FESTA DELLA DONNA: 8 MUSEI PER L’8 MARZO!


Nel ricco panorama di iniziative organizzate nell’ambito di “Marzo Donna” – rassegna organizzata dal Comune di Venezia per la “Giornata Internazionale della Donna”, martedì 8 marzo 2016 – la Fondazione Musei Civici di Venezia rinnova la propria adesione a questa importante ricorrenza promuovendo una serie di attività e agevolazioni rivolte in modo particolare al pubblico femminile.

Otto sono i musei che l’8 marzo prolungheranno il loro orario di apertura fino alle ore 19: Museo Correr, Ca’ Pesaro – Galleria Internazionale d’Arte Moderna, Museo di Palazzo Mocenigo – Centro Studi di Storia del Tessuto e del Costume, Casa di Carlo Goldoni, Museo di Storia Naturale, Museo del Vetro, Museo del Merletto e Museo Fortuny. Quest’ultimo aprirà eccezionalmente le porte nel suo giorno settimanale di chiusura per permettere la visita alla rassegna in corso “Inverno a Palazzo Fortuny”, interamente dedicata a quattro straordinarie protagoniste al femminile – Henriette Fortuny, Romaine Brooks, Sarah Moon e Ida Barbarigo – vere e proprie “viandanti sul cammino dell’arte nel mondo dell’emancipazione femminile”.
Dato il successo di critica e pubblico ottenuto, la mostra è stata prorogata fino al 1 maggio.

L’offerta museale civica, grazie alla collaborazione della Soprintendenza PSAE e per il Polo Museale della Città di Venezia e della Gronda Lagunare include anche il Museo Archeologico Nazionale, inserito nel percorso integrato dei Musei di Piazza San Marco e visitabile con ingresso dal Museo Correr e il Museo d’Arte Orientale a Ca’ Pesaro, anch’essi aperti fino alle 19.

Oltre a questo, per l’occasione, sarà concesso l’ingresso gratuito a tutti i musei citati alle donne nate o residenti nei comuni della “Città Metropolitana”* (vedi elenco).

A chiudere la giornata, alle ore 18, al Museo di Palazzo Mocenigo, la presentazione del volume dedicato a una figura di spicco della scena culturale italiana nella prima metà del secolo scorso:

Margherita Sarfatti
La regina dell’arte nell’Italia fascista
di Rachele Ferrario
Edizioni Mondadori, Milano, 2015
Ne parlano Gabriella Belli e l’autrice

Grazie a una capillare ricerca documentaria e a carteggi inediti, l’autrice, Rachele Ferrario – storica dell’arte, docente di Fenomenologia delle arti all’Accademia di Brera e di Storia delle tecniche artistiche allo Iulm e collaboratrice del Corriere della Sera – ricostruisce il ritratto di una donna che per oltre vent’anni ha influenzato in modo profondo la cultura e l’arte italiane ma che, per una sorta di damnatio memoriae, è conosciuta dal pubblico solo come amante del Duce.
Giornalista, scrittrice e primo critico d’arte donna in Europa, Margherita Sarfatti rivestì in realtà un ruolo da protagonista, soprattutto in campo artistico, ma anche in politica.
Donna colta, elegante e raffinata, nasce a Venezia nel 1880 da una ricca famiglia ebrea, i Grassini. Fin da giovane frequenta Antonio Fogazzaro e Guglielmo Marconi, conosce la regina Elena e il patriarca Sarto, futuro papa Pio X.
Decisa a occupare un posto in prima fila nella vita, in un tempo in cui le donne potevano dedicarsi tutt’al più alla filantropia, il suo salotto di Milano, un vero laboratorio del pensiero artistico del tempo, è frequentato da futuristi come Marinetti e Carrà, Russolo e Boccioni – con cui intreccia una storia d’amore –, i pittori di Novecento (Sironi, Funi, Bucci), letterati e poeti come d’Annunzio e Ada Negri, e da un giovanotto trasandato ma ambizioso di nome Benito Mussolini.
Tra i due scoppia presto la passione, ma nasce anche un proficuo sodalizio in cui ognuno si serve dell’altro.
Il volume restituisce il temperamento di una donna libera, capace di affrontare con coraggio anche il dolore estremo della morte del figlio diciassettenne Roberto, arruolatosi volontario nella Prima guerra mondiale contro la volontà dei genitori. Una donna che ha vissuto in anticipo sul proprio tempo.

Accesso gratuito per tutte le donne dei comuni della Città Metropolitana
Apertura prolungata dei musei fino alle ore 19
Apertura straordinaria di Palazzo Fortuny
Presentazione del volume:
Margherita Sarfatti, La regina dell’arte nell’Italia fascista
di Rachele Ferrario (Edizioni Mondadori, Milano, 2015)
Museo di Palazzo Mocenigo, ore 18

I 44 comuni della città metropolitana:

Annone Veneto
Campagna Lupia
Campolongo Maggiore
Camponogara
Caorle
Cavallino-Treporti
Cavarzere
Ceggia
Chioggia
Cinto Caomaggiore
Cona
Concordia Sagittaria
Dolo
Eraclea
Fiesso d’Artico
Fossalta di Piave
Fossalta di Portogruaro
Fossò
Gruaro
Jesolo
Marcon
Martellago
Meolo
Mira
Mirano
Musile di Piave
Noale
Noventa di Piave
Pianiga
Portogruaro
Pramaggiore
Quarto d’Altino
Salzano
San Donà di Piave
San Michele al Tagliamento
San Stino di Livenza
Santa Maria di Sala
Scorzè
Spinea
Stra
Teglio Veneto
Torre di Mosto
Venezia
Vigonovo

 

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 − 1 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Precedente Una Primavera… Pizzesca: i battilocchi de La Masardona in tavola a Casa Lerario
Successiva Luvo Barattoli Arzano cerca continuità in casa del Betitaly Maglie

Articoli Suggeriti

Casa Martelli: proroga la mostra dedicata alle Sante fiorentine

Luvo Barattoli Arzano in trasferta sul campo del Terracina

Il favoloso mondo dell’Ape Maia in pasta di zucchero

CREAZIONI ARTIGIANE: ARTISTE E FIORI AL CASTELLO

MUSICA CLASSICA AGLI SCAVI DI POMPEI

“inDISPENSAbile”: arriva la nuova linea di conserve di Eccellenze Nolane