Napoli: insulti e minacce al COISP


Questa mattina uno sparuto gruppo di sedicenti rivoluzionari si è reso protagonista, a Napoli, di una vera e propria manifestazione di intolleranza nei confronti del Sindacato di Polizia COISP. All’esterno della sede della nostra Segreteria Provinciale i contestatori hanno appeso striscioni ingiuriosi e hanno deturpato i muri circostanti con insulti e offese all’indirizzo del Sindacato Indipendente COISP. Un vero e proprio assalto in nome di non si sa quale libertà.

“Un atto di intolleranza e di provocazione per coprire quella che in sostanza è una disperata ricerca di notorietà e visibilità” – afferma Giulio CATUOGNO, Segretario Generale Provinciale del COISP di Napoli. “Il gruppetto di contestatori appartenenti ad un fantomatico laboratorio culturale (che di culturale ha veramente ben poco) – continua CATUOGNO – ha scelto di <festeggiare> il decimo anno di vita con un’azione eclatante contro la Polizia. E come oggetto della propria contestazione ha scelto il COISP che, a quanto pare, <nel panorama sindacale di categoria, è l’unico ancora a difendere a denti stretti i diritti dei poliziotti>”.

“ Se difendere i diritti degli uomini e delle donne in divisa dà fastidio a questi individui a noi poco interessa – incalza Il Segretario Generale del Coisp partenopeo – non ci intimoriscono di certo gli insulti e le minacce di questi soggetti (e di quelli che ci <tengono d’occhio>!) che ancora giocano a scimmiottare i leaders rivoluzionari degli anni che furono, stringendo in una mano la bandiera della pace e nell’altra un cubetto di porfido. Siamo un Sindacato di Polizia e siamo posti a tutela dei diritti di chi indossa la divisa. Diritti che, particolarmente negli ultimi anni, tutti provano a negarci. In questa battaglia a sostegno delle nostre ragioni, seppure lasciati soli, noi continueremo con la certezza di chi è nel giusto, perché i poliziotti non sono carne da macello, non rappresentano i figli di un dio minore e pertanto non devono continuare a godere, rispetto ad ogni altro cittadino, di diritti dimezzati, parziali o addirittura non riconosciuti!”.

“Quello di stamane – conclude CATUOGNO – è e resta un atto di insulso vandalismo e di una strumentalizzazione di matrice ideologica di soggetti in cerca di visibilità. Fautori del disordine e della disobbedienza <a prescindere> che, col dente avvelenato per chissà quale trascorso, si scagliano contro chi difende la categoria dei poliziotti che, nonostante sia continuamente martoriata e vessata dai vari governi che si sono succeduti negli ultimi decenni, tenta di garantire con quel poco che ancora ha la sicurezza e l’ordine pubblico”.

Coisp

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Precedente G8 di Genova, poliziotti ai domiciliari
Successiva "Un sindaco al giorno" su Radio Club 91

Articoli Suggeriti

MAISON TONATTO. LE ACQUE PROFUMATE D’AUTORE

Teatro, “Pinuccio chiama Cagli”

GATTA CENERENTOLA, il cartoon d’autore al Duel

Grande successo per il Fashion Event di Tersige Cerrone

In arrivo lo sciopero dei benzinai

Convegno, amore ad ogni età: contraccezione e sessualità consapevoli