Roma, poliziotti massacrati dai manifestanti


Da un lato poliziotti con i volti insanguinati, pestati, feriti, massacrati di botte. Dall’altro lato teppisti schiumanti di rabbia, con i volti mascherati, immortalati mentre lanciano pietre, pali, spranghe, bombe carta, contro gli Agenti chiamati a garantire la loro sicurezza. I primi sono “i cretini”, i Poliziotti appunto. Dall’altro quelli che vengono definiti le loro vittime. L’assurda e paradossale descrizione della realtà è illustrata plasticamente nelle immagini che mostrano ciò che davvero avviene durante le manifestazioni di piazza, e che il Coisp ha deciso di far girare per le strade della Capitale. Il 30 aprile, il 1° maggio ed il 2 maggio, una grande “vela” di 6 metri percorrerà le vie di Roma per mostrare la violenza dei manifestanti e ciò che davvero avviene ai poliziotti durante gli scontri.

“Ad ogni manifestazione – spiega Franco Maccari, Segretario Generale del COISP – il Sindacato Indipendente di Polizia, alcuni organi di informazione fanno scattare la caccia all’errore del poliziotto, alla reazione eccessiva, per scatenare infamanti campagne di fango verso quelle Forze dell’Ordine che si trovano puntualmente ad essere il bersaglio di violentissime guerriglie senza neppure la possibilità di difendersi. Ad ogni corteo la Polizia registra feriti, contusi, e spesso si rischia il morto. Sono i “cretini” che escono di casa al mattino per andare al lavoro, ed a sera, anziché tornare a casa, si trovano coperti di sangue su un lettino d’ospedale, a farsi cucire ferite o sistemare fratture. Ma questo bollettino di guerra non fa notizia, non interessa a nessuno, perché ormai è diventato normale che i Poliziotti siano mandati al massacro senza dover reagire, messi in fila per prendere botte e insulti, così come è diventato normale che i manifestanti scendano in piazza con il volto coperto da sciarpe e passamontagna, con il casco in testa e le armi in mano. Chi grida allo scandalo per una manganellata di troppo, non si indigna per le violenze preordinate e organizzate da chi scende in strada con le spranghe e i bastoni: cosa che di per sé costituisce reato. Purtroppo, nonostante sia chiaramente previsto dalla legge, ai poliziotti viene impedito di intervenire subito, cioè prima che la situazione degeneri in scontri, violenze e devastazioni. Si prosegue con la strategia che per un decennio si è dimostrata fallimentare, direi “cretina”, quella di lasciar fare, di tollerare i volti coperti e le spranghe in mano. Come se il poliziotto non fosse pagato per far rispettare la legge, ma per andare alla guerra come scudo umano, come bersaglio per sfogare la violenza dei manifestanti. Rischiando la propria incolumità e troppo spesso la propria vita.  E se decidessimo di non essere più così cretini e non volessimo più esporci al massacro?”

Coisp

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 + diciannove =

Accetto la Privacy Policy * for Click to select the duration you give consent until.

Precedente Spray urticanti in dotazione alla polizia in Europa. In Italia solo la pistola
Successiva Torre del Greco, le Stanze dell'arte a Villa Macrina

Articoli Suggeriti

Helly Hansen lancia il suo film sullo sci

Cresce l’attesa per il primo Napoli Strit Food Festival

Saipem, si dimette amministratore Delegato Tali

Piazza della Pace sarà intitolata a Cabirio Mario Cautela

La mamma perfetta è ora un ebook!

Autunno al Museo Novecento: incontri e conferenze nel nuovo museo di Firenze