Wine&Thecity, l’arte di Patrizia Molinari incontra le creazioni gastronomiche di Marianna Vitale


Per Wine&Thecity l’arte di Patrizia Molinari incontra le creazioni gastronomiche di Marianna Vitale chef di SUD Ristorante a Quarto (Na). Ancora una volta la chef, Una Stella Michelin, contamina il proprio lavoro con l’arte e il design in un dialogo continuo tra sala e cucina. La serata inizia alle 20.00 con la lettura dal libro: PER BACCO CHE VERSI DIVINI di Filippo Bettini, il testo è un’ipotesi antologica sulla presenza del vino in poesia da Omero ai giorni nostri.

Alle pareti, per la prima volta a Napoli e in occasione di Wine&Thecity, ci saranno le fotoopere di Patrizia Molinari, artista romana. La ricerca di questo ultimo lavoro della Molinari nasce dalla necessità di attraversare lo spazio fisico per crearne uno illusorio, sulle pareti di SUD opere realizzate in materiale specchiante, così da moltiplicare la sensazione di trovarsi in uno spazio che non può essere definito, ma che deve essere percepito solo allertando tutti i sensi alla ricerca di una continuità tra sé e l’infinito, il vino.

<I miei piatti sono quello che non si vede e quello che non si vuole vedere>, spiega Marianna Vitale che per l’occasione ha realizzato un menu inedito.

 

 

Opening con cena da SUD – Quarto

Martedì 27 maggio 2014, alle ore 20.00

Solo su prenotazione.

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Precedente I Comuni di Brusciano e Casamarciano protestano contro la convenzione imposta dalla Regione Campania
Successiva Al via Fuori Scuola 2014, protagonisti gli istituti cittadini

Articoli Suggeriti

I venerdì di Ercolano: visitatori guidati da tweet dal passato

Nasce il primo hamburger di Simmental

Pizza gratis a Napoli restituendo il cartone da asporto vuoto

La Scuola di Resina in mostra al Pio Monte di Misericordia

Teatro Bolivar, in scena “Prendi il copione e scappa”

MAURICE LACROIX, IL MARCHIO DEL TEMPO