DONNE ALLA RISCOSSA: FA CAUSA PER GENDER GAP A BNP PARIBAS E DIVENTA MILIONARIA


Ebbene sì, ogni tanto una buona notizia nel campo del gender gap, cioè la differenza di condizioni e trattamento tra uomini e donne in vari campi della vita.

Infatti Stacey Macken, una broker inglese di 50 anni, stava chiedendo da anni un aumento di stipendio alla Bnp Paribas di Londra, un gruppo di credito operante nei servizi finanziari presente anche in Italia, anche perché più bassa di quella dei colleghi maschi con le sue stesse mansioni e responsabilità.

Puntualmente il capo le diceva – Non ora Stacey – ed i colleghi ormai la prendevano in giro scimmiottando la risposta del loro capo ogni volta che usciva sconfitta dalla sua porta.

Però Stacey si è rivolta al tribunale di Londra, che dandole ragione, ha condannato il gruppo bancario a pagare 2.081.449 di sterline, cioè circa 2,5 milioni di euro, per discriminazione sessuale e disuguaglianza salariale.

Beh, in Italia il divario oltre che di genere spesso c’è anche tra colleghe donne di diversi uffici, stesse mansioni ma il lavoro è nella parte dell’Italia sbagliata… il SUD!

Questo primo caso ha un grosso potenziale per eliminare il divario salariale di genere, ma soprattutto è in grado di veicolare un chiaro messaggio ai “sedicenti” capi … non discriminate!

Buona pausa caffè!

Elena Simonetti

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6 + due =

Accetto la Privacy Policy * for Click to select the duration you give consent until.

Precedente Messaggio in bottiglia trovato dopo 25 anni
Successiva Stanze, il nuovo libro della scrittrice messicana Celina Davila

Articoli Suggeriti

Ca’ Pesaro, in mostra LINO SELVATICO. UNA SECONDA BELLE ÉPOQUE

“Workshop & Jam Session”, esclusivo progetto dell’Associazione Santa Cecilia, per diventare musicisti professionisti autonomi e autosufficienti

A Villa Pignatelli, torna la “leggenda” FINE ARTS QUARTET

Appuntamento a Napoli con la Danza dei 5Ritmi

Diciannove anni dalla morte di Massimo Troisi

A settembre arriva il Napoli Bike Festival