A Venezia Tapies in mostra


Lo “sguardo” di Antoni Tàpies: ovvero il suo sentire le cose, il suo guardare attorno a sé senza limiti di tempo e di spazio alla ricerca di risposte sull’universo, la natura umana, l’arte, il mistero della vita.

A un anno dalla scomparsa del geniale artista catalano (Barcellona 1923-2012), figura chiave dell’informale internazionale, la Fondazione Musei Civici di Venezia e la Vervoordt Foundation gli rendono omaggio con un’affascinante mostra, che mira a svelare l’essenza dell’arte di questo indiscusso protagonista del Novecento, attraverso il “suo sguardo” e dunque quei riferimenti culturali, artistici, emozionali che egli scorgeva in una pluralità di espressioni o oggetti d’arte – tra i più vari – raccolti nella sua collezione privata. Uno sguardo al tempo stesso esteriore e interiore.

Tàpies, che nella sua lunga vita ha ottenuto i massimi riconoscimenti, tra cui la medaglia d’oro per le Belle Arti dal Re Juan Carlos, la Laurea honoris causa dal Royal College of Art di Londra (1981) e il premio per la pittura alla Biennale di Venezia del ’93, si è interrogato costantemente sui misteri dell’esistenza, cercando il tratto comune dell’umanità al di là dei generi, del tempo e del luogo; un senso intrinseco, un “potere universale” nelle cose da cui trarre stimoli e possibili strade. Arte antica, moderna o contemporanea di diversi generi e provenienze da Marcel Duchamp e Paul Klee a Lucio Fontana, da Wassily Kandinsky a Miró, Picasso, Goya, prodotti di culture lontane come l’arte asiatica e africana e ancora musica, poesia, filosofia e scienza per “fecondare” la contemporaneità.

Realizzata in stretta collaborazione con la famiglia Tàpies e allestita nell’ambientazione intima e quanto mai appropriata della casa di Mariano Fortuny – anche lui spagnolo e collezionista eclettico – la mostra resenterà una scelta di opere chiave dell’artista rilette nel contesto della sua raccolta privata, proprio con l’intento di cogliere lo sguardo di Tàpies artista e collezionista.

Accanto ai dipinti del pittore catalano, ci saranno opere di artisti del XX secolo come Joan Miró, Pablo Picasso, Kazuo Shiraga, FranzKline, Jackson Pollock e Jannis Kounellis e antiche sculture orientali o tribali: tutti lavori provenienti dall’abitazione privata di Tàpies ed esposti al pubblico, in molti casi, per la prima volta.Ci saranno importanti libri d’arte con litografie realizzati da Tàpies in collaborazione con scrittori e poeti, e si potranno ascoltare le musiche dei compositori del Novecento che più affascinavano il Maestro: da Schöenberg ad Alban Berg, da Shelsi a JohnCage e Anton Webern. Infine, un tributo all’arte e alla personalità eclettica di Antoni Tàpies sarà reso da alcuni dei maggiori artisti viventi a lui vicini o anch’essi alla ricerca di risposte sul mistero e l’inesplicabile: Perejaume Borrell, Anthony Caro, Lawrence Carroll, Sadaharu Horio, Tsuyoshi Maekawa, Kichizaemon XVRaku, Shiro Tsujimura, Gunther Uecker.

 

 

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × 1 =

Accetto la Privacy Policy * for Click to select the duration you give consent until.

Precedente Venezia, Caro al Museo Correr
Successiva La collezione Sonnabend in mostra a Venezia

Articoli Suggeriti

Al Gran Caffè Gambrinus la presentazione del libro Mafia, genesi di un male

Doxee inserita come Visionary nel Gartner Magic Quadrant per il Customer Communications Management Software

Da Brusciano i sedici comuni ribadiscono le loro ragioni sulla questione ATO per la gestione rifiuti

FEDERALIMENTARE E CIBUS LANCIANO IL PRIMO OSSERVATORIO SULL’ITALIAN SOUNDING

AREA SANREMO TOUR ARRIVA A FUORIGROTTA

McDonald’s, inizia la rincorsa salvezza