AL VIA LA QUARTA EDIZIONE DI NAPOLIMODADESIGN


E’ partita la quarta edizione di Napolimodadesign ospitata quest’anno nelle splendide sale del Palazzo dei Congressi Federico II, in via Partenope n.36, Napoli.

La  Contemporary House ha aperto le porte ai suoi ospiti con una serie di istallazioni, sfilate, show cooking, aperitivi, cene stellate, ma anche con appuntamenti musicali, corsi di formazione e approfondimenti con esperti.

Dal 27 aprile al 5 maggio il creatore nonché ottimo anfitrione, l’architetto Maurizio Martiniello, ha ideato l’evento con lo scopo di incuriosire il suo pubblico, non con effetti speciali, ma bensì con l’intento di fondere due mondi affini che sinergicamente creano opportunità di lavoro tra le realtà  dei famosi brand e di alto design e le sartorie locali, tra industria di nicchia e mondo artigianale. Una sorta di casa ideale all’avanguardia dove ogni stanza oltre a risultare innovativa è allo stesso tempo funzionale ed ecocompatibile e dove i visitatori,  già in netto anticipo,  danno uno sguardo alle novità del prossimo anno.

Tra le tante esposizioni spiccano gli abiti prestati dal Teatro San Carlo e realizzati dalla costumista Giusi Giustino per “My Fair Lady”, esposti sullo scalone di marmo del palazzo, le opere d’arte di Mauro Milani e i gioielli di Damiani.

Saranno presenti chef come Antonino Maresca, Marco C. Merola, Luigi Salomone e Domenico Iavarone che il 4 maggio prepareranno la cena di beneficienza. Il ricavato andrà ad Azione Sorriso, onlus da sempre impegnata in progetti umanitari.

Ampio spazio anche ai giovani che faranno sfilare le proprie creazioni: la casa, infatti, ospiterà l’Accademia di Belle Arti di Napoli, corso di Fashion Design, l’Istituto Superiore di Design e l’Istituto Professione Moda.

Eventi formativi, come il convegno “La moda e la sua tutela legale” organizzato dall’Ordine degli Avvocati Napoli Nord, e tanti altri corsi con crediti per architetti e giornalisti.

Al dibattito formativo “Architettura e Informazione” l’architetto Maurizio Martiniello ha espresso al Presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, Ottavio Lucarelli,  la sua difficoltà a relazionarsi con i giornalisti nel parlare di design : “Parlare di Design è molto difficile in quanto si parla più della moda, magari dei personaggi famosi che intervengono alle kermesse e mai della progettazione dello stilista e quindi del vero design, cosa a cui io, da architetto tengo di più”.

Si dispiace anche del fatto che i giornalisti abbiano dato risalto, massacrandolo, alla sua scelta (infelice?) di una foto per promuovere Napolimodadesign. (Per chi non l’avesse vista, si tratta di due modelle che fanno una finta sedia, una a quattro zampe, col volto che scompare tra i cuscini di un divano e un’altra seduta sopra di lei, con mini abiti rossi, collant rossi e tacco dodici di vernice nera; autore dello scatto incriminato, il fotografo Diego Diaz Marin che l’aveva realizzata per Vogue).

Il nostro non voleva essere un manifesto offensivo – continua Martiniello – perché non  è un uomo seduto su una donna. Mi dispiace che molti si siano scandalizzati ma ho un dress code rosso che di solito utilizzo per gli eventi. Quindi c’era il rosso, c’era l’assonanza con le due modelle che avevano questa simbiosi e ricordavano una sedia, sedie che ho esposto un po’ in giro per le stanze (vedi quella col tessuto cravatta di Marinella o quella con i tessuti di San Leucio).  “Naturalmente il clamore per la “censura” della foto che per me era una foto artistica, ha dato risalto all’evento e quindi il risvolto della medaglia è stato comunque positivo“.

La kermesse continuerà fino al 5 maggio p.v. qui di seguito il link con i programmi dei prossimi giorni

https://www.napolimodadesign.it/

Elena Simonetti

Foto di Elena Simonetti

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Precedente AL VIA LA SETTIMA EDIZIONE DEL FASHION GOLD PARTY
Successiva Le gigantesche emozioni del “Carros De Foc” al Nabilah

Articoli Suggeriti

Quattro passi lungo la Pedamentina di San Martino e nei Quartieri spagnoli

Vola alta, parola. In mostra i libri d’artista delle edizioni Colophon

ICONOCLASS, ESSENZA DI FEMMINILITÀ…

Al nuovo Pub (B)McCool’s un Menù che fa bene al cuore e al palato

Alla Galleria Borbonica lo spettacolo di danza contemporanea “OVO”

RFI, STAZIONE NAPOLI CENTRALE: AL VIA INTERVENTI PER NUOVO ASSETTO BINARI