GIOVEDI DI PASQUA CON IL TEATRO SAN CARLO


Carmina Burana di Carl Orff, tra gli spettacoli più applauditi al Massimo napoletano negli ultimi anni, torna in onda su Rai 5 giovedì 9 aprile alle 18.00.

Spettacolo di “arte totale” andato in scena nel 2013, è firmato da ShenWei, artista a tutto tondo di origini cinesi ma newyorkese d’adozione, che ne ha curato coreografie, ideazione visiva, scene e costumi.

Per la prima volta, all’interno dell’opera di Carl Orff, sono stati eseguiti altri quattro brani tratti dal codice medievale “CantionesProfanae” usato dal compositore tedesco, orchestrati sulle melodie originali dal direttore spagnolo Jordi Bernàcerche guida dal podio uno spettacolo  avvincente che vede protagoniste tutte le forze artistiche del Teatro di San Carlo: l’Orchestra, il Coro il Coro di Voci Bianche e il Corpo di Ballo, con trentadue danzatori del Lirico e sette della ShenWei Dance Arts.

Voci soliste sono il soprano Angela Nisi, il controtenore lhamNazarovil e baritono ValdisJansons.

«I Carmina Burana – ha detto Wei – sono una partitura estremamente nota, immediata, in qualche modo svilita dalla sua estrema popolarità. Tuttavia, ascoltandola nel profondo, ho ritrovato la sua purezza e la sua bellezza autentiche, ed è questo ciò che voglio trasmettere al pubblico».
«Allestire questo spettacolo è stata per me una vera e propria sfida, nella quale ho curato i movimenti dei cantanti, i loro costumi, le scene e naturalmente le coreografie. Ma soprattutto, non essendoci un libretto vero e proprio, ho ideato una narrazione coreografica e visiva, nel rispetto della struttura originaria di Orff, in cui i movimenti si susseguono e si legano l’uno l’altro, descrivendo ciascuno una poesia o la sensazione della musica dei singoli canti». Tra riferimenti agli elementi naturali, al Medioevo, al Rinascimento, Wei ha immaginato in chiave contemporanea la sua personale versione dei “Carmina”, con ballerini come figure astratte – alcuni con costumi simili a una seconda pelle – e cantanti prigionieri in statue di cui diventano anima.

Partono intanto progetti innovativi di didattica a distanza proposti dal Teatro di San Carlo, in collaborazione con Europa InCanto, per i più piccoli. Ogni settimana, attraverso i canali social del San Carlo, Germano Neri guiderà i bambini alla scoperta dello storico teatro e dei suoi “segreti”, in attesa di poter tornare tutti festanti nel teatro riaperto per scoprire il capolavoro di Gaetano Donizetti L’Elisir d’Amore, su cui è concentrato il progetto didattico di San Carlo e Europa InCanto di quest’anno.

#ILMIOELISIRATHOME

Il Teatro di San Carlo e Europa InCanto lanciano tanti progetti innovativi di didattica a distanza rivolti ai più piccoli

In attesa di tornare a teatro con il progetto Scuola InCantoche quest’anno è dedicato a L’elisir d’amore di Gaetano Donizetti, il Teatro di San Carlo e Europa InCantoproporranno ogni settimana, attraverso i canali social del Teatro, una serie di contenuti didattici alternativi, presentati dal Maestro Germano Neri, per far conoscere meglio ai i bambini l’opera e il teatro nel suo complesso. Cosa si nasconde dietro il sipario? Come si chiamano i vari ambienti del teatro? Una serie di puntate darannorisposta a questi se ad altri semplici quesiti e a tante altre piccole curiosità. Sarà data la possibilità a ciascuno, attraverso brevi tutorial, di imparare a costruire il proprio personalissimo teatro seguendo le istruzioni e tutti processi di costruzione di una scenografia, dei personaggi, della struttura nel suo complesso. Con ogni modellino costruito sarà possibile partecipare al concorso “Costruisci il tuo teatro” (tutte le modalità di partecipazione saranno disponibili sul sito www.teatrosancarlo.it). Non mancherà un video audio libro “L’elisir d’amore raccontato da Nunzia Nigro”, inframmezzato da brevi ascolti dell’opera per aiutare a comprendere la forma e la scrittura drammaturgica del compositore.  Anche in queste giornate particolari dunque, il San Carlo e Europa InCanto continuano a coinvolgere migliaia di bambini alla scoperta del Teatro e della Musica.

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Precedente Acli di Napoli : campagna per la “spesa sospesa” e per i senza fissa dimora
Questa è la storia più recente

Articoli Suggeriti

Il racconto di due cugini : Così abbiamo scoperto di avere la rara Malattia di Kennedy

Da Pacapè il matrimonio con l’Alleanza Slow Food dei Cuochi

“Happy End” il nuovo film di Michael Haneke da Cannes al Duel Village

SERATA ENOGASTRONOMICA DA MORSI & RIMORSI AD AVERSA

Vebo 2016: bilancio positivo crescono le presenze. Premiate le collezioni di aziende da tutta Italia

“Tre Magnifici scapoli” in scena alle Terme Stufe di Nerone