Scuole, ex ministro Fioramonti a iNews24: “Azzolina chieda scusa e affronti i problemi veri”


“Siamo davvero sicuri di poter garantire la massima sicurezza nelle scuole, o stiamo guardando dati parziali, incompleti, su cui è anche difficile fare una valutazione scientifica?”, dichiara l’ex ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Lorenzo Fioramonti, nel corso di un’intervista ad iNews24.it.
“Credo che ci sia un problema di autorevolezza del Governo, che purtroppo in un anno ha perso tempo dietro a problemi finti come i banchi e non è intervenuto invece, su questioni vere.  In questo momento sono in Germania, qui c’è un sistema di tracciamento migliore del nostro, un programma di vaccinazione molto più efficace. Noi non abbiamo un piano vaccini altrettanto efficiente, abbiamo classi composte da più di venti studenti, strutture scolastiche che non sono meglio organizzate che in Germania: siamo davvero sicuri di poter garantire la massima sicurezza nelle scuole, o stiamo guardando dati parziali, incompleti, su cui è anche difficile fare una valutazione scientifica? Io aprirei le suole, ma in piena sicurezza. Chiederei scusa pubblicamente perché abbiamo perso un anno, ma la pandemia ci ha colto di sorpresa. Lascerei le scuole in Dad fino alla fine di gennaio e intanto lavorerei sulle questioni vere, per poter riaprire il primo febbraio in sicurezza e non con le finestre aperte per far circolare l’aria. Per prima cosa, chiediamo un protocollo nazionale per il tracciamento dei contagi e della quarantena. Ad oggi, dopo un anno, ogni scuola, ogni Asl segue modalità incoerenti, non organiche e non strutturate su come gestire il tracciamento dei contagi e la quarantena. Quindi chiediamo un protocollo nazionale, in accordo con le Regioni, in modo che tutti sappiano cosa fare quando c’è un contagio, come interagire e come comunicarlo. Un’altra cosa che suggeriamo ormai da tempo è installare in ogni aula un sanificatore dell’aria in continuo, che permetterebbe di chiudere le finestre durante l’inverno. È vergognoso che mentre fuori ci sono zero gradi, gli studenti debbano stare in aula col giubbotto, la mascherina e le finestre aperte. Questo apparecchio si potrà usare anche quando la pandemia da Covid-19 sarà terminata. Infine, chiediamo di intervenire su un protocollo per la Dad, mettendo a disposizione un’unica piattaforma nazionale. Penso che i governi debbano continuare ad operare quando dimostrano efficacia, altrimenti devono essere sostituiti o modificati, almeno in parte. Il punto è se, durante la pandemia, il Governo con questa conformazione riesca ad essere efficace. Se no, cambiarlo è responsabilità di tutti. Oggi ci ritroviamo con un piano vaccinale lento e scuole fragili rispetto a qualche anno fa. L’errore del Governo Conte è soprattutto la mancanza di capacità organizzativa”.

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × 1 =

Accetto la Privacy Policy * for Click to select the duration you give consent until.

Precedente “UN TAMPONE PER TUTTI”: I TAMPONI GRATUITI IN TUTTA LA PROVINCIA DI NAPOLI
Questa è la storia più recente

Articoli Suggeriti

Notti magiche alla Reggia di Caserta, Andrea Bocelli in concerto

Pietro Condorelli Trio: il top del Jazz a Santa Cecilia

Museo del merletto: Il filo dei messaggi – Message Threads di Leslie Hirst

ROMA: ARRIVA “VELENO”, UN RACCONTO SUI VELENI DELLA TERRA DEI FUOCHI

Platinum Luxury Club: al via i giovedì universitari

MALATTIE RARE: DAL SILENZIAMENTO DELL’RNA (RNAi) NUOVE PROSPETTIVE PER AMILOIDOSI, PORFIRIA ED EMOFILIA