“3-10-14” : terno secco sulla ruota del Bolivar


locandina Teatro Bolivar

Allegria e melodia partenopea al Bolivar questa sera alle ore 18 con “3-10-14: terno secco sulla ruota del Bolivar”, spettacolo nato da un’idea della spumeggiante Giò Siciliano notoriamente te poliedrica, che stavolta riveste il molteplice ruolo di ideatrice, produttrice, cantante e attrice.

La regia è a cura del bravo Sasà Trapanese, anche interprete oltre che intenso Pulcinella.

Ancora: giovane e valente Cristiano Avolio, e E figlie e’ Napule, compagnia creata dalla poliedrica e spumeggiante Giò, che si esibisce insieme a lei ed è stata più volte applaudita anche al San Ferdinando, al Cilea, allo stesso Bolivar, ecc..

Mentre al pianoforte ci sará la bravissima Gabriella De Carlo, tra i migliori maestri partenopei, a ulteriore testimonianza della qualità dell’atteso evento.

Giò Siciliano porrà all’attenzione del qualificato pubblico  le canzoni e brani di spessore dimenticati o non sufficientemente valorizzati, col preciso obiettivo di sollecitare emozioni, stimolare riflessioni, far sognare, sperare, sorridere.

Il Bolivar presenta questo bello spettacolo coinvolgente, divertente, originale, che prende spunto dalla jella d punta allo stesso tempo a porgere un tributo all’autentica Napoletanità e ai suoi artisti illustri,  in maniera nuova e propositiva inserendosi alla grande in questa stagione 2018/19 che è caratterizzata da un programma dalle variegate e scelte proposte di vari generi artistici.

Ennesimo prodotto di qualità, dunque, della creativa Giuseppina Siciliano, questo è il nome di Giò, eccellente angiologia, chirurgo vascolare, specialista in Antiaging non invasivo, nota ed apprezzata cantante pluripremiata, valente scrittrice di testi teatrali e di libri d’impegno sociale d’indubbio spessore, partendo da “È tempo di parrucche”, dedicato “a tutte le guerriere che stanno lottando e a quelle che sono cadute sul campo” nella purtroppo attuale guerra contro il tumore.

Canzoni e brani che meritano maggiore attenzione in una serata che offrirà “un’occasione di riscatto in nome dell’Arte e della Melodia, all’insegna della migliore Napoletanità alle melodie dimenticate”, come preannuncia  Giò visibilmente motivata ed entusiasta della sua creatura.

In “3-10-14: terno secco sulla ruota del Bolivar” propone una armoniosa selezione: pezzi non adeguatamente valorizzati, altri un tempo famosi ed oggi dimenticati, o che non hanno avuto il giusto successo e in essi viene affrontato fondamentalmente e piacevolmente  il tema della superstizione, la jella, la dipendenza da amuleti e scongiuri, l’ossessione della “bona e della cattiva ciorta”.

“3-10-14: terno secco sulla ruota del Bolivar”, si pone come un dono da parte degli artisti ad una platea di qualità e valida testimonianza della svolta del Bolivar, a conferma della impostazione innovativa e propositiva e della notevole attenzione da parte della Direzione alla migliore produzione partenopea, indirizzo di questa eterogenea stagione 2018/19 che spazia dalla musica al teatro, anche con giornate a tema rivolte ai giovanissimi e agli adulti, con interessanti  presentazioni di libri, diverse mattinate per le scolaresche, appassionanti corsi di danza e laboratori teatrali perché,  come affermato Emilio Fede, da quest’anno direttore artistica del Bolivar  “Napoli è uno spettacolo sul quale non calerà mai il sipario”. Il nuovo ruolo del noto giornalista contraddistingue l’ attività del Teatro Bolivar e la scelta operata di un’ampia apertura verso le richieste della città. Quindi: appuntamenti cadenzati, confronti, occasioni che puntano a focalizzare l’attenzione, attraverso l’Informazione, sul quartiere Materdei e la città di Napoli, oltre alla variegata rassegna ufficiale in calendario, a quella amatoriale che offre visibilità a tanti appassionati e poi, il corso di comicità con master class, workshop, stage.

“Metterò la mia lunga esperienza come giornalista per creare dibattiti ed incontri a carattere sociale” – assicura Fede e ne è visibilmente soddisfatta Romina De Luca, che dal  2007 guida la sala napoletana e l’ha rilanciata con un mirato ed operoso lavoro di restyling,  restituendola alla città dopo anni di chiusura.

“Avere come direttore artistico di questa undicesima stagione Emilio Fede è un vero onore, motivo di grande orgoglio.” – afferma e precisa: “Quest’anno, sono davvero numerose le iniziative dirette ad un pubblico sempre più eterogeneo con tante altre attività ancora”. 

Info: 0815442616

 

Photo di Armando Giuseppe Mandile

 

Giò Siciliano
Giò Siciliano

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Precedente A Sant’Angelo in Vado torna la Mostra Nazionale del Tartufo Bianco
Questa è la storia più recente

Articoli Suggeriti

“Un pomeriggio con … Letizia” all’Hotel Cineholiday

Il Sindaco di Brusciano rivoluziona la macchina amministrativa

Tv Luna, ritorno di Domenica Luna Live

L’ENPA lancia la II edizione di rifugi aperti/festa amici cucciolotti

Gran Premio Internazionale di Cucina Carfora, a Cervino chef a confronto

Ugo Gangheri al Womex 2017