APICES e Fondazione Baravalle per favorire l’educazione finanziaria e la cultura d’impresa


Nell’esclusivo scenario del Golf Club di Cherasco, nei pressi di Cuneo, si è tenuta qualche giorno fa  una tavola rotonda dal titolo “L’industria tra Italia ed Europa: problemi, idee e soluzioni”, promossa dalla Fondazione Baravalle e.t.s. per discutere, con il gotha dell’imprenditoria piemontese e non solo, la congiuntura economia edi rapporti non sempre “amichevoli” tra il mondo delle attività produttive, specialmente il settore primario e secondario, e quello delle Istituzioni, sia italiane che europee, con i loro apparati burocratici e finanziari.

La Fondazione, nata nel 2022 per iniziativa delle famiglie d’imprenditori cuneesi Baravalle e Tuninetti, opera prevalentemente nel campo della diffusione della cultura d’impresa etica edell’educazione finanziaria, promuovendo anche progetti di valorizzazione dell’arte ediniziative caritatevoli. Presieduta dal dottor Luca Baravalle, manager di successo con esperienza in numerosi settori produttivi, vanta tra i suoi maggiori esponenti il prof. Giuseppe Ghisolfi, noto divulgatore finanziario e banchiere nonché membro del CNEL, ed il prof. Ubaldo Livolsi, già amministratore delegato Fininvest.

A margine dell’importante meeting promosso dalla Fondazione, che ha avuto tra i suoi principali relatori Letizia Moratti, è stato siglato un protocollo di collaborazione tra l’ente piemontese el’APICES, l’Associazione Professionisti ed Imprese per la Cooperazione Economica e Sociale, organizzazione romana presieduta dall’avvocato Massimiliano Albanese.  In particolare, APICES è un  ente fondato nel 2016 con lo scopo di favorire la conoscenza delle opportunità offerte dai mercati dei Paesi in via di sviluppo, promuovendo una cooperazione in ottica win-win, favorendo cioè sia le imprese italiane interessate ad esplorare quei mercati, sia l’economia, le istituzioni e soprattutto la popolazione locale, generando così business “sano” e sostenibile, intorno al quale aggregare persone, idee ed energie eticamente orientate.

Massimiliano Albanese, avvocato d’affari che si occupa anche di sostenibilità ed ESG investing, ritiene strategica la sinergia tra APICES e Fondazione Baravalle ed a tal proposito si è così espresso «il profilo autorevole e di grande esperienza, che contraddistingue tutti i componenti dell’advisory board della Fondazione Baravalle, è per noi una garanzia di concretezza e successo per qualsiasi iniziativa che avremo l’opportunità di condurre insieme. Sono davvero grato all’amico Luca per aver accolto con entusiasmo la proposta di un protocollo d’intesa con la nostra associazione e sono sicuro che, lavorando fianco a fianco, le nostre rispettive organizzazioni sapranno esprimere un contributo di eccezionale valore sul tema della sostenibilità e dell’etica nel mondo dell’impresa e nella vita pubblica. E’ significativo», ha concluso Albanese, «che la Fondazione abbia scelto di collocare la stipula dell’accordo con Apices a margine di una giornata importantissima, in cui ha saputo promuovere un tavolo di confronto tra impresa ed istituzioni di altissimo livello, un think tank davvero eccezionale».

Soddisfazione per l’intesa raggiunta tra i due enti è stata espressa anche da Luca Baravalle, che nell’occasione ha sottolineato soprattutto l’importanza del tema affrontato nel corso dell’evento promosso a Cherasco dalla sua Fondazione: «occorre ricucire al più presto quel filo di dialogo e fiducia tra produttori ed istituzioni, per il bene sociale ed economico di un’Italia e di un’Europa che si vedono sempre più ridimensionate sullo scenario globale. Per compiere questa inversione di tendenza e ravvivare uno spirito di collaborazione ed ottimismo dobbiamo mettere in campo un approccio costruttivo», ha sostenuto Baravalle, auspicando l’individuazione di giusti interlocutori «per fare giungere nelle stanze dei bottoni, in modo garbato ma fermo, le necessità del settore produttivo».

