NAPOLI, MESSA A SAN FRANCESCO DI PAOLA PER IL PRINCIPE CARLO DI BORBONE


Una solenne cerimonia. Presso la Basilica Reale Pontificia di San Francesco di Paola, in Napoli, S.A.R. il Principe Carlo di Borbone delle Due Sicilie, Duca di Castro, Capo della Real Casa e Gran Maestro degli Ordini Dinastici e la sorella principessa Beatrice Maria Carolina Francesca Gran Prefetto dell’Ordine hanno presenziato alla Solenne Celebrazione Eucaristica in commemorazione di S.M. Ferdinando II, Re delle Due Siciliepresieduta dal Priore della Delegazione di Napoli e Campania dell’Ordine Costantiniano di San Giorgio, con la partecipazione degli altri Cavalieri Ecclesiastici: una folla di invitati ha presto riempito i banchi riservati, tra i picchetti d’onore degli allievi della Scuola Militare Nunziatella, portando quanto richiesto dalDress code ovvero Mantello e rosetta/ nastrino, abito scuro per i civili e uniforme ordinaria con decorazioni per i Militari.

Fra i primi ad arrivare, l’’avvocato Pasquale d’Errico Presidente dell’Associazione Nazionale Carabinieri Napoli Est, il governatore della Basilicata generale Vito Bardi con Gisella, il console onorario di Bulgaria avvocato Gennaro Famiglietti, il magistrato Michele Vietti, gli attori di Un posto al sole Mario Porfito e Patrizio Rispo, Mariano Rigillo e Teresa Anna Rossini, il marchese Pierluigi Sanfelice di Bagnoli, Giuliano Buccino Grimaldi, i consoli d’Indonesia Pino Testa e del Principato di Montecarlo Mariano Bruno, Paola Franchomme, il generale Maurizio Scoppa, Antonio Mottola D’amato, Flavia Fumo, Carlo Guardascione. Prima della S. Messa vi è stato il rito delle investiture e il conferimento dei titoli di Cavalieri e Dame da parte di Carlo di Borbone delle Due Sicilie, Duca di Castro, Capo della Real Casa e Gran Maestro degli Ordini Dinastici; al termine dell’imponente cerimonia, sono state recitate la preghiera in latino per S,A,R Il Gran Maestro e la preghiera del Cavaliere Costantiniano.

Fra i designatari delle investiture a Dame e Cavalieri del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, notati S.E. Daniele Mancini Ambasciatore della Repubblica Italiana in Romania, India e Santa Sede, l’Ammiraglio Giovanni Pettorino Comandante Generale delle Capitanerie Di Porto, il Generale Luca Goretti, il Generale Salvatore Farina Capo Stato Maggiore Esercito, Eduardo Serra Capo Comando Logistico Marina Militare, Generale Rosario Castellano Comando Forze Operative Sud, Vincenzo De Vivo, il generale Gianluigi D’alfonso Comandante Provinciale della Guardia di Finanza, il Contrammiraglio Fabio Agostini, il comandante della Nunziatella colonnello Gelardo Amedeo Cristofaro, Adele Pignata, Prof. Michele Marzullo, Ugo Cilento, Maria Rosaria Rondinella, Capitano Di Fregata Benedetto Esposito, Capitano Luca Crociato.

Fra gli ammessi alla Giustizia( Jure Sanguinis), visti Angelica Ruspoli Principessa di Cerveteri, il Conte di Cerreto Carlo Scribani Rossi, Marco e Cristiana Leonetti dei Conti di Santo Ianni, Leopoldo e Federica Gregorio Cattaneo di Sant’Elia, Vladimiro Troise Mangoni di Santo Stefano, Don Pierluigi Brancia dei principi di Apricena, Don Raimondo dei conti di Balzo di Presenzano, Donna Diletta Frescobaldi, Paola Del Prete Del Bagno dei marchesi di Acquaviva, Robert BergmanAcquaviva d’Aragona, Salvatore Lanza, Luigi De Lutio Barone di Castelguidone, Virginia Maria Gabriella dei conti Varelli.

 

LAURA CAICO

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

otto + 19 =

Accetto la Privacy Policy * for Click to select the duration you give consent until.

Precedente PREMI E COTILLONS AL BALLO DELLA ROSA LIONS
Successiva COCKTAIL IN SALA CONSILIARE

Articoli Suggeriti

A Sant’Antonio Abate entra in scena la Pro Loco “Antonio il Grande”

QUATTRO PASSI … lungo la Pedamentina di San Martino

Al Te.Co-Teatro di Contrabbando: I MOSTRI Di ZerO dal vivo @ ECCELENZE CAMPANE

DA QUELLI CHE IL CALCIO AL MAGNA GRAECIA FILM FESTIVAL

Monya Grana presenta la nuova collezione P/E 2016 a Milano e Parigi

Giovane ucciso a Terni: per il Coisp inadeguata la gestione dell’immigrazione clandestina