VENEZIA80: A CHIARA TILESI IL PREMIO KINÉO & GCHR


Il Premio Kinéo, ideato e diretto da Rosetta Sannelli (presidente dell’Associazione Culturale Kinéo), quest’anno entra nel terzo decennio alla 80° edizione della Mostra Internazionale del Cinema la Biennale di Venezia.

La madrina della 21° edizione è Ana de la Reguera, a Venezia col pluripremiato regista messicano Michel Franco che presenta il film in Concorso 80 Memory con Jessica Chastain e Peter Sarsgaard.

Ana de la Reguera è tra le più acclamate attrici messicane che si divide tra il suo Paese e Hollywood. Ricordiamo, tra i successi internazionali: “Pueblo ChicoInfierno Grande” di Benjamín Cann con Veronica Castro, per il quale riceve il Premio Heraldo come Miglior Attrice. A Hollywood lavora con registi come Jared Hess e Carlos Carrera e attori quali Jack BlackHarrison Ford e Bruce Willis.

Tra i primi premi annunciati: il Premio per i Diritti Umani a Chiara Tilesi regista e produttrice italiana, attualmente residente a Los Angeles, impegnata nel campo del cambiamento sociale attraverso l’arte, i media e il cinema, assegnato da Kinéo e Global Campus of Human Rights.

Chiara Tilesi è la fondatrice di We Do It Together (WDIT), una società di produzione cinematografica no-profit che si dedica all’empowerment delle donne e delle minoranze. “Mai come quest’anno le donne sono state private dei loro diritti o sono state vittime di violenza” – afferma Sannelli – Pensiamo all’ Afghanistan, all’Iran, alla Siria, allo Yemen e all’Africa. Pensiamo alla piaga del femminicidio”.

Nel 2018, ha anche dato vita a Frequency Production, focalizzata sulla produzione di media che generano un impatto positivo sulla società. Per il suo ultimo film, Tell It Like A Woman, composto da sette segmenti diretti da sette registe donne, ha avuto la nomination all’Oscar 2023 per la Miglior Canzone Originale.

Un riconoscimento molto vicino a quello dei Diritti Umani è il Premio per la solidarietà, assegnato a Marta Miniucchi, per aver realizzato un documentario sul lavoro della Ong italiana CEFA (Comitato Europeo per la Formazione e l’Agricoltura), con l’obbiettivo di realizzare progetti che aiutino la popolazione locale in maniera sostenibile soprattutto nei settori dell’agricoltura, dell’acqua, dell’ambiente e nel sociale. Oggi CEFA lavora in 11 paesi dell’Africa e Centro\Sud America con progetti di sviluppo agricolo.

Per quanto riguarda le Opere prime, poi, sono stati selezionati due titoli tra le opere drammatiche e le commedie: Piano piano di Nicola Prosatore con Antonia Truppo (interprete e anche sceneggiatrice), prodotto da Eskimo di Dario Formisano e Il cacio con le pere di Luca Calvani, una spensierata commedia per tutta la famiglia, girata nello splendore della campagna toscana.

Quello di Pastore è un racconto duro e drammatico di alcune persone costrette a lasciare le loro case di periferia per fare spazio alla nuova sopraelevata che spazzerà via per sempre il loro piccolo mondo.

La seconda, invece, è una commedia brillante che racconta la storia di Fosco (Francesco Ciampi) e Fred (Luca Calvani), due fratelli opposti: il primo, semplice e ruspante, che lavora in un supermercato, l’altro bello e fascinoso ma superficiale, che tenta di far fortuna nel cinema americano. Alla fine di molti scontri, di fronte a un’eredità, riusciranno a trovare una buona convivenza…

Kinéo, poi, ha voluto celebrare il centenario della nascita di un poeta che ha cambiato il cinema italiano (e non solo) premiando la produttrice di MG Production Morena Gentile per la realizzazione del documentario Pier Paolo Pasolini – Una visione nuova, per la regia di Giancarlo Scarchilli, realizzato in collaborazione con Luce CinecittàRai Cinema e Centro Sperimentale di Cinematografia.

Lo storico evento collaterale della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica è sostenuto dalla DGCA del MIC e si terrà sabato 2 settembre 2023, nella splendida cornice dell’Hotel Cà Sagredo, ormai divenuto, grazie alla sensibilità per l’arte della direttrice, Lorenza Lain, la casa del Premio Kinéo.

