Bere&bè, ad Afragola il rifugio per chi vuole bere bene


taglieri 2

Ecco un nuovo punto di riferimento per wine lovers: ad Afragola (in provincia di Napoli) ha aperto da poche settimane “Bere&bè”, un grazioso locale che punta a un’offerta gastronomica semplice, ma gustosa e di qualità, accompagnata da una vasta scelta di vini provenienti da tutto il mondo. Si tratta di una bottiglieria & pizzicheria: un posto dove non si va solo per mangiare, quanto per bere bene e abbinare il vino a un buon piatto di formaggi e salumi oppure ad una “zingara” (classica oppure gourmet), unico locale napoletano a proporre questa tipologia di panino in più versioni.

L’ambiente è caldo e accogliente. I proprietari, Augusto Santoro e Ferdinando Salzano, sono giovani esperti e appassionati di vini. Un vino tira l’altro: è venuta così fuori una carta dei vini con più di 230 etichette, per un totale di bottiglie che supera il migliaio. Qui si possono degustare ad esempio vini provenienti da tutta Italia (dal Trentino Alto Adige alla Sicilia, passando per le colline della tanto agognata Franciacorta, della nobile Toscana e della sempre più apprezzata Campania), per poi sbarcare in Francia, da Reims a Épernay, con le superlative Maison du Champagne.

Vale la pena di farsi guidare dal personale di sala per un assaggio  di formaggi e salumi, ricercati e di qualità, di bruschette (ad es. quella “Classica” con i pomodorini; oppure quella “Sudtirol con speck, ricotta di bufala, crema di funghi; od ancora la “Tris ortolano” con peperoni al forno, zucchine e melanzane grigliate), oppure di zingare, una sorta di sandwich – di origine ischitana –  ottenuto con due fette di pane casereccio tostate e farcite con ingredienti freschi (buonissima la “Confit” con fesa di tacchino, pomodorini del piennolo confit, pesto di basilico, scaglie di parmigiano Reggiano; squisita la “Bere&bè” con mortadella di cinghiale, provola di Agerola, crema di pistacchi e limone; non poteva mancare la “Ischitana” farcita con mozzarella di bufala, insalata, pomodori e maionese). Il pane è quello tradizionale, detto “cafone”, ottenuto con lievito madre.

Per un aperitivo più informale sono a disposizione anche birre artigianali e Spritz ottenuti con bollicine superlative.

Nell’angolo “distilleria”, infine,  sono a disposizione ottimi Whisky, Rum, Grappe, Gin e Vodka. E per chi al dolce non riesce proprio a rinunciare, ci sono le proposte di Sal de Riso con una vasta gamma di vini dolci da potervi abbinare.

Bere&bè è aggregazione, confronto, allegria. La concretizzazione della gioia di vivere alla “maniera italiana” nel momento della degustazione di un buon vino. Un luogo dove stare con gli amici dopo una giornata di studio o lavoro, o vivere un momento spensierato con il proprio partner… Un rifugio per chi vuole bere bene.

 

Hashtag ufficiale: #berebè
Pagina Facebook:  https://www.facebook.com/vinerianapoli/

 

Foto: Grazia Guarino

 

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Precedente 38 chef campani nominati “Disceples d’Auguste Escoffier”
Successiva Pietrarsa: al via La notte bianca della sfogliatella

Articoli Suggeriti

In arrivo il Premio Teramo che lavora. Ospite Silvana Giacobini

Domani nella biblioteca di villa Bruno “5 sensi da scoprire”

Mercoledì la presentazione dei due volumi “Il ducato” e “Napoli austriaca”

Premio sulla Responsabilità Sociale “Amato Lamberti”. A Sorrento la cerimonia

Coisp, archiviata l’inchiesta sugli appalti in Polizia

Al via la prima edizione di La Nostra Pastiera Racconti di Grano Chirico