Piatto Giusto: una torta mimosa per sostenere il centro antiviolenza Mondo Rosa


dav
L’8 marzo non è un giorno di festa ma una giornata per sensibilizzare. Da questo pensiero parte l’iniziativa di Valentina Amato e Antonella Arena, chef, consiglieri della Associazione Provinciale Cuochi Catanzaresi e titolari de Il Piatto Giusto Lab & Store.
Lunedì 7 e martedì 8 marzo, Valentina e Antonella prepareranno tante torte mimosa, dolce simbolo della Festa della Donna, il cui ricavato verrà devoluto al centro antiviolenza e casa rifugio Mondo rosa del Centro Calabrese di Solidarietà.
Per il lancio dell’idea, nella sede del Piatto Giusto Lab & Store, in via Lucrezia della Valle, sono state invitate Isolina Mantelli, presidente del Centro Calabrese, e Assunta Cardamone, responsabile di Mondo Rosa.
“Siamo commosse di questa attenzione – ha affermato Mantelli – Grazie a questa iniziativa abbiamo scoperto la straordinaria realtà del Piatto Giusto Lab & Store. Il Centro Calabrese, come Mondo Rosa, continua con passione e sacrificio nella sua mission di aiutare i puù deboli e coloro che si trovano in difficoltà. Quando si è vittime di violenza, occorre ritrovare se stesse e ricostruire il proprio percorso. Le donne che entrano nel nostro centro antiviolenza recuperano l’autostima e la capacità di sognare. ”
Ma non finisce qua.
“Da diversi anni siamo impegnate nella formazione – sottolineano Valentina e Antonella – e offriamo la nostra professionalità alle associazioni che operano nel sociale. Perché imparare a cucinare può essere sempre utile e, poi, diverte. Noi siamo pronte a diffondere il profumo delle nostre torte mimosa a tutti coloro che verranno a trovarci e vorranno dare un sostegno alle donne di Mondo Rosa. Un messaggio per dir loro “non siete sole”. Inoltre, nel mese di aprile accoglieremo le ospiti della casa rifugio per fare insieme un laboratorio e insegnargli a fare il pane e la pizza. Un modo, anche, per imparare l’arte e metterla da parte. Magari un domani potrebbe servirgli come sbocco lavorativo e potremmo ritrovarle come nostre colleghe.”

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto + uno =

Accetto la Privacy Policy * for Click to select the duration you give consent until.

Precedente Un concerto per dire no alle discriminazioni contro la musica neomelodica
Questa è la storia più recente

Articoli Suggeriti

Venezia, Caro al Museo Correr

SHOPPING E PREVENZIONE GRATUITA DEL TUMORE DELLA PROSTATA : IL CAMPER FONDAZIONE PRO SARA’ PRESSO IL GRUPPO TUFANO A CASORIA

Teatro, Stefano Benni presenta: Piccole Incongrue Quotidiane

Uffizi: donato un Ligozzi e riallestita la Sala 38

Maggio della Musica: due nuovi appuntamenti

CIBUS 2014: LA FIERA DELL’ALIMENTARE ITALIANO PROTAGONISTA NEI MERCATI ESTERI