti Erasmus+ “aprono la mente e cambiano la vita”, perché ci rendono davvero cittadini attivi di “un’Europa senza confini mentali e materiali”, come auspicato dal nostro Presidente della Repubblica Mattarella”.

Prof.ssa Guillaro con Ornella Canneva, Rossella Palmieri e Maria Sica

“Vincere un Erasmus non è una cosa semplice per cui avere avuto questa opportunità come coordinatori è qualcosa che aiuta i nostri ragazzi a crescere e a confrontarsi con altri popoli, altri ragazzi, a conoscere altre culture e altri territori – ha aggiunto la Prof.ssa Paola Guillaro . – Le STEM aiutano i ragazzi a migliorarsi in questo momento difficile della nostra società. La scienza, la tecnologia, l’ingegneria, la matematica supportati dal digitale, fanno crescere e motivano sempre di più i nostri ragazzi . Oggi la nostra società è una società digitale per cui nel momento in cui cercheremo di entrare nel loro mondo otterremo entusiasmo, gioia e motivazione nel venire a scuola“.

Bambini in bicicletta

“La scuola che diventa un mediatore di attività che aprono la mente e che consentono ai ragazzi di comprendere che San Giovanni a Teduccio è un luogo meraviglioso dove si ha voglia di restare e investire”. Con queste parole la prof.ssa Maria Sica docente della scuola secondaria di I grado Monti ha presentato il secondo progetto della giornata “STEM”, di cui ne è stata la curatrice. Un atelier creativo per consentire ai ragazzi di sviluppare quel pensiero computazionale  che consiste in quell’abilità logica che si applica a 360° nella vita.

Erasmus + Day

Testimone importante del lavoro che si è fatto e si fa tutt’ora nel quartiere di San Giovanni a Teduccio è l’ex Preside Pecoraro che ha  sottolineato che “San Giovanni ha una grande passione e un grande cuore”. Una passione e un cuore dimostrato  soprattutto  dalle donne del territorio con le quali ha lavorato per 17 anni.

E’ proprio così. Le mamme di San Giovanni a Teduccio sono donne forti e orgogliose, pronte a battersi in prima linea per assicurare un futuro migliore ai propri figli.

Dirigente con studenti

Ad ottobre sei studenti di scuola primaria partiranno per un LTTA di 7 giorni in Romania per il progetto Z Generation  dal titolo Using augmented reality in the classrooms”, mentre a novembre nove studenti di scuola secondaria di I grado partiranno per il workshop formativo LTTA “We don’t dropout” di 7 giorni in Portogallo.

 

ANNA FEROLETO

studenti in biciclettaBambini

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Precedente Bataclan, le foto della memoria del primo anniversario in mostra a Napoli
Questa è la storia più recente

Articoli Suggeriti

“Le mille e una notte”: Raffaele Tufano presenta la nuova collezione primavera/estate

A Mariglianella il Premio Gallo d’Oro 2013

Nasce la Scuola di Etica in Politica ideata dal Rotary Napoli

Mary Frances, tanta creatività e emozioni floreali nella sua nuova collezione

GIFFONI FILM FESTIVAL, VALERIO MASTANDREA PROPONE A ZEROCALCARE DI DISEGNARE IL MANIFESTO DELLA PROSSIMA EDIZIONE

Pallavolo, Gaia Energy Napoli passeggia contro Messina