Mauro Improta ai microfoni di Radio Club 91


“Viva le cotture espresse. Dalla trasformazione delle materie si vede la bravura dello chef. Ma non apprezzo la cucina troppo elaborata. Il parmigiano? Mai scomposto alla Bottura. La cucina napoletana è immediata, con poche cotture e ingredienti freschi, altro che scomposto”.

Così Mauro Improta, noto chef della Prova del Cuoco e del ristorante Rosiello di Napoli ai microfoni di Radio Club 91 nel programma Sapori di Sera con Roberto Esse.

“Faccio una cucina con prodotti del territorio, sono sempre alla ricerca dei sapori dimenticati e degli ingredienti di nicchia tipo il fagiolino a metro o la torzella. Prodotti che in padella devono star poco, cotture espresse”.

E racconta di essere arrivato alla Prova del Cuoco per caso fortuito “mi sono trovato nel posto giusto, al momento giusto”.

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

11 − 4 =

Accetto la Privacy Policy * for Click to select the duration you give consent until.

Precedente L’AGRICOLTURA DEL FUTURO NEL DOPO EXPO
Successiva Principi, santi, cavalieri e samurai: ciclo di conferenze sul corpo come metafora

Articoli Suggeriti

Al via “Capri The Island Of Art”

METTI IN TAVOLA LA SOLIDARIETA’: RACCOLTE 297 TONNELLATE DI PRODOTTI ALIMENTARI

Pick Up Point, a Napoli la prima “reception diffusa” a disposizione dei turisti

Il Papa visita casa-famiglia della comunità di Sant’Egidio

“Animus Neapolis”, foto in mostra allo Slash: si inizia con l’Ex Filangieri

Wine Day, una giornata dedicata al vino a Villa Egea