Piero Dorfles: “leggete per essere liberi e sviluppare la propria coscienza critica


oznorMB
E’ stata una grande festa per chi ama la lettura la presenza di Piero Dorfles a Catanzaro. Il giornalista e critico letterario ha presentato nella sala Giuditta Levato del Musmi il suo ultimo libro, “Il lavoro del lettore. Perché leggere ti cambia la vita”, Bompiani editore.
“Leggere – ha affermato Dorfles – non è una cosa naturale, bisogna imparare a farlo, come un lavoro. Tutti i lavori producono qualcosa e così anche la lettura. La televisione e il cinema ci proiettano qualcosa di finito; il libro, invece, ci dà degli spunti, una traccia ma siamo poi noi a dover immaginare tutto. Non ci si butta naturalmente in un libro. Chi non sa leggere si trova un po’ nella condizione di chi non sa nuotare. Non ha la possibilità di fare un’esperienza unica, che non assomiglia a nessun’altra. Ognuno, poi, fa una lettura personale e i club di lettura sono belli perché offrono l’occasione di confrontarsi e dallo scambio di idee, dallo stesso volume, possono uscir fuori tanti libri.”
L’evento, organizzato dalla libreria Ubik di Catanzaro e condotto da Nunzio Belcaro, ha visto, infatti, il coinvolgimento del gruppo di lettori Club Fahrenheit.
Tanti gli spunti di riflessione offerti dallo scrittore: “I libri possono aiutarci ad analizzare il fenomeno della guerra da diversi punti di vista, ci consentono di guardare oltre la superficie. La letteratura ha fornito, per fortuna, la possibilità di dar voce anche a chi ha un pensiero diverso. Se qualcuno avesse letto di più, credo che molte guerre non sarebbero proprio iniziate”.
“I libri, la lettura – ha aggiunto Dorfles – non portano certezze, ma dubbi. Non felicità, ma conoscenza. Non spiegano il perché della vita, ma stimolano a porre domande e a essere consapevoli di sé. Non possono superare la difficoltà di trovare un senso al nostro essere, ma ci permettono di allontanare il rischio di perderci nel nulla e ci impongono di mettere al centro di tutto la vita. Leggere rende liberi e consente di sviluppare la propria coscienza critica. Buona lettura consapevole a tutti!”

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × uno =

Accetto la Privacy Policy * for Click to select the duration you give consent until.

Precedente Ciak Speaking: arriva il primo corso sulla comunicazione magnetica per il digitale
Questa è la storia più recente

Articoli Suggeriti

Social World Film Festival, presentata la 10a edizione

Inaugurata la seconda Edizione di Federimusica

Boscoreale : Villa Regina riapre al pubblico

Art.B.Band in family a #venerdìopaesmì

Teatro in Fabula: LE 95 TESI. UNA STORIA DI LUTERO

Anziani di oggi e di domani esposti all’incuria delle istituzioni