I MONUMENTS MEN ALL’ACCADEMIA: EDSEL RACCONTA LA LORO STORIA


La protezione del patrimonio culturale, come testimonianza di civilità, a Firenze è qualcosa di più di un semplice slogan. È pratica di vita quotidiana. Per questo lo scrittore americano Robert Edsel ha accettato l’invito di Simonetta Brandolini d’Adda (Presidente della Fondazione non profit Friends of Florence) di presentare il suo nuovo libro Monuments Men: missione Italia, nella Galleria dell’Accademia, davanti al David, simbolo mondiale della cultura. La Soprintendenza per il Polo Museale Fiorentino e la Direzione della Galleria dell’Accademia sono lieti di ospitare questo importante appuntamento che si terrà lunedì 26 maggio alle ore 17.45, nella Tribuna del capolavoro michelangiolesco del museo fiorentino.

Noto per aver scritto Rescuing Da Vinci e Monuments Men (libro da cui è strato tratto l’omonimo film scritto, diretto, prodotto ed interpretato da George Clooney), Edsel ha vissuto a Firenze e sin dal 1998 è stato uno dei primi consiglieri di Friends of Florence, condividendone valori etici e missione fino al punto di aiutare a stilarne lo statuto che tuttora regola l’attività della fondazione comprendente oltre 3mila soci di tre continenti.

Pubblicato da Sperling & Kupfer, Monuments Men: missione Italia racconta l’impegno di un gruppo di soldati americani istruiti per mettere in salvo i capolavori dell’arte italiana durante la seconda guerra mondiale. In tal senso, il fil-rouge che unisce i due libri si riverbera anche sull’attività di Friends of Florence che, anche in tempo di pace, lavora per la salvaguardia e il recupero del patrimonio storico artistico della città di Firenze e della Toscana, perché convinta che solo conservando e tutelando le testimonianze culturali sia possibile il progresso civile della società. È proprio questo che accomuna Friends of Florence a Robert Edsel, ed entrambi a Firenze, che possiede una parte fondamentale del patrimonio culturale dell’umanità.

“La Galleria dell’Accademia è certamente il luogo ideale per ospitare questa ‘prima’ italiana del nuovo libro di Edsel – ha detto il Direttore della Galleria dell’Accademia, Angelo Tartuferi – promossa da Friends of Florence, con la Tribuna del David che le fa da scenografia e che compare inoltre nella coperta di questo avvincente volume”.

“Proteggere il patrimonio culturale mondiale è un dovere di tutte le persone – ha aggiunto Simonetta Brandolini d’Adda – poiché è necessario conservare la cultura per le future generazioni. L’uomo non può permettersi che siano cancellati ricordi tangibili o distrutti monumenti: se accadesse si perderebe l’anima creativa dei popoli e la loro identità. Le opere d’arte e la cultura sono le uniche testimonianze di civiltà che vengono tramandate nei secoli e che consentono alle generazioni di crescere verso una società sempre migliore. Anche oggi tutti i popoli che vivono in pace sono chiamati a proteggere la bellezza e la cultura dalla distruzione che guerre, come in Siria e in Egitto, mafie (come purtroppo c’insegna la strage di Via dei Georgofili a Firenze), l’incuria ed il degrado minacciano quotidianamente. Per Friends of Florence – ha concluso la Presidente Brandolini d’Adda – è un onore organizzare la presentazione del libro Monuments Men: missione Italia scritto da Robert Edsel, nella Galleria dell’Accademia, luogo particolarmente caro alla nostra Fondazione”.

 

L’AUTORE

Robert M. Edsel, 57 anni, nato a Oak Park, Illinois e cresciuto a Dallas, è un imprenditore affermato e, dopo essersi congedato da Firenze, la città nella quale ha vissuto per diversi anni e dove ha maturato una grande passione per l’arte e l’architettura unita a un forte interesse per il modo in cui tanti tesori d’arte sono sopravvissuti alle razzie e alle devastazioni della seconda guerra mondiale, nel 2000 ritorna negli Stati Uniti e nel 2007 crea la Monuments Men Foundation. Edsel ha dato vita a questa fondazione per onorare l’eredità degli uomini e delle donne che durante la seconda guerra mondiale hanno prestato servizio nella sezione Monumenti, Belle Arti e Archivi dell’esercito americano, e che sono noti anche con il nome di Monuments Men, la cui eroica opera di protezione e salvaguardia dei più importanti tesori artistici e culturali della civiltà mondiale non ha precedenti nella storia dell’umanità. La Monuments Men Foundation è stata una delle dieci organizzazioni a ricevere la National Humanities Medal, consegnata nel 2007, dal presidente degli Stati Uniti George W. Bush, il maggior riconoscimento conferito negli Stati Uniti per l’eccellenza nel campo degli studi umanistici.

Prima di Monuments Men: missione Italia, Robert Edsel ha scritto Monuments Men e Rescuing Da Vinci.

LA FONDAZIONE NON PROFIT FRIENDS OF FLORENCE

Nata negli Stati Uniti nel 1998, la Fondazione non profit Friends of Florence è da sempre impegnata a sostenere la salvaguardia e la conservazione dei beni culturali di Firenze e della Toscana, valorizzando i capolavori che il genio artistico ha realizzato nel corso dei secoli, sia attraverso collaborazioni con Enti pubblici e privati, università, scuole, associazioni culturali che operano in ambito artistico, sia attraverso pubblicazioni, convegni ed eventi che offrono un’ampia divulgazione dei progetti sostenuti.

 

 

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × tre =

Accetto la Privacy Policy * for Click to select the duration you give consent until.

Precedente IL COISP DENUNCIA SCARSA MANUTENZIONE DELLE VOLANTI E MEZZI DELLA STRADALE
Successiva San Giorgio a Cremano, lettera con proiettile al consigliere Farina

Articoli Suggeriti

Ambra Angiolini ed Edoardo Leo in scena al Diana di Napoli con “Ti ricordi di me”

Collettivo pro no Tav minaccia le Forze dell’Ordine

“La grande notte della zizzona”. Domani a Radio Club 91 ospite la mozzarella

A Vitignoitalia i grandi formaggi Dop italiani

Caffè del Cuore: è on-line il primo e-shop per il caffè della solidarietà

San Paolo Show: regina del martedì in tv su Lunaset