Mamma da grande voglio fare il Rumorista!


“Na tazzulella 'e cafè”,

Avete mai fatto caso ai tanti “rumori” che si sentono in un film? Vi siete mai chiesti come vengono inseriti in sala incisione e soprattutto chi li crea o riproduce?

Esiste un mestiere… il r-u-m-o-r-i-s-t-a …strano ma vero!

Nell’era del digitale fa strano sentire che sopravvive il mestiere di “artigiano del suono”. Si perché di artigiano stiamo parlando. Infatti il rumorista non è altri che una persona con una innata abilità manuale e di inventiva, che crea, con ogni sorta di oggetti, i “rumori” che poi sentiremo nei nostri film preferiti.

Nella grande famiglia del cinema, sembra che questo mestiere sia indispensabile e difficilmente sostituibile con la tecnologia poiché, spesso le cose non possono essere riprodotte da una “cosa” ma bisogna riprodurre esattamente il suo suono così com’è al naturale.

Ma non è così facile come sembra: i suoni devono essere sincronizzati con le immagini del film, seguire i movimenti degli attori, i gesti, e così via.

Non sarà facile ma… sicuramente molto divertente poiché, nel riprodurre alcuni suoni, si ritorna bambini e nella sala incisioni, ne sono certa, ne capiteranno delle belle.

Allora tutti a provar a fare i rumori più strani …. ma attenzione… non fatelo quando i vicini stanno schiacciando il loro pisolino!

Buona pausa caffè!

Elena Simonetti

Foto: By Unsplash Free Images

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

8 − otto =

Accetto la Privacy Policy * for Click to select the duration you give consent until.

Precedente Vecchi pneumatici prendono vita nell’arte
Successiva Alda D'Eusanio: offese contro Adriano Aragozzini. E' querela

Articoli Suggeriti

PREMIO MASSIMO TROISI, GRANDI OSPITI IN ARRIVO A SAN GIORGIO A CREMANO

Una storia d’amore: la nuova collezione dell’Atelier Signore

Immigrazione, delegazione del Coisp in visita presso il Cara di Mineo

Antonio Canova in mostra a Roma

Grande successo per l’Open Party del Centro Benessere Floriana

LA FIGURA DEL PADRE NEL CONVEGNO AMI