Da Brusciano a Londra in volo verso il futuro


In Italia manca il lavoro. Non c’è, non si trova, molti hanno pure rinunciato a cercarlo. Ma c’è un paradosso tutto italiano e riguarda il lavoro che c’è e nessuno intende fare. Da uno studio della Confartigianato sull’elaborazione dei dati del Rapporto 2010 Excelsior-Unioncamere risultano 150.000 posizioni lavorative che le imprese non riescono a coprire. Ci sarà di sicuro un difetto di informazione e di formazione ma anche una mentalità, dura a morire, che incatena le aspettative lavorative dei giovani ad una sedia e ad una scrivania in un comodo ufficio.

Lasciando così scoperti, a fronte di circa 550.000 nuove assunzioni, l’83% dei 1500 installatori di infissi; il 39% di panettieri artigianali, dei 1040; il 29% dei 1.750 gelatai e pasticcieri; il 20% di 2.000 sarti e tagliatori; il 14% di baristi e camerieri; il 10% dei muratori e dei macellai necessitanti alle aziende italiane. Intanto negli ultimi due anni 216.000 giovani, fra i 15 e 34 anni, hanno perso il loro posto di lavoro. Attualmente la disoccupazione giovanile, da 15 a 24 anni di età, è arrivata al 40,5%, un record a far data dal 1977.

Per chi intende lanciarsi in un progetto migratorio e volesse ottenere utili informazioni, preziosi consigli e conoscenze di esperienze vissute c’è un sito, molto accurato e seriamente gestito, da visitare assolutamente: http://www.italiansinfuga.com/.

Ma torniamo a casa nostra. Sia pure ancora per un po’. “Anthony va a Londra”. Potrebbe essere il titolo di un film, un libro o una canzone. Nella realtà è un passaggio di vita vissuta da un giovane padre di famiglia. Nato a New York, 45 anni fa, Anthony D’Amore da adolescente ritorna in Italia insieme alla famiglia, dove compie gli studi superiori. Dopo decenni di lavoro e sacrificio a stelle e strisce i suoi genitori preferiscono stabilirsi nel paese di origine, a Brusciano (Na), con casa e pensione assicurata, il meritato riposo e la prospettiva di una serena vecchiaia circondati dai figli felicemente sposati e da vispi e simpatici nipoti. Ma il lavoro in Italia è poco. Nel Meridione scarseggia. A Brusciano è una lotteria. Per Anthony, deluso dall’eterna attesa, spesso offeso da false promesse, irritato dagli adescamenti politici di questi anni è arrivato il momento di dire basta!. Lui di madrelingua americana e di esperienze lavorative alquanto diversificate nel campo alberghiero ed artistico, di modi garbati, di ottima presenza e di onesta appartenenza familiare ha potuto permettersi con una telefonata a Londra un breve colloquio ed il suo curriculum professionale di essere ingaggiato e dover preparare la sua partenza in pochi giorni. Quello che inizia è un progetto migratorio che intende completarsi, nelle intenzioni di Anthony, per il prossimo futuro con il ricongiungimento familiare della moglie Anna e dei due loro bambini Raffaele e Umberto.

Anthony D’Amore martedì prossimo volerà da Napoli a Heatrow per giungere poi nel centro di Londra. Come buon viatico l’amico Antonio Castaldo, nel brindisi di commiato, ricorda “fra i tanti momenti che ci hanno visto insieme operare in pubblico, con successo personale e gratificazione generale, tre iniziative spettacolari in Piazza XI Settembre a Brusciano. La prima l’inaugurazione della stessa piazza, il 24 luglio 2004, con ospiti le autorità consolari USA, il Vescovo di Nola, i politici nazionali, regionali e gli amministratori locali. La seconda nell’estate del 2005 con gli “Incontri tra Popoli e Culture” ad ospitare sul palco gli indiani Cree, nativi d’America, con i loro canti, balli e racconti. La terza, della primavera 2006, nell’affollatissima, fino all’inverosimile, Piazza XI Settembre per la serata dedicata al ballerino Raffaele Tizzano, bruscianese, prima giovanissimo allievo della “Modern Dance” della coreografa Clelia Cortini e poi protagonista in Mediaset con Maria De Filippi partecipando ad “Amici 5” e conquistando la fase finale 29 gennaio 26 marzo 2006. E mi fermo qui. Mentre da solo Anthony in questi anni ha lavorato sulla Costiera nel mondo alberghiero ed in qualità di D J ha colto successi a Napoli ed in Campania. Per questo -conclude Antonio Castaldo- credo che Londra, capitale mondiale della musica rock e pop, lo coinvolgerà anche per le sue competenze di animatore e promoter artistico. Anthony, have a safe trip and good luck in London”.

 

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto − 3 =

Accetto la Privacy Policy * for Click to select the duration you give consent until.

Precedente Cantine Aperte 2013, più investimenti nel settore vitivinicolo
Successiva Copertine d’autore: giovani artisti e designer dello IED per il Giornale Italiano di Nefrologia

Articoli Suggeriti

MODA: DIECI DIECI FESTEGGIA CON I FOLLOWER E CECILIA RODRIGUEZ

Coisp: violenza dei manifestanti nei confronti dei Poliziotti

Inaugurata la mostra My Life di Vanda Daminato alla Terrazza Duomo 21

MALATTIE RARE, LORENZIN GARANTISCE IMPEGNO PER LO SCREENING NEONATALE

Al Nostos Teatro MOONSHINE vol. 3 – Distillazione clandestina di parole e note

Al via i Casting per V#ashtag: il nuovo varietà di GT Channel