Una sfida cui Letizia Morattichair speaker della giornata, non si sottrae, forte della sua storia imprenditoriale sia in ambito industriale che finanziario, non solo nel settore privato ma anche quale presidente della Rai, e poi quale politico di primo piano, nel ruolo di Ministro dell’Istruzione con il secondo e terzo Governo Berlusconi, successivamente di Sindaco della capitale economica d’Italia, la città di Milano, all’epoca della preparazione di Expo2015, da ultimo quale Vicepresidente ed Assessore al Welfare della Regione Lombardia con la prima Giunta Fontana. «Dopo la crisi economica, la pandemia e l’odierna convivenza con due guerre che stanno condizionando la nostra economia», ha dichiarato la Moratti, «le sfide che siamo oggi chiamati ad affrontare sono cruciali per disegnare un futuro di prosperità e appartenenza ad un’Europa vista come una grande Patria d’inclusione, coesione ed operosità, proprio come l’avevano pensata i padri fondatori. In questo momento però serve un’Europa diversa, che offra opportunità e non imponga obblighi, che garantisca sicurezza ai suoi cittadini e favorisca il commercio e l’impresa. Un’Europa molto pragmatica e vicina alla gente, non ideologica, dove l’Italia abbia un ruolo da protagonista. Le sollecitazioni delle imprese sono quasi sempre corrette ed è vero che spesso non c’è comprensione tra Industriaed Unione Europea. È allora necessario riallacciare in modo concreto il dialogo tra imprese edistituzioni. È un percorso non facile, di sicuro non immediato, ma proprio la sinergia tra mondo dell’industria ed istituzioni può e deve costituire un valore aggiunto determinante».

Una giornata di grande interesse e ricca di contenuti, quella promossa dalla Fondazione Baravalle, la cui importanza è stata attestata dal vero e proprio parterre de roi di ospiti intervenuti, accanto ai principali partner della Fondazione stessa.

Accanto a Letizia Moratti, sono intervenuti anche il Presidente della Provincia di Cuneo e Sindaco di Mondovì Luca Robaldo, il Prefetto di Cuneo Fabrizia Trioloed il Sindaco di Cherasco Carlo Davico. Numerosi gli imprenditori di primissimo piano, come Maria Franca FerreroBartolomeo SalomoneNino AragnoAldo BorelloFabrizio CellinoAndrea ChiusanoDomenico MongeLuca RollinoGiuliano FosserDavide StorinoGianfranco Sciscione e molti altri.Presenti anche il Presidente dell’Accademia Albertina di Torino Paola Gribaudo, l’economista prof. Giuseppe Tardivo, la curatrice d’arte prof.ssa Sally Paola Anselmo Pinottini, numerosi esponenti dell’associazionismo d’impresa, tra cui Claudia PorchiettoLuca RemmertNadia Dal BonoMarco Buttieri e professionisti come Alberto RizzoLuca FaviniRiccardo Ronchitelli e molti altri. Per l’APICES, con il suo Presidente Massimiliano Albanese, presente anche il Segretario Generale Maria Pagano.

Ufficio Stampa APICES

MARIDI VICEDOMINI

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

16 − 13 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Precedente Extramondi 24: nuovi territori del CINEMA FANTASTICO ITALIANO
Successiva MILLE RAGAZZI FESTEGGIANO IL MARE A NAPOLI

Articoli Suggeriti

La sartoria di Luigi Dalcuore sbarca in Corea

Online il nuovo sito internet di Caffè Kamo

Efestoval: “I Giganti della montagna” in scena al Parco Monumentale di Baia

CAGLIARI: IN ARRIVO “PEREGRINI CARMINA”

GRANDE SUCCESSO PER TUTTOSPOSI : STASERA ARRIVA SIMONA VENTURA

“GOÛT de FRANCE”. BANCHETTO DEL CENTENARIO: i vincitori