Chocoland: oltre 370 mila presenze, nutrita pattuglia di stranieri


Comincia a sfumare il fantastico profumo di cioccolato che per sei giorni ha reso più corroborante l’aria del Vomero. Calato il sipario sull’undicesima edizione di Chocoland è tempo di tirare le somme. Le simpatiche casette che hanno rallegrato il percorso da via Scarlatti a via Luca Giordano lasciano il posto al ricordo delle oltre 370.000 presenze che si sono tradotte in molti quintali di cioccolato venduto.

Restando in tema di numeri: quest’anno sono state 69 le casette istallate, in esse ha preso posto cioccolato per tutti i gusti ma anche per tutte le tasche. Pezzi pregiati e ricercati. Finemente lavorati. Economico e costruito su misura per i più piccoli. Nessuno ha dovuto rinunciare a qualche minuto in compagnia della bontà, riuscendo così ad accontentare mente e palato.

Il gran finale è stata la premiazione. Una vera e propria notte degli Oscar, visto che il cinema è stato il filo conduttore della kermesse. Alla serata presentata da Lino D’Angiò ed Alessandra Zuppetta hanno preso parte tutti i protagonisti di Chocoland Vomero 2019. A cominciare dagli organizzatori della D2Eventi: “In sei giorni –spiegano Luca De Rosa e Luigi De Simone – abbiamo fatto fronte ad una vera e propria invasione da parte dei visitatori. Sono arrivati al Vomero tanti stranieri ed oltre 70 pullman. Numeri questi che non possono lasciarci che soddisfatti. Anche perché tutto è andato nel verso giusto grazie anche all’aiuto di tutte le forze dell’ordine in campo. A partire dalla Polizia di Stato e dai carabinieri. Supportati anche dai vigili urbani e dalla vigilanza privata. Un ringraziamento anche alla V Municipalità con in testa il presidente Paolo De Luca”.

Con l’aiuto delle forze dell’ordine a partire: con la polizia di Stato, con i carabinieri e le autorità della V Municipalità, capeggiati dal presidente Paolo De Luca, siamo riusciti ad avere una manifestazione filata via senza intoppi. Un plauso anche alla vigilanza privata che ci ha supportato”.

 Questi i riconoscimenti assegnati:

  • Primo premio alla carriera al maestro pasticciere: Sabatino Sirica
  • Premio innovazione e creatività al maestro cioccolattiere: Mirco della Vecchia. Il riconoscimento è stato attribuito per il prodotto più innovativo ovvero il  barattolone di crema spalmabile l’Angelica.
  • Primo premio prodotto innovativo: Lorenzo Di Gennaro di cioccolato e benessere ha vinto per il tartufo salato, premio assegnato da Gabriele Rotini del Cna. Un ulteriore riconoscimento è stato attribuito alla cioccolateria Moro per la bontà del suo cioccolato al farro dal presidente della V Municipalità Paolo De Luca.
  • Primo premio miglior vetrina Chocoland: Marco Biolzi della cioccolateria Biolzi di Parma
  • Premio per il prezioso contributo ad attività eco solidali, premio “Abili Oltre” per l’inclusione sociale:    Cioccolateria “Dulcis in Fundo” realizzata dalla Cooperativa Davar di Casal di Principe.
  • Primo premio interpretazione CIOK SI GIRA: Giada e Teresa

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Precedente “Sir Andrea Frankfourth ed il tesoro degli Incas”: il nuovo libro di Anna Maria Ghedina
Questa è la storia più recente

Articoli Suggeriti

LA STORIA DEL GIUBILEO A SAN GIOVANNI IN LATERANO E ALLA SCALA SANTA

La Francia dice addio a Georges Descrières, l’amato Arsenio Lupin

Salumi ed altre storie. Alla Pizzeria Negri si inaugura l’estate t

Libro Mariposa di Luigi Mollo debutta in libreria con Turisa Editore

A Sant’Anastasia la seconda edizione del progetto 6.DONI.LAB – Sotto l’albero: una scuola per tutti!

“Cari stramaledettissimi amici”: in scena al Centro Teatro Spazio