In arrivo torneo di calcio a 5 non vedenti “ABETE CUP”


ASD organizza un Torneo di Calcio a 5 categoria B1 intitolato “ABETE CUP”. Obiettivo della manifestazione, è quello di promuovere il calcio a 5 cat. b.1 e far nascere nuove squadre nel sud che possano disputare tale disciplina partecipando al Campionato Nazionale.

La manifestazione si svolge presso il centro sportivo Barrese sito in via delle Repubbliche marinare Napoli

Squadre partecipanti: ASD Roma 2000, DHS Napoli (ASD Real Vesuviana), ASD Bari, CUS Lecce

1^ Giornata 25/26 Gennaio 2014 a Napoli

Sabato Pomeriggio:

ASD Roma 2000 vs ASD Bari ore 15.00

Domenica mattina:

CUS Lecce vs ASD Roma 2000 ore 10.00

ASD Bari calcio vs DHS Napoli (ASD Real Vesuviana) ore 11.30

2^ Giornata 29/30 Marzo a Napoli

Sabato Pomeriggio:

DHS Napoli (ASD Real Vesuviana) vs CUS Lecce ore 15.00

Domenica mattina:

ASD Bari vs CUS Lecce ore 10.00

DHS Napoli (ASD Real Vesuviana) vs ASD Roma 2000 ore 11.30

La Squadra vincitrice del Torneo sarà quella che totalizzerà più punti in classifica seguendo questa formula: partita vinta +3 punti, pareggio +1 punto, sconfitta 0 punti; in caso di parità di punti si terrà conto della classifica parziale degli scontri diretti se sussiste ancora il pari allora si terrà conto della migliore differenza tra gol Fatti/Subiti

Caratteristiche di gioco

Il campo di gioco, di forma rettangolare, è quello standard per il calcio a 5 (lunghezza compresa tra 38 e 42 metri e larghezza compresa tra i 18 e i 22 metri), seppur opportunamente modificato, essendo circondato da sponde in policarbonato alte 130 centimetri, in modo tale che la palla possa uscire solo dalle linee di fondo, e non ci siano rimesse laterali.[1]

Anche il pallone è opportunamente modificato, in modo da poter essere acusticamente individuato. Al suo interno, infatti, sono presenti dei dispositivi sonori (sonagli) che emettono un suono udibile dagli atleti.

Le squadre possono servirsi di guide (vedenti), posizionate a bordo campo insieme all’allenatore, che dettano istruzioni ai giocatori per aiutarli nei movimenti.

partite sono formate da due tempi regolamentari di 25 minuti ciascuno, intervallati da una pausa della durata di circa dieci minuti.

Ogni squadra è formata da cinque giocatori, compreso il portiere che e un vedente. Gli altri giocatori, invece, sono tutti bendati, onde evitare che qualcuno possa trarre un vantaggio da un minor grado di disabilità.

In Europa, il primo campionato nazionale ha avuto luogo in Spagna nel 1986; i primi campionati continentali europei e americani, invece, si sono svolti nel 1997, seguiti dal primo Campionato del Mondo nel 1998. Dal 2004, è inserito nelle discipline praticate alle Paralimpiadi.

Facebook:

http://www.facebook.com/napoli.realvesuviana/

http://www.facebook.com/groups/realvesuviana/

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tredici + 9 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Precedente Coisp, Decreto Svuota-carceri in attesa di conversione in Legge
Successiva Lavori pubblici, nove progetti presentati alla Regione

Articoli Suggeriti

FASHION JEWELRY BY THAIS BERNARDES, ANIMA CARIOCA NEL CUORE DI MILANO…

AL VIA LA RASSEGNA: PASSEGGIATE D’ESTATE A CAPODIMONTE

Teatro Civico 14: scena Verticale presenta POLVERE – Dialogo tra uomo e donna

Presentazione del libro “Pietro Parisi. Un cuoco contadino, i volti della sua terra”

Al Nostos Teatro di Aversa in scena: Napucalisse di Mimmo Borrelli

Napoli: al salone Vebo la prima assemblea generale FIR