L’AGRICOLTURA DEL FUTURO NEL DOPO EXPO


L’esperienza di Expo2015 ha dato un forte impulso allo sviluppo della ricerca italiana nel campo delle tecnologie per l’agricoltura, dalla zootecnia avanzata, al precision farming fino alle biotecnologie. Se ne è qualche giorno fa a Milano in Regione Lombardia al convegno “L’agricoltura del futuro: produrre di più con meno”, organizzato dal Parco Tecnologico di Lodi (PTP-Science PARK) e da Regione Lombardia. Convegno che è servito a tracciare un bilancio di “LoDI2015, Lombardy Demonstration Initiative for EXPO 2015” (un progetto sviluppato in occasione di Expo dal PTP e selezionato come best practice nell’ambito dell’iniziativa “Feeding the future, now” di Regione Lombardia) e a delineare i programmi futuri.

In particolare l’Assessorato all’Agricoltura della Regione Lombardia ha comunicato che è pronto un piano significativo per mettere 500 milioni di euro a disposizione del comparto: “Regione Lombardia metterà a disposizione quasi 500 milioni di euro fino al 2020 nel campo dell’ ammodernamento delle aziende agricole – ha detto Gianni Fava, Assessore all’Agricoltura della Regione Lombardia – In questi mesi di Expo, abbiamo cercato di mettere in contatto diretto gli imprenditori agricoli con le innovazioni che possono rendere l’agricoltura più sostenibile su un piano economico e ambientale. La sfida dell’agricoltura del futuro, infatti, sarà proprio quella di produrre di più con meno, riducendo l’uso di mezzi tecnici, così come di acqua ed energia. E l’esperienza del Demo Field e del Demo Farm al Parco Tecnologico di Lodi è stata molto utile in questa direzione”.

In questi mesi al PTP, grazie alla partnership con più di 30 aziende, CNR, CREA e Università di Milano, sono state analizzate diverse tematiche: dall’utilizzo dei terreni marginali per la produzione di alimenti alla sostenibilità ambientale di un modello agro-zootecnico intensivo quale quello lombardo, dalla gestione integrata delle colture all’efficienza nell’uso dell’acqua e dei fertilizzanti. Il settore privato, il mondo della ricerca e numerose delegazioni internazionali in ambito agricolo hanno partecipato a decine di convegni e workshop su temi come l’irrigazione a goccia su cereali e foraggere, l’alimentazione e il benessere della vacca da latte, fattori limitanti e potenzialità dell’irrigazione nell’agricoltura africana,  come riconoscere le frodi alimentari, la filiera sostenibile della soia, ed altro ancora. Nel Campo Dimostrativo e nelle stalle da latte coinvolte è stato possibile osservare alcune delle più moderne tecnologie che possono essere applicate nei diversi settori del comparto agro-zootecnico.

Il campo è stato visitato da 19 delegazioni estere provenienti dal quartiere di Expo 2015 oltre a quindici altre delegazioni internazionali, e da più di mille persone.

Il Campo Dimostrativo è stato irrigato con la tecnica “a goccia”, che ha creato molto interesse e di cui si prevede un significativo sviluppo in Italia.

Il sistema a goccia è consigliato anche per piccoli agricoltori, per terreni marginali, per terreni in pendenza ed anche per colture come quella del riso.

“Demo Field e Dairy Farm hanno portato in campo l’agricoltura del futuro – ha riferito Gianluca Carenzo, Direttore Generale PTP –  Tecnici, professionisti, aziende, delegazioni internazionali, scuole ed operatori del settore hanno approfondito in un sito facilmente raggiungibile da Expo le tematiche sulla sostenibilità della produzione di cibo attraverso le innovazioni oggi disponibili sul mercato. Più di 30 le aziende che hanno esposto in modo permanente le loro tecnologie integrate con il sistema ricerca e le istituzioni. Un modo moderno di fare trasferimento tecnologico che permette al lodigiano di essere ancora protagonista nell’innovazione agroalimentare”.

Sui programmi futuri del PTP, ha parlato Alessandra Stella, direttore scientifico PTP: “Intendiamo far convergere i due progetti Demo Field e Dairy Farm mettendo le strutture del campo dimostrativo ancor più al servizio delle filiere agro-zootecniche. Pensiamo di potenziare il progetto, con l’obiettivo di fare del Demo Field un centro di riferimento per la sostenibilità agronomica, ambientale ed economica di un modello produttivo di agricoltura intensiva nell’era dell’economia circolare”.

Al convegno sono intervenuti Simone Uggetti, Sindaco di Lodi e Presidente della Fondazione Parco Tecnologico Padano, Mauro Soldati, Presidente della Provincia di Lodi, Carlo Gendarini, Presidente della CCIAA di Lodi, sottolineando l’importanza dell’esperienza lodigiana nel semestre di Expo e le prospettive di rilancio del territorio che rappresenta un esempio di ecosistema virtuoso.

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

12 + diciotto =

Accetto la Privacy Policy * for Click to select the duration you give consent until.

Precedente ALLA MAKER FAIRE DI ROMA IL ‘BATTESIMO DEL VOLO CON I DRONI’ E LE INSTALLAZIONI DELLA LINK CAMPUS UNIVERSITY
Successiva Mauro Improta ai microfoni di Radio Club 91

Articoli Suggeriti

MILLEFIORI: successo per la disfida tra la sfogliatella napoletana e la bellosguardese

La sede del IV circolo didattico di via Cappiello non è agibile

Vomero: una cerimonia per ricordare Silvia Ruotolo

Brusciano, donato un albero di ulivo all’amministrazione comunale

Grande successo per il primo master di massaggiatore professionista dello spettacolo e dei grandi eventi

A Napoli Wine&Thecity® e le Degustazioni Nomadi di Datè