“Bill Viola. Ritorno alla vita”: alla Chiesa del Carminiello a Toledo, riaperta per l’occasione


Dal 2 settembre, il grande artista statunitense Bill Viola, padre della videoarte, torna a Napoli con una mostra pensata per la riapertura di un gioiello artistico della città. “Bill Viola. Ritorno alla Vita” è allestita all’interno della Chiesa del Carminiello a Toledo che, per l’occasione, riapre al pubblico.

La mostra, curata da VanitasClub Bill Viola Studio, in collaborazione con Asso. Gio. Ca. (Associazione Gioventù Cattolica), aprirà le porte della chiesa, gioiello architettonico napoletano, in via Carlo de Cesare 30, nei Quartieri Spagnoli, alle spalle di via Toledo e a due passi da piazza Trieste e Trento e piazza del Plebiscito.

<<Siamo orgogliosi di portare un grande Artista internazionale a riaprire al pubblico un luogo di così inestimabile valore – dichiara Francesca Orlandini di VanitasClub – La parola greca martire originariamente significava ‘testimone’. Così come i martiri rappresentati da Bill Viola, oggi anche noi siamo chiamati ad essere testimoni della sofferenza degli altri, in un mondo in cui ogni forma di distanza spazio-temporale è ormai annullata dall’azione dei mezzi di comunicazione. Così l’Artista vuole spronarci, prendendo esempio dalle vite passate di azione dei martiri, a reagire alle nostre vite moderne di inazione>>.

<<La chiesa, che rimarrà sempre destinata al culto, si configura come un vero e proprio gioiello che l’Associazione ha ritenuto doveroso riportare alla luce con la mostra – continua Gianfranco Wurzburger, Presidente di Asso. Gio. Ca. (Associazione Gioventù Cattolica) -. Quest’ultima contribuirà, in parte, alla raccolta dei fondi necessari per completare i lavori di restauro. L’obiettivo è quello di realizzare il centro di aggregazione giovanile “Fratelli tutti”, in collaborazione anche con la Pastorale giovanile della Diocesi di Napoli>>.

<<Anche per la suggestiva Chiesa della Congregazione dei 63 Sacerdoti è un ritorno alla vita – concludono dall’Arciconfraternita -. Incuneata in quella che oggi è la facciata di un palazzo storico di Napoli, quasi nascosta, questo piccolo edificio di culto sorge a ridosso di Via Toledo, nel cuore di quei Quartieri Spagnoli che, da area a rischio, insita della sua natura di “quartiere” militare che ospitava per lo più alloggi delle guarnigioni spagnole di Pedro de Toledo, ha saputo anch’essa rinascere negli anni come luogo di interesse turistico>>.

L’allestimento di “Bill Viola. Ritorno alla vita” comprende cinque video-opere di Bill Viola, appositamente selezionate dal Bill Viola Studio per la suggestiva location, affidata ad Asso. Gio. Ca.

All’interno della Chiesa, riaperta per l’occasione e che potrà essere apprezzata interamente durante la visita, Earth MartyrAir MartyrFire Martyr e Water Martyr (2014), derivate dall’installazione video permanente su larga scala Martyrs (Earth, Air, Fire, Water), inaugurata nella Cattedrale di St. Paul a Londra, nel maggio del 2014, e Three Women (2008), parte della serie Trasfigurazioni, dedicata alla riflessione sul passare del tempo e sul processo attraverso il quale si trasforma l’interiorità di una persona.

È possibile prenotare l’ingresso al link https://vanitasclub.org/bill-viola-napoli-ritorno-alla-vita/ .

