A Mariglianella la Compagnia Teatrale “La Maschera” ritorna in scena


A Mariglianella la Compagnia Teatrale “La Maschera” ritorna in scena con “E’ asciuto pazzo o’ parrucchiano”, di Gaetano Di Maio, nei giorni di sabato 8 e domenica 9 giugno alle ore 20.00 sul palco della Palestra dell’Istituto Comprensivo “Carducci”.

Personaggi ed interpreti: Don Sandro, Antonio Sansone; Rosa, Pina Sodano; Modestino, Peppe Santella; Donna Bianca, Maria Rosaria Di Meglio; Vittorio, Peppe Marino; Roberto, Raffaele Sodano; Ninetta, Rosa Ottaiano; Andrea, Francesco Arpaia; Celeste, Mena Serpico; Renato, Vincenzo Di Crescienzo; Elvira, Emilia Ranaudo; Angelina, Carla Cozzolino; Menico, Ferdinando Valentino; Vescovo, Vito Cucca; Contadina, Rosanna Mautone; Bambini, Raffaele Tramontano, Alessio Arpaia e Hoara Arpaia.

La suggeritrice è Loredana Monda, la scenografia è curata da Peppe Santella, alla regia la veterana Linda Mautone.

Il gruppo “La Maschera” nasce una trentina di anni fa dall’idea dei giovani dell’Azione Cattolica di Mariglianella, passa poi alla Pro Loco ed infine negli ultimi 5 o 6 anni diventa pienamente autonomo strutturandosi come compagnia teatrale con un nuovo direttivo.

L’attuale organigramma è così composto: Presidente, Giuseppe Marino; Direttore artistico e regista, Linda Mautone; Scenografo, Giuseppe Santella; economo amministrativo Franco Sansone che a Mariglianella è anche Consigliere Comunale.

In questi ultimi anni questa compagnia teatrale ha messo in scena, sempre riscontrando gran successo le seguenti opere: “Madame quattro soldi” nel 2008; “Na casa sott’e n’copp” nel 2009; “Pupetta stira e ammira” nel 2010; “Il Settimo si riposò” nel 2011.

Il sociologo Antonio Castaldo ha osservato che “in questa occasione la presenza attoriale del mariglianellese don Vito Cucca, Parroco a Marzano di Nola, e degli artisti filodrammatici della ‘Compagnia la Maschera’ il cui lavoro è collocato in diversi altri ambiti professionali, ricorda il teatro delle origini, quello che vedeva impegnati, prima che nascesse il professionismo inaugurato in ambito italiano dagli attori della ‘Commedia dell’Arte’ del periodo rinascimentale, soggetti recitanti di varia estrazione sociale, compresi ministri di culto, per opere a contenuto spirituale, religioso come nelle forme delle sacre rappresentazioni. Oggi, nella dimensione laica e moderna, a Mariglianella il gruppo “La Maschera”, promuove la rappresentazione del patrimonio teatrale napoletano nel rigoroso impegno artistico e ricreativo, con apprezzata bravura e sempre senza fini di lucro”.

L’appuntamento con la Compagnia Teatrale “La Maschera” per la rappresentazione della commedia di Gaetano Di Maio, “E’ asciuto pazzo o’ parrucchiano” , è nella palestra dell’Istituto Comprensivo “Carducci” sabato 8 e domenica 9 giugno alle ore 20.00.

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6 + 18 =

Accetto la Privacy Policy * for Click to select the duration you give consent until.

Precedente Mariglianella: “Agrimonda”, la Regione garantisce nuove risorse
Successiva Mariglianella, audizione sul caso "Agrimonda"

Articoli Suggeriti

RITORNO A MOREGINE. Conferenza a cura del Prof . Mario Torelli

DINO ABBRESCIA AL MAGNA GRAECIA FILM FESTIVAL

Con Kasanova a Carnevale ogni scherzo vale!

Cappella Sansevero: la nuova App gratuita per ascoltare l’audio tour del Museo

Cuori di Sfogliatella, solidarietà per il pronto Soccorso dell’ospedale Santobono

Napoli, successo per “Arte e Moda” alla Galleria Borbonica