Nuovo Teatro Sancarluccio, riprende “Le Printemps des Poetes et des Artistes”


Mercoledì 20 maggio alle 21 riprende  “Le Printemps des Poetes et des Artistes”, la rassegna contenuta nel  Maggio d’Arte del  Nuovo Teatro Sancarluccio, con “Cantastorie” di e con  Michele Maione e Carlo Vannini. La rassegna “Le Printemps des Poetes et des Artistes” è a cura di Giuseppe Mascolo, organizzazione e comunicazione Emma Di Lorenzo, ed è segnalata tra gli appuntamenti del Maggio dei Monumenti 2015.
Cantastorie è uno spettacolo musicale che disegna un originale percorso in note. I due artisti partono dalla tradizione popolare, attraversano l’universo canoro della Napoli dell’800 ed approdano alla cultura cantautoriale italiana. L’irriverente scrittura di Giorgio Gaber, la forza di Gabriella Ferri e la malinconica ironia di Luigi Tenco sono il pretesto per improvvisare, di mestiere, sperimentare e fondere varie sonorità, creando musica nuova. La natura della performance, giovane e dinamica, è tracciata su due linee: quella più spiccatamente teatrale che si snoda attraverso la macchietta e la poesia, e quella più propriamente musicale che regala energia e suggestioni.
Il racconto in musica, inoltre, è intervallato e reso leggero dalle interazioni con gli spettatori, i quali sono coinvolti in un viaggio alla riscoperta dell’emozione. Cantastorie lascia negli occhi del pubblico immagini e visioni, “frammenti”, appunto, “di teatro e musica” che hanno come obiettivo quello di educare al sogno il cuore di chi ascolta.
Note di regia
«Definire “Cantastorie” uno spettacolo o un concerto non è esatto. Noi preferiamo considerarlo una vera e propria festa. Infatti è questo lo spirito col quale decidiamo di esibirci davanti al pubblico, ogni volta. Come due saltimbanchi ci divertiamo ad invadere gli spazi teatrali e a rompere il velo della quarta parete, rendendo partecipi gli spettatori. Non importa se attraverso una macchietta, una canzone d’autore o un inedito, con le nostre mille facce e con i vari strumenti a disposizione, tentiamo d’ inventare uno spettacolo nuovo, ogni sera, per il pubblico sempre diverso che ci siede difronte. Abbattuta la distanza, che solitamente crea il palco, con una carezza, a volte con uno schiaffo, c’interessa toccare l’animo delle persone per condurle verso un immaginifico viaggio, attraverso i ritmi, le emozioni e le parole di tutti quegli autori che abbiamo amato incondizionatamente, anche solo per un attimo della nostra vita. La musica è il mezzo più adatto perché è capace di renderci tutti uguali e senza filtri. Da qui nasce l’esigenza e la convinzione forte che solo la conoscenza, il rispetto e l’amore per le proprie origini, possano far nascere oggi la voglia di rinnovare e creare, partendo dalla tradizione, musica nuova.»
Michele Maione e Carlo Vannini
Mercoledì 20 maggio ore 21
Cantastorie
Frammenti di Teatro e Musica
di e con
Michele Maione
Carlo Vannini
Nuovo Teatro Sancarluccio​
Via San Pasquale a Chiaia,49
Prenotazioni: 3394290222/ 0814104467

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

undici + 10 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Precedente Questa scuola non è un albergo, Pino Imperatore presenta il suo nuovo libro
Successiva SEVERINO NAPPI (NCD): GARANZIA GIOVANI, FIRMA PROTOCOLLO D’INTESA CON LE A.DI.S.U.

Articoli Suggeriti

SELVAGGIA BELLEZZA: la Festa della cultura di Maratea

Attacco in Afghanistan. Morto militare italiano

La voce come strumento da valorizzare in un seminario a ottobre a Napoli

Al Maschio Angioino è di scena IL SIGNOR TUTTO A POSTO

Portici, nuovi furti nella città della Reggia

Palazzo Pitti: visite accompagnate nell’appartamento della Duchessa