Anonymus contro pedofilia


L’attività degli hacker di Anonymus non conosce sosta. Dopo l’attacco alla chiesta battista di Westboro per le attività dimostrative intraprese a seguito della strage nel del Connecticut, il collettivo di hacker ha preso di mira i pedofili riuscendo a far sospendere numerosi profili Twitter e ad avviare una inchiesta   per pedofilia in Usa.

Il collettivo di hacker più famosi al mondo ha violato una trentina di account del social network, portando alla luce un traffico di foto di abusi su minori. A rivelarlo è la stampa specializzata.

“Non siamo contro Twitter perché ci sono dei pedofili che lo usano. Ma questa è la nostra comunità, vogliamo fare un po’ di pulizia”, sottolineano gli hacker.

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

10 + 5 =

Accetto la Privacy Policy * for Click to select the duration you give consent until.

Precedente I misteri del presepe napoletano
Successiva Arte, la pittura di Giuseppe Cacciapuoti

Articoli Suggeriti

“Sunset Malandrino”, inaugurato il lounge club di Palazzo Petrucci

Vico Equense, 20mila ragazzi premiano il corto migliore del 4° Social In The School

Scorte, il Coisp: “Assolutamente necessario rivedere un sistema inefficiente”

Concerti di Autunno. Al via la 21 esima edizione

Caso Aldrovandi, ancora in carcere due poliziotti

Adriano Morelli presenta al Duel Village IL NOSTRO LIMITE