2 settembre 2022 – 8 gennaio 2023

Bill Viola. Ritorno alla Vita

Chiesa del Carminiello a Toledo – via Carlo de Cesare 30 Napoli

Orari: dal mercoledì al lunedì ore 10-20 (martedì chiusura settimanale)

www.vanitasclub.org

Biglietti

Intero: 10€

Ridotto under 18: 8€

Bambini fino a 5 anni: gratuito

Scolaresche: 5€ cad., insegnanti in accompagnamento gratuito

Facebook > https://www.facebook.com/vanitasartexperiences

Instagram > https://www.instagram.com/vanitasclub4art/

Prenotazioni https://vanitasclub.org/bill-viola-napoli-ritorno-alla-vita/

 

Bill Viola, nato nel 1951, è riconosciuto a livello internazionale come uno degli artisti più importanti di oggi. È stato determinante nell’affermazione del video come forma vitale di arte contemporanea e, così facendo, ha contribuito ad ampliarne notevolmente la portata in termini di tecnologia, contenuto e storia. Le installazioni video di Viola, ambienti totali che avvolgono lo spettatore in immagini e suoni, utilizzano tecnologie all’avanguardia e si distinguono per la loro precisione e semplicità. Sono esposte in musei e gallerie di tutto il mondo e si trovano in molte collezioni illustri.

Viola utilizza il video per esplorare i fenomeni della percezione sensoriale come via per la conoscenza di sé. Le sue opere si concentrano sulle esperienze umane universali – nascita, morte, lo sviluppo della coscienza – e hanno radici sia nell’arte orientale che in quella occidentale, nonché nelle tradizioni spirituali, tra cui il buddismo zen, il sufismo islamico e il misticismo cristiano. Utilizzando il linguaggio interiore dei pensieri soggettivi e delle memorie collettive, i suoi video comunicano a un vasto pubblico, consentendo agli spettatori di vivere l’opera direttamente e in modo personale.

La Chiesa del Carminiello a Toledo è un edificio di culto “incastonato” in quello che oggi è un palazzo, e ne occupa di fatto la corte. Un gioiello che vede, tra i suoi punti forti, il pavimento maiolicato, opera della Bottega di Giuseppe e Donato Massa, mastri riggiolari, noti soprattutto per aver realizzato il Chiostro Maiolicato di Santa Chiara, ma attivi in tutta Napoli e, in particolare, nelle più importanti chiese della città nel XVIII secolo.

Le opere

Earth Martyr, 2014

Video a colori ad alta definizione su display montato verticalmente a parete

Dimensioni: 107,6 x 62,1 x 6,8 cm // Durata video: 7:10 minuti

Produttore esecutivo: Kira Perov // Interprete: Norman Scott

All’inizio dell’opera viene mostrato un individuo sepolto in un cumulo di terra. A poco a poco, mentre questo elemento della natura inizia a disturbare la sua quiete, appare un movimento. La terra inizia gradualmente a sollevarsi e a percuotere il suo corpo, rappresenta l’ora più buia del passaggio del martire attraverso la morte nella luce.

Air Martyr, 2014

Video a colori ad alta definizione su display montato verticalmente a parete

Dimensioni: 107,6 x 62,1 x 6,8 cm // Durata Video: 7:10 minuti

Produttore esecutivo: Kira Perov // Interprete: Sarah Steben

All’inizio dell’opera viene mostrata una donna appesa per i polsi in stasi, una pausa dalla sua sofferenza. Un vento si alza e inizia a percuotere il suo Corpo, rappresenta l’ora più buia del passaggio del martire attraverso la morte nella luce.

Fire Martyr, 2014

Video a colori ad alta definizione su display montato verticalmente a parete

Dimensioni: 107,6 x 62,1 x 6,8 cm // Durata: 7:10 minuti

Produttore esecutivo: Kira Perov // Interprete: Darrow Igus

All’inizio dell’opera viene mostrato un individuo che riposa su una sedia in stasi. A poco a poco c’è movimento. Più forte infuria il fuoco, più la determinazione del martire rimane immutata. Nel suo assalto più violento, il fuoco rappresenta l’ora più buia del passaggio del martire attraverso la morte nella luce.

Water Martyr, 2014

Video a colori ad alta definizione su display montato verticalmente a parete

Dimensioni: 107,6 x 62,1 x 6,8 cm // Durata: 7:10 minuti

Produttore esecutivo: Kira Perov // Interprete: John Hay

All’inizio dell’opera un individuo viene mostrato a terra in stasi, una pausa dalla sua sofferenza. Mentre viene sollevato per le caviglie, l’acqua inizia a scorrere dall’alto. Più forte infuria l’acqua, più la determinazione del martire rimane immutata. Nel suo assalto più violento, l’acqua rappresenta l’ora più buia del passaggio del martire attraverso la morte nella luce.

