Sant’Agostino degli scalzi: in scena Sen limigi – terre senza confini


rbt

Sen limigi – terre senza confini è il progetto musicale di Brunella Selo che va in scena giovedì 21 dicembre ore 19.00 sempre nella chiesa di Sant’Agostino degli scalzi, 4 ad ingresso libero.

Lo spettacolo fa parte della rassegna “Natali erranti” organizzata da Baba yaga teatro e rientra  in “Altri Natali” del Comune di Napoli ed ha il patrocinio della Citta Metropolitana e della terza municipalità del Comune di Napoli.

 “Sen Limigi – terre senza confini” è un concerto di Natali altrove, di differenti natività, di rinascite necessarie dopo tanto peregrinare, di opportunità di trovare il proprio Natale in nuove terre senza confini, appunto “sen limigi”, in esperanto.

Il riferimento all’infinito popolo di migranti che nei secoli ha popolato il mondo è evidente e sotto gli occhi di tutti, ancora oggi. Da qui la volontà di raccogliere in uno spettacolo “diversamente natalizio” musiche di terre lontane, testimonianze sonore di chi, dal Cile al Messico, dal sud Italia al Portogallo, dall’Inghilterra ai Paesi dell’Europa dell’est, ha immaginato la propria vita e quella dei propri figli in terra straniera, inseguendo un futuro di dignità e di pace”. Alle canzoni, alcune tradizionali altre composte da meravigliosi musicisti come Victor Jara, Mercedes Sosa, Violeta Parra, Vitorino, si intrecciano versi di poeti e scrittori quali Erri De Luca, Tahar Ben Jelloun e Libero Bovio, in una visione corale suggestiva, struggente ed emozionante, alla ricerca di nuovi Natali, di inclusività e accoglienza, di un ritrovato senso di umanità.

Brunella Selo coordina un ensamble di straordinari musicisti, portandoci in terre lontane e facendoci riflettere sul senso più profondo del Natale.

 

Brunella Selo: Ha esordito giovanissima nell’ambito del folklore e della musica popolare, spaziando dal pop al jazz e alla musica classica contemporanea. Ha collaborato tra gli altri con Claudio Mattone (‘A città ‘e Pulecenella e la colonna sonora di Scugnizzi), Eugenio Bennato, Chorus Latino, Peppino di Capri, Gianluigi Di Franco, Tony Esposito, Fausto Mesolella, Avion Travel, Bruno Tommaso, Antonello Paliotti, Sergio Rendine, Roberto De Simone, Daniele Sepe. Proprio dalla collaborazione con quest’ultimo è nato il brano Tarantella del Gargano, colonna sonora del film di Mario Martone “L’amore molesto”. Affianca all’attività concertistica anche quella di docente di canto e vocal coach, e conduce periodicamente stages e seminari sulla vocalità.

Antonella Monetti, (in arte Dolores Melodia) è attrice, regista, musicista e cantante. Studia musica al Conservatorio e si diploma presso la Bottega teatrale di Vittorio Gassman. Lavora in RAI come conduttrice, attrice e autrice e per Videomusic come VJ; partecipa come ospite fissa al varietà Avanspettacolo esibendosi come “spogliarellista intelligente”, commentando notizie di cronaca politica. A teatro fonda con Alessandra Cutolo la compagnia “I liberanti” composta da detenuti ed ex detenuti. Lavora tra gli altri, con Giancarlo Sepe, Manlio Santanelli, Maurizio Scaparro, a cinema con Daniele Luchetti.  Dal 2014, con il nome di Dolores Melodia, si esibisce anche come cantante e musicista.

Carmine D’Aniello Ingegnere edile, libero professionista, musicista e cantante degli ‘o Rom, Capitan Capitone (Daniele Sepe) e dei Terroni Uniti, attivista ambientalista formatosi con la lotta contro la discarica di Chiaiano e presidente di una associazione culturale che da anni svolge laboratori musicali nelle scuole delle periferie di Napoli e gestisce uno spazio a Scampia che è scuola di musica e studio di produzione.

Dario Franco

Inizia le proprie esperienze musicali nell’ambito fusion-music con il quartetto Hydra seguite da tournee europee ed internazionali effettuate con i gruppi “Guarattelle” e “Masaniello” in un territorio folk-world music. Si inoltra nella progressive-music con il team Ciak. Collabora nel frattempo con svariate realtà del jazz campano (Francesco D’Errico, Enzo Nini, Antonio Onorato, Daniele Sepe) e di musica moderno-contemporanea: Antonello Paliotti, Roberto De Simone (Populorum Progressio teatro Mercadante). Ha collaborato inoltre con Enzo Gragnaniello, Gianni Lamagna, Giancarlo Perna, Brunella Selo, Ciccio Merolla e continua a prestare la propria opera in variegate realtà sonore

 Roberto Trenca

Chitarrista polistrumentista, collabora dal 2006 con la cantautrice cilena Isabel Parra. Vince in Cile il premio APES 2015, dell’ordine dei giornalisti dello spettacolo, come miglior interprete straniero della musica latino americana. Ha collaborato inoltre con molti gruppi ed esponenti del panorama musicale etnico e d’autore tra i quali Inti Illimani, Francesco Guccini, Mimmo Locasciulli e della scena musicale partenopea come Brunella Selo, Fausta Vetere, Isa Danieli, Mimmo Maglionico, Barbara Buonaiuto, Daniele Sepe.

21 dicembre ore 19.30

 Chiesa di Sant’Agostino degli scalzi, 4

UFFICIO STAMPA

Roberta D’Agostino

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 + dodici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Precedente Archipelago: reinventare la Filiera del Design e dell'Arredo Casa
Successiva TELLS ITALY E LO SCAMBIO DEGLI AUGURI

Articoli Suggeriti

Pick Up Point, a Napoli la prima “reception diffusa” a disposizione dei turisti

Passeggiate dalla Notte all’Aurora

AL RAVELLO FESTIVAL GRANDE SUCCESSO PER JURAJ VALČUHA E L’ORCHESTRA DEL TEATRO DI SAN CARLO

Atmosfere Soul in riva al mare per l’ultimo appuntamento del POZZUOLI JAZZ FESTIVAL 2015

Europa ho qualcosa di dirti…..al via il concorso fotografico

Presentata a Napoli la normativa di ‘innovatività terapeutica’ stabilita da AIFA