Roma: Max Mazzotta in scena con VITE DI GINIUS


Dopo il successo sul grande schermo di “Freaks Out” (2021) di Gabriele Mainetti, volto caro ai Millennials per aver interpretato il ruolo di Enrico Fiabeschi nel cult cinematografico “Paz!” (2002), Max Mazzotta va in scena a Roma, alla Sala Umberto, lunedì 17 gennaio (ore 21.00), con uno spettacolo teatrale da lui scritto, diretto e interpretato, “Vite di Ginius”, prodotto dalla compagnia cosentina Libero Teatro.

Lo spettacolo è il viaggio di purificazione e consapevolezza che l’anima di Ginius, corpo morto giunto al capolinea, intraprende in una dimensione spazio-temporale sconosciuta. L’anima si ritrova nella barca di Caronte, una sorta di navicella spaziale. Da qui Ginius percepisce una misteriosa voce che la aiuta ad andare oltre il tempo concepito dai mortali. Costretta a scavare dentro se stessa, l’anima di Ginius deve ricordare l’esperienza di alcune sue vite incarnate: un monito a ricordarci chi siamo stati per riconoscere chi siamo diventati davvero.

«Il ricordo è la fase più dolorosa – spiega Max Mazzotta – perché ogni vita ricordata è come se venisse vissuta in prima persona e allo stesso tempo osservata come fosse una terza persona. Lo spettacolo interseca due dimensioni del racconto e diversi stili linguistici. La dimensione soprannaturale è descritta attraverso i versi: un linguaggio poetico strutturato in canti di versi in rima alternata e canti in terzine dantesche a catena. La seconda parte utilizza un linguaggio in prosa più adatto al racconto di frammenti di vite vissute».

Corpo, suoni viscerali, musicali, e video si amalgamano sul palco senza soluzione di continuità. Il lavoro di scrittura drammaturgica viene esaltato dalla sua fusione con una lingua di per sé musicale, ritmica, onirica. Straordinaria proprio come il viaggio del protagonista nelle sue vite passate.

Max Mazzotta, fondatore e direttore artistico di Libero Teatro, da vent’anni è attivo in Calabria con progetti nati in sinergia con l’Università della Calabria, per cui cura laboratori teatrali in collaborazione con il dipartimento di studi umanistici dell’ateneo. “Vite di Ginius” è il suo primo monologo scritto, diretto e interpretato per Libero Teatro.

 

Sinossi

Sono quattro le reincarnazioni di Ginius nel testo, che avvengono nell’arco di mille anni. L’anima rivive di ogni vita il momento che l’ha segnata attraverso le storie di personaggi che potrebbero essersi incrociati da qualche parte nel loro cammino, tanto quanto appartengono allo stesso corpo. Storie dolorose, drammatiche, che il linguaggio di Mazzotta restituisce allo spettatore con una leggerezza pop che le fa comprendere nel loro significato più umano e universale. La prima vita ricordata è quella di Za’ Popa, anziana signora di un villaggio calabrese dell’800, la cui esistenza fu segnata in giovane età, quando per uno scherzo innocente subì la morte del suo amico Ninuzzu, ritrovandosi vigliacca spettatrice del tragico evento. La seconda reincarnazione è quella di Nanni, venditore di scarpe, nella Roma degli anni ‘60. A causa della sua codardia, lascia che Nina, la ragazzina di cui è innamorato, venga ammazzata dal fratello di lei. L’anima di Ginius viene trascinata sempre di più nel tragico, si perde nel dolore di un atto vile e senza amore, con la terza reincarnazione, ambientata ai giorni nostri: Gianni, fratello maggiore di Nino, è rinchiuso in un istituto per malati di mente in una città del nord Italia e a causa dell’odio, che entrambi nutrono l’uno verso l’altro, arriva ad uccidere il proprio fratello.

L’ultima vita ricordata è quella da cui Ginius si è appena separato all’inizio dello spettacolo. Siamo alla fine del secondo millennio, all’interno di un ipotetico e distopico futuro. Nessuna religione è ammessa, nessuna forma di misticismo e nessun dio a tutela dell’essere umano. Ginius lavora per il governo a capo di un reparto militare. Sarà proprio in questa epoca votata alla razionalità che Ginius spezzerà il suo ciclo karmico immolandosi per salvare la vita di Nina, una sovversiva appena conosciuta e da lui stesso imprigionata. Un gesto sicuro e istintivo, quello di donare la sua vita per amore, grazie al quale la sua anima potrà finalmente riscattarsi.

 

lunedì 17 gennaio 2022

Sala Umberto

via della Mercede 50, Roma

ore 21.00

biglietti da 23 a 17 euro

acquisto online: www.ticketone.it

 

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

venti − 3 =

Accetto la Privacy Policy * for Click to select the duration you give consent until.

Precedente Al Trianon Viviani, Mariano Bellopede e Francesca Colapietro con Le mille e una Napoli
Questa è la storia più recente

Articoli Suggeriti

Fatturazione alla PA con sempliceSQUARE, il portale di TESISQUARE® per PMI e professionisti

PREVENZIONE GRATUITA TUMORE DELLA PROSTATA: SABATO TORNA IL CAMPER PROSUD

A Napoli fa tappa il Pub Festival

L’Ordine Francescano Secolare a Roccamonfina con “Francesco, uomo di pace”

Napoli: inaugurata Vebo la prima fiera post lockdown

GLI ALLIEVI DELLA LABORART AL VIBE VIENNA INTERNATIONAL BALLET EXPERIENCE