Three women, 2008

Video a colori ad alta definizione su display a parete

Dimensioni: 155,5 x 92,5 x 12,7 cm // Durata: 9:06 minuti

Interpreti: Anika, Cornelia, Helena Ballent

Nel grigio cupo e spettrale di uno spazio oscuro, una madre e le sue due figlie si avvicinano lentamente a un confine invisibile. Passano attraverso un muro d’acqua alla soglia tra la vita e la morte, e si muovono verso la luce, trasformandosi in esseri viventi di carne e sangue. Presto la madre riconosce che è tempo per lei di tornare indietro, e alla fine i suoi figli la seguono lentamente, ognuno tentato di dare un’altra occhiata al mondo della luce prima di scomparire nelle luccicanti e grigie nebbie del tempo.

Vanitas Club nasce con l’obiettivo di permettere a un pubblico vasto ed eterogeneo di poter non solo accedere alla bellezza dell’offerta culturale, ma anche di poterla vivere. In particolare, con la possibilità di interagire attivamente con le proposte culturali e dare un tangibile contributo per la tutela e al tempo stesso ampia diffusione del Patrimonio storico e artistico di questo Paese. In tal senso, il particolare interesse al rilancio di luoghi e spazi sotto utilizzati, nella produzione, gestione e promo-commercializzazione di mostre, esperienze cinematografiche e attività gastronomiche volte a valorizzare e far vivere

luoghi di interesse storico e artistico.

Tra le mostre allestite: Marina Abramović • ESTASI a Napoli, Castel dell’Ovo.

www.vanitasclub.org

Asso. Gio. Ca. (Associazione Gioventù Cattolica) è un’associazione di volontariato nata a Napoli venticinque anni fa con un sogno: sostenere ed aiutare i bambini a diventare «buoni ed onesti cittadini», in un quartiere complesso: il Mercato.

L’associazione, negli anni, è cresciuta e si è consolidata: iscritta al registro di volontariato della Regione Campania ed è attualmente presente sul territorio della diocesi di Napoli con più progetti. È ente accreditato per il Servizio Civile Universale con oltre 80 volontari in servizio; opera con una vasta rete di partner istituzionali ed enti del terzo settore (istituti scolastici, associazioni, parrocchie, forze dell’ordine, pubbliche amministrazioni e fondazioni).

L’Asso. Gio. Ca. è l’associazione affidataria della Chiesa del Carminiello a Toledo.

Il progetto “Bill Viola. Ritorno alla Vita” è fortemente voluto e promosso dall’Arciconfraternita della Congregazione dei 63 Sacerdoti (originariamente di San Carlo dei Sacerdoti), che ha garantito l’utilizzo di questo pregevole sito seicentesco, perpetuando la secolare vocazione di volano culturale, che sin dalla fondazione di questo antico istituto ha contribuito negli anni all’alfabetizzazione e formazione del popolo napoletano. Oggi l’Arciconfraternita crede fermamente nel valore di questa iniziativa, e nello sviluppo di un percorso culturale ed artistico in contrasto con la povertà educativa e, al contempo, valorizzando un bene storico-artistico che non perde la funzione di culto, cui si affianca con questa esposizione una nuova e rinnovata missione culturale.

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × uno =

Accetto la Privacy Policy * for Click to select the duration you give consent until.

Precedente DOUJA D’OR 2022: IL VINO SEMPRE AL CENTRO
Successiva Scuola Superiore Meridionale e Scuola Normale di Pisa: si arricchisce il percorso accademico

Articoli Suggeriti

Roche presenta ulteriori dati sul beneficio clinico di pirfenidone nel trattamento della fibrosi polmonare idiopatica

Renzi: tra voli di Stato e Fannulloni – Lettera aperta

70esimo gran premio Lotteria Graded, Napoli regina del trotto

Vitamina C, è davvero importante?

A Eboli arriva Magnagrecia

“Pandemia II Ondata Rabbia e Confusione la sfida di Pulcinella“ nuovo libro per Angelo Iannelli