Io Anna Magnani? L’essenza e la poesia di un mito


Il Teatro cerca Casa, lunedì 4 novembre ore 18, nello storico salotto teatrale di casa Santanelli (via Sagrera 23, Napoli) presenta “Io Anna Magnani?”, scritto e diretto da Sarah Falanga che ne è anche interprete con Christian Mirone, Giusy Paolillo, Vittorio Cataldi (pianoforte) e Ivan Lualdi (tenore). Lo spettacolo è stato presentato nel 2013 dall’Accademia Magna Graecia presso il Museo Archeologico Nazionale di Paestum ed è il primo lavoro in prosa e musica dedicato all’attrice simbolo del neorealismo italiano. La scrittura riprercorre la storia di un’attrice moderna che, forse per pura coincidenza, rivive le stesse storie, le stesse esperienze emotive della Magnani. L’intento non è quello di ricostruire un documentario sulle notizie e curiosità che riguardano questa artista intramontabile, ma di ripercorrere la storia della sua interiorità. Il testo è un susseguirsi ritmico e delicato di emozioni umane, una testimonianza universale di donna e di attrice.

«In scena due storie vicine, due donne che percorrono strade simili — spiega Sarah Falanga —, e poi un tenore, un pianoforte e un violino, veri e unici intimi interlocutori. Atmosfere delicate, uniche, rarefatte, tra passato e presente, caratterizzano questo lavoro. Lo spettacolo nasce dall’esigenza di voler esplorare Anna Magnani “dal di dentro”, dal punto di vista di chi deve interpretare e ne sente l’ansia, l’emozione, la difficoltà, la responsabilità, il timore». Ma questo spettacolo nasce anche dalla voglia di portare tra la gente la sua forza, di farla conoscere ai più giovani, a tutti coloro che, a causa di un certo “spettacolificio malato” del nostro tempo, ignorano o hanno dimenticato la forza del gusto, lo stile, il senso e la vocazione del mestiere dell’attore, ossia lo studio. Io Anna Magnani? si configura come una sperimentazione di meta-teatro. Nasce senza distanze dal pubblico, vive negli occhi del pubblico, vuole vivere di verità, non vuole filtri nè protezioni, proprio come era stato per la grande attrice. In scena un’interprete che ama il suo lavoro, tanto da farne unico motivo di vita e poi la grande Anna, che intanto non vede l’ora di avere ancora un palcoscenico dove vivere.

Per assistere agli spettacoli della rassegna organizzata da Livia Coletta e Ileana Bonadies, è necessaria la prenotazione chiamando al 3343347090 – 3470963808 – 081 5782460, oppure attraverso il sito www.ilteatrocercacasa.it. A chi prenota verrà svelato l’indirizzo del luogo che ospita lo spettacolo.

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Precedente ”E….sportabile”: una giornata di sport per le persone con disabilità visiva
Successiva Rosalba Colosimo a Live non è la D’Urso: “Il padre di mia figlia è Tonino Lamborghini”

Articoli Suggeriti

Federico II nella città con la città per la città

LA LUVO BARATTOLI ARZANO SFATA IL TABU’ ESTERNO

Ritorna a Tutto Volley

Museo Statale di Mileto: concerto di canti gregoriani

Al Posillipo taglio del nastro per l’evento Navigare

MALATTIA MENTALE, LA SIPI PER I DIRITTI DI PAZIENTI E FAMILIARI