Cena al buio a Sant’Anastasia


Si è’ svolta presso il Centro Liguori di Sant’’Anastasia la “Cena al buio”, evento di sensibilizzazione e promozione al problema della disabilità’ visiva.

L’’Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti ha accolto le Amministrazioni comunali dei paesi dell’Hinterland vesuviano.

All’’appello hanno risposto sindaci assessori e consiglieri che hanno partecipato con interesse attivo ai vari step proposti dagli esperti che hanno curato l’’evento: Antonio Maione ed Enrico Mosca alla presentazione e dimostrazione dell’’uso dei più’ comuni ausili usati per la didattica, la riabilitazione e l’’autonomia dei videolesi, Raffaella Martino che ha sottolineato con il supporto di alcuni video dimostrativi realizzati sul territorio, l’’importanza delle eliminazioni delle barriere architettoniche che rappresentano la prima causa di impedimento alla soddisfacente vivibilità’ dei paesi di residenza da parte della cittadinanza disabile.

Al termine delle proiezioni il Responsabile U.I.C.I. di zona, Giuseppe Fornaro ha introdotto la parte più’ impegnativa del percorso accompagnando attraverso un breve corridoio oscurato gli ospiti ai tavoli della sala da pranzo.

La cena si è’ svolta in una atmosfera buia, allegra e partecipata, guidata magistralmente da uno staff non vedente : Gaetano Orefice , Mario Zungri , Massimo Prisco e Lucia Manna che hanno provveduto ai bisogni degli ospiti durante la cena proponendo riflessioni e nuovi obbiettivi , allietando gli ospiti con letture di poesie a tema scritte direttamente da Lucia .

Ai tavoli, tutti ospiti di eccellenza che hanno ammesso di aver visto con occhi diversi questa realtà’ che toccata con mano ha certamente una valenza diversa di quanto lo sia immaginandola soltanto.

Forte impegno dei volontari : Irina Radomska, Lucia Castaldo , Patrizia Prota , Annarita De Simone, Luigi Fornaro , Enza Falco, Angela Rea, Luigi Sodano, Daniela Caputo e Carlo Falco che hanno curato tutte le fasi dell’evento, dalla cucina al guardaroba, dal’l’accoglienza alla preparazione delle sale per il ricevimento.

La realizzazione del cortometraggio dimostrativo che evidenzia la problematica delle barriere architettoniche, Riprese: Raffaella Martino, Enza Cicatiello, Gaetano Orefice e Giuseppe Fornaro

Montaggio video: Michele e Lucia Manna.

Si ringrazia pubblicamente il sindaco di Sant’Anastasia Lello Abete che ci incoraggia a ripeterci il prima possibile, agli assessori e consiglieri che erano presenti che ci inviano i loro apprezzamenti anche attraverso i social, al sindaco di Somma Vesuviana Pasquale Piccolo con l’’assessore alle politiche sociali Giovanni Salierno, al sindaco di Volla Angelo Guadagno con la vicesindaco Simona Mauriello, all’’assessore alle politiche sociali di Pomigliano d’’Arco Raffaele Sibilia e alla sensibilitaà dimostrata dell’’ assessore di Pollena Pasquale Busiello.

 Infine, un sentito ringraziamento va a tutte le persone che hanno voluto stare con noi in questa serata particolare e che l’’hanno resa un sicuro successo.

 

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

venti − 14 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Precedente CHE FINE HANNO FATTO I CANI DEPORTATI DI CASTELLAMMARE?
Successiva L’Arnina inedita di Lorenzo Bartolini in mostra alla Galleria dell’Accademia

Articoli Suggeriti

TRENITALIA REGIONALE CAMPANIA: AGEVOLAZIONI TARIFFARIE PER ABBONATI CHE UTILIZZANO IL PARCHEGGIO ANM DI BAGNOLI AGNANO TERME

A GIUSEPPE RAIOLA LA “PAUL HARRIS FELLOW”

Nuovo Teatro Sancarluccio, in scena le Primtemps de poetes et des artistes

Alex Britti in concerto all’Arenile di Bagnoli

Sold out per la prima serata del Coca-Cola Pizza Village a CityLife

50° anniversario dei Doors: Fun House Project celebrano la band al Moses