“In nome del padre” : Massimiliano Amatucci presenta


Un uomo e una donna, uniti dalla provvidenza, ricevono l’incarico di sventare un attentato terroristico nella capitale inglese, destinato poi a deflagrare i propri terribili effetti nello scenario degli Champs Élysées. Un’avventura che corre veloce tra Napoli, Londra e Parigi, sino allo scontro finale in cima al grande Arco della Fraternità. Un thriller avvincente quello di Massimiliano Amatucci, “In nome del padre”, 252 pagine, 15 euro, edito da Kairòs Edizioni, che si presenterà venerdì 20 dicembre 2019 alle ore 18,30 alla libreria Libertà in Corso  Vittorio Emanuele III n. 417 a Torre Annunziata (Na).

Insieme all’autore ne discuteranno  Andrea Palmieri e Francesco Alessandrella.

La missione interiore del personaggio principale è quella di salvaguardare se stesso e i propri valori. Mentre quella che gli viene affidata, e attorno alla quale ruota il romanzo, sta nel salvare una certa visione del mondo. Un racconto crudo sulle dinamiche del terrorismo islamico concepito secondo una lettura laica nello scontro tra religioni.

Votato al bene, per raggiungere un fine superiore, il protagonista compie azioni deprecabili all’interno del ricco contesto socio economico dell’Europa di oggi, che stride con i valori cristiani e attira l’ira di varie forme d’integralismo.

 “Dopo aver pubblicato due romanzi polizieschi, avevo voglia di cambiare direzione ed è stato naturale avvicinarmi ad un altro dei miei generi letterari preferiti, quello appunto del thriller”, chiarisce Amatucci. “Ne ho letti molti, considero maestri autori come Dan Brown, Robert Harris o John Grisham e, senza avere l’ambizione di raggiungere i loro risultati, ho voluto comunque confrontarmi con un mondo che sento vicino”.

La trama coinvolgente, gli argomenti di attualità, il realismo pungente che trabocca tra le pagine, arricchiscono un libro che ambisce a trasmettere una concezione laica del bene e del male, e si staglia contro ogni forma d’integralismo.

I primi capitoli, rivolti alla decodifica del personaggio principale, rappresentano il prologo di una originale spy story, che continua con una guerra tra religioni dove prevalgono i sentimenti personali e la fallibilità della natura umana. Anche l’epilogo è sorprendente; travolge con la sua onda d’urto i personaggi che l’attraversano, combattuti tra impulsi materiali e morali.

Perché leggere questo libro? “Credo che un motivo valido sia quello di poter coniugare una lettura d’evasione – scorrevole e diretta, in cui è soprattutto l’azione a catalizzare l’attenzione del lettore – a un romanzo che è anche in grado di far riflettere”, conclude l’autore.

Massimiliano Amatucci nasce nel settembre del 1973 a Pomigliano D’Arco. Dopo gli studi classici al Genovesi di Napoli, si laurea in Giurisprudenza all’Università Federico II e diventa avvocato, professione che svolge tuttora. Cresciuto a Napoli, dopo un’esperienza londinese di un paio di anni, attualmente vive con la compagna a Torre Annunziata. Da sempre appassionato di letteratura, nel 2016 ha pubblicato il suo primo romanzo: “L’agnello di Dio” (Watson Edizioni – Roma), dando vita ad una serie poliziesca che vede come protagonista il commissario Profumo. È del 2018 “La catena dei santi” (Romanzi Nulla Die).

 

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Precedente Adrenoleucodistrofia e Screening neonatale esteso: dalla Campania la storia di Alba
Questa è la storia più recente

Articoli Suggeriti

Pediatri ospedalieri a confronto a Napoli sulle strategie terapeutiche più adeguate nella cura dell’Asma grave in pediatria

Anniversario della nascita di Leopardi. Pamela Villoresi in “Giacomo, odorata ginestra”

Polo Museale Fiorentino: gli appuntamenti del primo weekend di primavera

Guardare oltre: a Napoli la giornata per la prevenzione delle malattie oculari e della cecità

L’EUROPA SI DIMENTICA DEL PROVOLONE DEL MONACO E DELLA MELANNURCA CAMPANA

Il patrimonio storico-archeologico della Locride a confronto con la riforma MiBACT