Calcio. Napoli, una squadra allo sfascio?


Dopo la pausa per la Nazionale, è  ripreso il campionato di serie A che ha visto Juve e Inter strapazzare l’Atalanta e il Torino. Ormai è certo: le due squadre si contenderanno fino a maggio lo scudetto. Dietro c’è solo il vuoto, nessun’altra squadra, a nostro avviso è in grado di raggiungere le due che sono in vetta alla classifica. Incredibile! E siamo appena al girone di andata. Ergo:sotto questo punto di vista il campionato appare poco interessante.

La squadra del Napoli che alla vigilia era candidata allo scudetto (Ancelotti disse nel ritiro di Dimaro che era una squadra vincente), si è sciolta in poco tempo come neve al sole. Non si è capito più niente dopo lo squallido pareggio a Fuorigrotta con l’Atalanta e successivi altri flop. La situazione poi è definitivamente precipitata dopo la gara con il Salisburgo finita in parità e il rifiuto di continuare il ritiro in quel di Castelvolturno. Il presidente va su tutte le furie minacciando punizioni e multe. E così è stato! Poi il pareggio col Milan è la conseguenza di malcontento e disagio. Insomma,una squadra letteralmente allo sfascio, allo sbaraglio? Insigne & compagni devono fare per forza il mea-culpa. E i tifosi, naturalmente non ci stanno ad osservare questa situazione a dir poco grottesca. I due strani episodi della “visita” a casa di un giocatore e i danni alla macchina di un altro, la dicono lunga circa la tensione che ancora serpeggia nel giro azzurro.

Ora dietro l’angolo c’è la difficile partita fuori casa con il Liverpool di mercoledì prossimo. Tuttavia la qualificazione è a portata di mano. L’Inter, invece, per raggiungere la qualificazione deve vincere queste ultime due partite, altrimenti torna a casa. Dopo lo Slavia fuori casa, affronterà a San Siro il forte Barcellona. Intanto l’Inter dovrà fare a meno fino a gennaio del bravo Barella, infortunatosi sabato contro il Torino. Una tegola che non ci voleva proprio!

Intanto in serie B va fortissimo il Benevento che sogna ovviamente di ritornare in serie A. Inzaghi sta facendo un ottimo lavoro e i tifosi non stanno nella pelle. E’grande la passione attorno ai giocatori. Al secondo posto troviamo il Pordenone, la vera sorpresa del torneo.

 

 

ELIO GUERRIERO

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Precedente Premio giornalistico nazionale M.Grazia Cutuli ad Angelo Iannelli
Questa è la storia più recente

Articoli Suggeriti

Lago Fusaro: visita alla Casina vanvitelliana e al Colombario romano

Convegno sulla Giornata della Biodiversità

Al 20° Salone del restauro di Ferrara si parlerà della Tribuna e dei Nuovi Uffizi

L’Istituto per l’Ambiente Marino e Costiero del CNR ospita il workshop conclusivo dei progetti di formazione

Silvana Giacobini partecipa alla prestigiosa cerimonia di conferimento del “Premio Teramo che lavora”

Concerti 23 e 24 giugno al Museo di Pietrarsa