A condurre la cerimonia di premiazione l’attore Fabio Fulco, scelto da Franco Zeffirelli per “Un tè con Mussolini” e interprete di serie di successo come Le tre rose di EvaIl giudice MastrangeloGente di mareArtemisia SanchezMina Settembre.

Prosegue il tradizionale sostegno della Veneto Film Commission che ospita l’attesissima Conferenza Stampa. “A nome del Presidente e del Cda della Veneto Film Commission sono felice di accogliere anche quest’anno il Premio Kinéo nello spazio Regione del Veneto – Veneto Film Commission, rinnovando così una collaborazione florida tra la Film Commission e il Premio. Il Premio Kinéo si riconferma, edizione dopo edizione, essere una fondamentale fucina del cinema nazionale” afferma il direttore della Veneto Film CommissionJacopo Chessa.

Fedelissima del Premio Kinéo la stilista toscana Eleonora Lastrucci, capace di rendere perfetti tutti i Red Carpet con i suoi outfit di Haute Couture e di dare bellezza all’evento.

Continua, infine, l’adesione al progetto Kinéo di S.Pellegrino, un brand che non ha bisogno di presentazioni, costante nella sua presenza ormai ventennale e, più recente, del Consorzio del Prosecco DOC : “Il Prosecco DOC rappresenta la più grande Denominazione nel mondo come testimoniano le oltre 600 milioni di bottiglie contese ogni anno da estimatori di ogni continente. Come Consorzio che tutela e promuove il Prosecco DOC – commenta il presidente Stefano Zanette – sosteniamo sempre volentieri iniziative legate al mondo dell’arte e della cultura, e siamo lieti di rinnovare anche quest’anno la nostra collaborazione con il prestigioso Premio Kinéo che ben si inserisce nella programmazione degli eventi distintivi della Mostra d’Arte Cinematografica; in particolare in questa edizione che celebra gli 80 anni di una manifestazione straordinaria nata e maturata con crescente successo al Lido di Venezia”.  Ancora con orgoglio citiamo la partnership con Molinari, azienda di riferimento della tradizione e della qualità liquoristica italiana, nata nel 1945 dal brillante intuito di Angelo Molinari, che grazie alla sua esperienza riuscì a creare una ricetta speciale, di altissima qualità e dal gusto inconfondibile, che ancora oggi rimane un segreto di famiglia. Oggi Molinari, brand di riferimento in Italia ed all’estero, è presente in oltre 70 paesi ed è e portavoce dell’Italian Lifestyle nel mondo.  E, infine, la partnership con Bitti Milano, un marchio fondato da due donne, Anna Rita Fidanza e Isabella Lazzini che condividono da sempre l’amore e la passione per la moda, il bello e il design e che hanno dato vita a cinque collezioni per consentire ad ogni donna di esprimere al meglio la propria ecletticità e personalità: Montecarlo, Burano, Porto, Roma, Verona sono i nomi delle cinque linee che contraddistinguono il portfolio creativo della Maison.

Come da tradizione, il Premio collabora anche quest’anno con Global Campus of Human Rights, supportato da ONU e UE, il Sindacato Critici cinematografici (SNCCI), con la Veneto Film Commission, con l’ITTV Festival di Los Angeles creato da Valentina Martelli e Cristina Scognamillo, con le scuole di recitazione e gli agenti con l’obiettivo di valorizzare le promesse del mondo dell’audiovisivo attraverso il Premio Giovani Rivelazioni, e con ANEC riconoscendo nelle sale cinematografiche il luogo dove si può godere appieno l’esperienza della magia del cinema.

 

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × 1 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Precedente La pizza protagonista a Milano: la kermesse ospite del parco di CityLife
Successiva Napoli: al via "Bufala Fest - non solo mozzarella"

Articoli Suggeriti

GUERRIERO LUVO ARZANO SVOGLIATO, VINCE MARSALA

Brusciano, convegno sulla Terra dei Fuochi

Al via la III edizione di Cinema al Castello

Il Segretario Generale del Coisp, Maccari, domani alla trasmissione televisiva di Rai tre Pane quotidiano

PALAZZO MURAT CENACOLO DELLA CULTURA DI POSITANO NEL MONDO

A Tutto Volley, questa sera su Lunasport