Zeppole di San Giuseppe: Di Rosa a favore della tipicità del prodotto tradizionale


Il 19 Marzo si avvicina e per omaggiare la Festa del Papà ed il giorno di San Giuseppe, non può mancare la tradizionale Zeppola.
A chi piace fritta, a chi piace al forno, ma per il maestro pasticciere Francesco Di Rosa, l’importante è che si mantenga la tipicità del prodotto tradizionale.

Un po’ di storia delle Zeppole di San Giuseppe

Le zeppole di San Giuseppe sono un dolce tipico della cucina italiana e derivano da una tradizione antica risalente all’epoca romana. Secondo la tradizione dell’epoca, dopo la fuga in Egitto con Maria e Gesù, San Giuseppe, dovette vendere frittelle per poter mantenere la famiglia in terra straniera e a tal proposito, i romani gli diedero l’appellativo di frittellaro. Questo è il motivo per cui le zeppole sono i dolci tipici della festa del papà per festeggiare e celebrare la figura di San Giuseppe.

Ma nella recente modernità, la zeppola di San Giuseppe è stata vista anche come dolce conventuale soprattutto a Napoli: secondo alcuni nel convento di San Gregorio Armeno, secondo altri in quello di Santa Patrizia. La prima zeppola di San Giuseppe che sia stata messa su carta risale al 1837, ad opera del celebre gastronomo napoletano Ippolito Cavalcanti, Duca di Buonvicino.

La Zeppola di San Giuseppe di Francesco Di Rosa

La Pasticceria artigianale è per il pasticciere Di Rosa, deve essere di qualità e garantita soprattutto dalle ricette e metodiche di preparazioni classiche, senza troppe contaminazioni. Questa scelta permette di ottenere prodotti di grande qualità, valorizzando le tipicità locali, i sapori unici e mantenendo il patrimonio della tradizione e della storia di ogni territorio. Ed è qui che si può assaggiare quella classica con crema pasticcera e amarene sciroppate: che siano fritte o al forno, ma di un sapore che ricorda la tradizione!

Le dichiarazioni

Francesco Di Rosa si esprime dicendo: “La Zeppola di San Giuseppe è un dolce che fondamentalmente fanno quasi tutti, noi la viviamo come evento di qualità. Impegniamo parte dello staff solo ed esclusivamente alla produzione della Zeppola per garantire la qualità e la freschezza di questo prodotto, non facendo nessuna variante, ma lavorando solo sulla classica crema-amarena. La mia intenzione è portare avanti la tradizione dei dolci artigianali con la massima qualità. La passione per la pasticceria mi ha spinto ad acquisire le conoscenze e le abilità necessarie per creare dolci semplici ma sua volta diversi, puntando sui dettagli sempre rispettando le ricette tradizionali. Ci impegniamo a soddisfare i clienti con dolci gustosi e un servizio personalizzato, creando così una esperienza. Spesso parlo con il mio responsabile allo sviluppo dei miei obiettivi, e piace riassumere il tutto con: Di Rosa non è innovazione, non è scoperta, non è tendenza, ma esperienza”.

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × uno =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Precedente GLAUCOMA: RISCHI IN VISTA. SCREENING OCULISTICI GRATUITI
Successiva Marco Armiliato e Giovanni Andrea Zanon domani al Teatro Politeama

Articoli Suggeriti

ART NIGHT VENEZIA 2015. L’arte libera la notte

#pizzaUnesco: arriva a Napoli la community mondiale dei pizzaioli

HEGO, LA NUOVA STELLA IN CITTA’

Inaugurazione mostre a Palazzo Arnone

Calcio. Il Napoli cerca di risalire la china

Giornate FAI ALL’APERTO – Anche in Campania aperture nelle 5 province