All’Ecoparco del Mediterraneo, la quarta edizione del “Frankie Knuckles Tribute”


I rumors si rincorrono già da qualche giorno. Una grande zattera sta per salpare dalla riva dell’Ecoparco del Mediterraneo di Castel Volturno (Caserta). No, in vista non c’è nessun remake del film premio Oscar “Cast Away”, né si prospettano avventurosi salvataggi in acqua. La piattaforma galleggiante in legno ospiterà la console della quarta edizione del “Frankie Knuckles Tribute”, appuntamento ormai cult, dedicato al dj e producer americano scomparso prematuramente nel 2014.

Una postazione unica, al largo di uno dei laghi dell’oasi, che da mezzogiorno al tramonto del 4 luglio, vedrà alternarsi ai piatti 7 dj, tra i più noti della regione, e mister Kenny Carpenter, amico di Knuckles, noto tra l’altro, nei panni di resident del leggendario Studio 54 di New York. Con lui per l’occasione: Ciro Di Sarno, Wilder Ita, Gigi Squillante, Kozzuto, Pako S, Cipolletta e Lino Di Meglio.

Un connubio perfetto, tra Natura e ottima musica, trasmesso in diretta streaming sulla pagina Facebook di Facenight, grazie a una regia mobile video e a riprese ad hoc, curate da Davide Tipaldi, catturate da droni e da 4 telecamere disseminate in vari punti dello specchio d’acqua.

“In un periodo così particolare, come quello post lockdown dovuto al Covid – spiegano Tommy Totaro ed Antonello Fornaro, ideatori e produttori dell’evento nonché organizzatori del Premio Facenight – abbiamo pensato a una location alternativa per dar forma e ritmo a questo tributo. Non come negli anni scorsi al chiuso, ma en plein air per evitare assembramenti. Una full immersion tra musica e relax, in uno dei più grandi parchi a vocazione turistica d’Italia, esteso su oltre 40 ettari, per rendere merito a “The Godfather of House Music”. Stupiremo con effetti speciali – continuano – . Oltre alla partecipazione straordinaria di Kenny Carpenter e degli altri 7 dj, abbiamo in serbo anche una retrospettiva fotografica digitale, all’insegna di dischi, foto rare e memorabilia del mitico Frankie Knuckles, che ovunque, durante le sue incursioni (compresa quella all’ombra del Vesuvio), è stato sempre accolto come una leggenda della musica dai suoi numerosi follower”.

In programma, un autentico dj set immerso nella Natura, tra storia e futuro, vinili e cd, controller e lab-top, colori e suoni ricercati per un mix di emozioni, che hanno l’obiettivo di non spegnere le luci di una scena clubbing campana di altissima qualità e profilo.

Ma non è tutto. Durante il tributo, infatti, i promotori daranno anche il via all’edizione 2020 del Premio Facenight, ovvero l’Oscar della Notte campano, annunciando le categorie in gara e tutte le novità previste.

A rendere ancor più “gustoso” il tutto, un lunch aperitif firmato da “Vini e Vinili” per rifocillare i protagonisti dell’evento.

 

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sei + sedici =

Accetto la Privacy Policy * for Click to select the duration you give consent until.

Precedente Palazzo Venezia Napoli e NOMEA presentano "Aperitivo Artistico"
Successiva NTFI: Al via da domani le rassegne di Cinema e Musica

Articoli Suggeriti

LUVO BARATTOLI ARZANO TRAVOLGE ORVIETO IN GARA DUE

Opening party per lo store Preludio

Il sindaco Giorgiano visita in ospedale i due ragazzi accoltellati in città sabato scorso

MILLEFIORI: successo per la disfida tra la sfogliatella napoletana e la bellosguardese

MUSEO NOVECENTO AVANGUARDIA, SPERIMENTAZIONE E RINNOVAMENTO: DAL TEATRO ALLA DANZA LE PAROLE CHIAVE DEL NOVECENTO

Giovedì in biblioteca la presentazione di “Separiamoci” di Marco Esposito