MULIGNAN A PACCHE DI NONNA: UNA RICETTA DAL SAPORE ORIENTALE


La melanzana viene importata in Medio oriente e nel Mediterraneo nel VII secolo e quindi non ha un nome latino o greco. In Italia venne inizialmente chiamata petonciana o anche petronciano. Per evitare fraintendimenti sulle sue proprietà, la prima parte del nome venne mutata in mela dando così origine al termine melangiana e poi melanzana. Il nome melanzana, come paraetimologia, veniva popolarmente interpretato anche come mela non sana, proprio perché non è commestibile da cruda.

È molto versatile e ci sono molteplici ricette da poter preparare. Si possono fare infarinate e fritte, arrostite, ripiene, usate come aggiunta al ragù per la pasta, come ripieno, per farne la famosa e buonissima parmigiana. Io vi propongo una ricetta che faceva sempre mia nonna, che richiede tempo e pazienza per prepararla ma ne vale davvero la pena!

Ingredienti: 5 melanzane; sale fino quanto basta; 3 spicchi di aglio; 1 kg di pomodori freschi per cucinare; origano; formaggio grattugiato; mezzo bicchiere di olio per friggere; basilico fresco.

Preparazione: tagliare le melanzane a metà nel senso della lunghezza, metterle in una teglia e incidere ognuna con un coltello, aggiungere del sale e lasciarle per un’ora. Trascorsa questa ora, strizzarle bene, condire con aglio a fettine sottili mettendolo nei tagli tra la polpa, schiacciare il sugo dei pomodori freschi (tenendo da parte quelli schiacciati) su ogni melanzana, spolverare con origano, formaggio e un altro pizzico di sale. Continuare così con tutte le melanzane. Metterle in una padella grande con l’olio per friggere e un pochino di acqua. Adagiarle senza sovrapporle, aggiungere su anche i pomodorini schiacciati lasciati da parte, altro formaggio e basilico fresco. Lasciar cuocere prima a fiamma alta per 10 minuti, poi a fiamma media, avendo anche cura di girarle, per almeno 40 minuti (la grandezza delle melanzane non sarà uguale per tutte, quindi controllare la cottura: quando infilzando con una forchetta ogni melanzana questa trapasserà senza problemi perché morbide). Fare attenzione a non far tirare troppo il sughetto.

Se vi fa piacere seguitemi sulla mia pagina instagram cuciniamobyanna (le ricette di Anna).

Annamaria Leo

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × cinque =

Accetto la Privacy Policy * for Click to select the duration you give consent until.

Precedente Giornata internazionale contro l'omofobia, la bifobia, la transfobia 
Questa è la storia più recente

Articoli Suggeriti

Torre Annunziata come le città altoatesine

Optima e Giffoni una partnership per sostenere i giovani creativi del futuro

A Palazzo di Città la Festa dei Giornalisti Salernitani

Jheronimus Bosch e Venezia in mostra a Palazzo Ducale

LA GUERRIERO LUVO ARZANO SI ACCORDA CON MARTINA DEL VAGLIO

ZUIKI SEMPRE PIU’ GRANDE IN CAMPANIA