GELATO AT HOME. LE NUOVE COPPETTE DI ALBERTO MARCHETTI FIRMATE DA GIOVANNI GASTALDI


Gelato at home ma con stile grazie alle nuove coppette di design del maestro gelatiere torinese Alberto Marchetti firmate dall’illustratore Giovanni Gastaldi.

Quattro storie di quattro personaggi, ambientante in alcuni degli angoli più caratteristici della città di Torino – Piazza San Carlo, Porta Nuova, Lungo Dora e Porta Palazzo – prendono vita su raffinate coppette di ceramica prodotte da Besio 1842, storica azienda artigiana a gestione famigliare che ancora oggi porta avanti la vera tradizione dell’antica ceramica.

Un’idea regalo originale, un omaggio alla città d’origine del maestro gelatiere e un pezzo di design da collezionare.

Il progetto è realizzato con la stessa cura e filosofia con cui Alberto prepara i suoi gelati, le coppette sono magistralmente decorate dal talentuoso Giovanni Gastaldi, già illustratore per importanti marchi come San Bernardo ed Einaudi e per la rivista The Economist, che per questo progetto creativo è stato selezionato tra i vincitori della sessantaduesima edizione del concorso internazionale Illustration Annual indetto dalla rivista di design americana Communication Art.

 l set di 4 coppette è in vendita presso tutti i negozi Alberto Marchetti e sul sito www.albertomarchetti.it

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

15 + quattordici =

Accetto la Privacy Policy * for Click to select the duration you give consent until.

Precedente Nasce Aicast della macroarea penisola sorrentina: sei i comuni rappresentati
Questa è la storia più recente

Articoli Suggeriti

In arrivo prevenzione e sport a Ercolano

Monya Grana Fall Winter 2016/17 COLLEZIONE METROPOLIS

Carnevale Epomeo 2020, domani la presentazione a Palazzo San Giacomo

Regaliamo un pasto caldo agli SpazzaCammino

“Giuseppe Moscati, un uomo tra fede e scienza”. Itinerario teatralizzato dalla Chiesa del Gesù Nuovo

“Firenze in salotto”: a Casa Martelli il convegno di studi sulla Firenze social del ‘700