Il Comitato Commercianti Agro Nolano scende in piazza


Unito ai comitati e associazioni della Campania e dell’Italia intera, anche il ” Comitato Commercianti Agro Nolano” è sceso in piazza Duomo,a  Nola,  ieri sera per manifestare contro gli ultimi DPCM e i provvedimenti adottati dal governatore De Luca. Una manifestazione statica: un flash mob che ha coinvolto silenziosamente ristoratori, imprenditori e loro dipendenti che, nel rispetto delle distanze segnalate dalle forze dell’ordine, sono scesi in piazza impugnando un necrologio che riportava il decesso della propria attività.
La nostra piazza è il vostro cimitero: questo è il nostro slogan. Questo è un momento apartitico, non ha sigle. Desideriamo abbattere un sistema vecchio, fatto di politici scaricabarile che non si assumono responsabilità, ma le riversano sui cittadini. Piuttosto che concentrarsi sulle migliorie che vanno fatte al sistema sanità, preferiscono bloccare tutto. E pensare che gli stipendi degli statali dipendono dai versamenti di noi contribuenti. Questa è la prima di una lunga serie di manifestazioni silenziose, tranquille, ma non violente.
Chiudendo alle 18 i ristoranti perdono una percentuale di incassi che si aggira intorno al 95%. Nel napoletano le persone iniziano a frequentare i locali a partire dalle ore 21. Chiediamo innanzitutto che ci ascoltino, non possono imporre regole senza sentire le parti coinvolte: noi ristoratori dovremmo essere invitati a partecipare ai comitati, ai tavoli di confronto… Hanno fatto delle leggi, ci hanno imposto delle misure senza mai chiedere la nostra opinione, senza ascoltare i nostri consigli, senza sfruttare il nostro know how
“, queste le parole dei rappresentanti del Comitato.
Tutti coloro che hanno protestato chiedono: l’eliminazione dei limiti di orario lavorativo; l’incremento dei posti in terapia intensiva; tutela economica al 100% per tutte le attività costrette a rimanere chiuse perchè creano assembramento; erogazione immediata della cassa integrazione e sua detassazione; esoneri fiscali per i mesi di sospensione e/o limitazione delle attività; blocco degli affitti e riduzione del 50% degli importi per l’anno seguente alla fine della pandemia; azzeramento dei costi fissi in bolletta; contributi economici reali e tempestivi per i ristoratori.
 
Fonte foto: Noi che amiamo Nola

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

15 + 15 =

Accetto la Privacy Policy * for Click to select the duration you give consent until.

Precedente Il Museo MeMus riapre al pubblico
Questa è la storia più recente

Articoli Suggeriti

A NAPOLI IL PRIMO CONGRESSO CULTURALE MERIDIONALISTA

La Guerriero Lu.Vo Arzano si ferma per le vacanze natalizie

DA VIVIANI AL NEAPOLITAN GIPSY JAZZ. DOLORES MELODIA INCONTRA MARIO ROMANO

Speciale Inferno di Dante al Museo del Sottosuolo su Rai Uno

AYALA BAR, MIDNIGHT IN GLAMOUR: il fascino noir di una notte Halloween Style

MAISON CILENTO 1780: SVELATA A PIETRARSAL’ESCLUSIVA COLLEZIONE DI CRAVATTE E FOULARD