La Capri-Napoli nell’era del Covid-19


Quasi un miracolo essere riusciti a fare partire nell’era dell’emergenza epidemiologica del Covid-19 la famosa Capri-Napoli, la gara di nuoto di fondo nota come Maratona del Golfo. L’organizzazione Eventualmente di Luciano Cotena ha fatto di tutto per organizzare la manifestazione sportiva, tanto amata e seguita dai tantissimi napoletani e non solo, in programma per domenica 6 settembre. Si parte da Marina Grande, Lido Le Ondine, alle ore 10,30, l’arrivo dei primi atleti è previsto al Circolo Canottieri verso le 16,30.

Alla partenza nomi noti al pubblico napoletano: Matteo Furlan, ad esempio,vincitore nel 2017 nel circuito sotto costa a Napoli. Si ricorderà che la gara per via del mare mosso fu annullata, ma subito si optò per una gara corta con arrivo al Circolo Posillipo. Da qui la vittoria di Furlan. Al via domenica anche il giovane Francesco Ghettini, vincitore nel 2018. Non vinceva un italiano da ben 48 anni.Ci sarà anche Edoardo Stochino, campione mondiale nel 2016  e nel 2018 di specialità. L’argentino Damian Blaum ormai è un abbonato alla Capri-Napoli, lo rivedremo quindi anche domenica prossima. Poi il macedone Eugeij Pop Acev, vincitore della Maratona nel 2016.Tra le donne la forte brasiliana Ana Marcela Cunha, vincitrice della Capri-Napoli nel 2014 con record e nel 2017. Sarà al via anche la francese Caroline Jouisse. Infine l’italiana Barbara Pozzobon, vincitrice delle ultime 2 edizioni.

La conferenza stampa si è svolta martedì 1 settembre all’Antisala dei Baroni al Maschio Angioino.La premiazione ufficiale del giorno dopo, come si è sempre fatto, è stata abolita per evitare assembramenti.La premiazione avverrà subito dopo la gara sempre al Circolo Canottieri.

ELIO GUERRIERO

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto − 6 =

Accetto la Privacy Policy * for Click to select the duration you give consent until.

Precedente Nel programma dei Verdi Europei - Demos azioni di monitoraggio costante del territorio
Successiva Il mecenatismo protagonista a Napoli nella mostra "Gemito. Dalla scultura al disegno"

Articoli Suggeriti

Criterium Interappenninico, 350 giovani a Campitello Matese

Final Four Under 18 al via. In quattro per il trono regionale

Nasce l’associazione Social Business Lab Pistoia

Torna Arte e Moda prendono forma al Tunnel Borbonico

ANNA FALCHI PRESENTA LA PRIMA EDIZIONE DEL “FESTIVAL PARTENOPE”

Pallavolo maschile, Gaia Energy Napoli chiede spazio al Monterotondo