Fondazione Pietà dei Turchini presenta un doppio appuntamento con i libri


 

Doppio appuntamento dedicato ai libri e al mondo dell’editoria nell’ambito del programma culturale di maggio a cura della Fondazione Pietà de’ Turchini che nei giorni 7 e 8 maggio accoglierà, nella Chiesa di San Rocco a Chiaia,a Napoli,  il pubblico per la presentazione di alcuni importanti successi editoriali recenti.

Si comincia giovedì 7 maggio alle 20.00 con l’incontro “destini incrociati” che vede Diego Nuzzo autore di “Come se non fosse successo niente”, Rogiosi Editore e Alessio Arena autore di “La lettratura tamil a Napoli” Neri Pozza Editore, parlare l’uno del libro dell’altro, con letture a cura di Rosaria De Cicco e Gianni Lamagna .

Un romanzo, quello di Diego Nuzzo, per ricordare a chi legge che scrivere è un amore difficile, che per farlo forse non basta un’esistenza intera, ma anche che i libri sono gli unici oggetti magici che, seppur malandati, maltrattati, conservano intatto, attraverso le epoche, il potere di salvare vite e coscienze.

Sostenuto da una lingua bellissima e inventiva, l’opera di Arena è un libro di estrema originalità e ardua classificazione. Epica e comica, sentimentale e spietata, capace di scatenare il riso e il pianto, è il ritratto possibile di un mondo nuovo che nasce dall’incontro di realtà fra loro estranee, e che tuttavia sanno cooperare fino a coincidere.

Si prosegue venerdì 8 maggio alle 18.30, sempre a San Rocco, con la scrittrice e giornalista Leonetta Bentivoglio e la musicologa Lidia Bramani, che presenteranno “E Susanna non vien – Amore e sesso in Mozart”, opera a 4 mani edito da Feltrinelli. L’incontro affronterà i temi del volume, che propone un viaggio nella visione dei rapporti amorosi ed erotici espressa dalla trilogia Mozart-Da Ponte (Nozze di Figaro, Don Giovanni e Così fan tutte). Guidate dalla musicologa e giornalista Laura Valente, le due scrittrici segnaleranno i nuclei di un testo votato alla dimostrazione della grande preveggenza e spregiudicatezza mozartiana riguardo al mondo dei sentimenti, anche alla luce della biografia del compositore. Attraverso il suo epistolario, le sue frequentazioni e le sue letture, Mozart si rivela progressista, “femminista” e nostro contemporaneo.

 

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Precedente Musica, continuano gli appuntamenti ai Circus Studios di Napoli
Successiva Palazzo Venezia Napoli: nuovo appuntamento della rassegna "Il Sabato degli Aperitivi Musicali"

Articoli Suggeriti

Nasce il Manifesto del Turismo Culturale per la Campania Mediterranea

La Pasticceria Napoletana dei fratelli Sieno inaugura un nuovo laboratorio

Gli Uffizi a Casal di Principe: una mostra per proclamare il primato della luce sull’ombra

Polo Museale Fiorentino: +5,48% di visitatori nel 2013

VINÒFORUM – LO SPAZIO DEL GUSTO, PRIMO WEEK END AD ALTO TASSO GOURMET

#iocisono: al via la partita benefica tra il Liberi Nantes e Roma Legends