COCKTAIL IN SALA CONSILIARE


Un evento memorabile. Il ritorno del premio “Aniello Ambrosio” a San Giuseppe Vesuviano – cittadina natale del magistrato Ambrosio a cui è intitolato – è stato accolto da una nutrita folla di partecipanti, tra Istituzioni, esponenti dei media, membri di associazioni culturali che hanno gremito la sala consiliare del Comune vesuviano: ad accogliere tutti, il sindaco Vincenzo Catapano, la professoressa Lilia Giugliano Ambrosio, erede della famiglia dell’illustre magistrato e promotrice del Premio di Magistratura, l’assessore alla cultura ed alla legalità Silvia Annunziata, il Presidente dell’ordine dei giornalisti della Campania Ottavio Lucarelli.

L’evento, preceduto da un Caffè di Benvenuto, ha attirato presenze da tutta la provincia e dal capoluogo stesso, data la notorietà del prestigioso riconoscimento (considerato in ambito regionale e nazionale quale prestigioso simbolo di promozione della legalità e della giustizia) a cui la professoressa Lilia Giugliano Ambrosio ha dedicato tempo, energie ed entusiasmo, giungendo a festeggiare la IX edizione, finora con le sue sole forze e con la volontà di rendere omaggio alla memoria dell’antenato Aniello Ambrosio (1864 -1935), consigliere della Corte di Cassazione: notevole anche l’impegno del dinamico primo cittadino di San Giuseppe Vesuviano Vincenzo Catapano che ha fortemente voluto riportarlo “in patria”, affiancandosi in prima persona  – malgrado i pressanti incontri elettorali e le incombenze della sua carica – all’organizzazione presieduta e coordinata da Lilia Ambrosio. La manifestazione è stata un vero successo, grazie anche all’abile conduzione di Antonello Perillo, caporedattore responsabile di RAI TG Campania che ha elettrizzato l’uditorio, all’atmosfera elegante e suggestiva della sala addobbata con corbeille di candidi fiori, all’applauditissima esibizione del tenore Giuseppe Gambi ambasciatore del bel canto e alfiere delle melodie napoletane e italiane nel mondo, reduce da una trionfale tournèe all’estero e in procinto di partire alla volta del Principato di Monaco per un concerto alla presenza della famiglia reale. Egregie anche le figure del magistrati e giurisperiti intervenuti tra cui S.e. Vincenzo Galgano già Procuratore Generale di Napoli e Primicerio dell’Arciconfraternita dei Pellegrini, Patrizia Esposito Presidente del Tribunale dei Minori di Napoli, Pierluigi Picardi Presidente del Tribunale di Nola, Umberto Di Mauro Presidente Sezione Civile Corte di Appello Napoli, il notaio Alessandra Panelli, nonché i membri del Comitato Onore del Premio costituito da S.E. Cardinale Crescenzio Sepe, Luigi Riello Procuratore Generale Corte d’Appello di Napoli, Ettore Ferrara Presidente del Tribunale di Napoli, Elisabetta Garzo Presidente del Tribunale di Napoli Nord, Antonio Buonajuto Presidente Emerito della Corte d’Appello di Napoli e Presidente della Fondazione Castelcapuano, Raffaele Numeroso già Presidente della Corte d’Appello di Napoli.

Il Premio “Aniello Ambrosio” è stato attribuito a Simona Di Maria prima nella graduatoria nazionale dell’ultimo concorso e ad Ugo Spagna primo nella graduatoria del Distretto della Corte d’Appello di Napoli; consegnato anche un “Premio alla Memoria” a Renato Vuosi già presidente dell’Ufficio Gip di Napoli, un “Premio alla Carriera” ad Aldo De Chiara Avvocato Generale presso la Corte di Appello di Salerno ed a Mariarosaria Cultrera già Presidente Vicario Corte d’Appello di Napoli.

Brevi relazioni, dense di contenuto, sono state svolte dall’infaticabile presidente dell’ordine dei giornalisti della Campania Ottavio Lucarelli e dai membri del Comitato d’Onore per il Corso “Giustizia, informazione e Deontologia dei giornalisti” svoltosi all’interno della manifestazione con il coordinamento di Paolo La Manna: dopo la consegna di targhe ed attestati, un corroborante lunch ha atteso tutti gli ospiti, siglando in bellezza la conclusione della IX edizione del premio “Aniello Ambrosio”.

 “Sono orgoglioso di aver contribuito a riportare il premio a San Giuseppe Vesuviano, luogo ove è giusto e doveroso dare lustro alla memoria del Magistrato Aniello Ambrosio – ha commentato, a margine dell’evento, il sindaco Vincenzo Catapano – e desidero, per questo, ringraziare la professoressa Lilia Giugliano Ambrosio, per aver aderito al mio invito, e tutti i prestigiosi ospiti che abbiamo avuto il pregio di accogliere, per aver avuto l’opportunità di ribadire, ancora una volta, contro ogni forma di criminalità, che San Giuseppe Vesuviano è città della legalità. Ai vincitori del premio, il mio augurio di una brillante carriera nella Magistratura. Desidero, inoltre, ringraziare l’assessore Silvia Annunziata per l’importante sforzo organizzativo compiuto al fine di garantire al premio l’impeccabile cornice d’eccellenza che merita”.

Tra gli intervenuti, Anna Vuosi con i figli Alberto e Riccardo, Ada Vittoria Baldi, Alberto Alovisi, Gennaro d’aria, Rosa Cristiano,  Bianca Varelli, Rosaria Morra, Patrizia Piccolo, Filomena Brancaccio, Loretta Schiano, Renata Manuppella, la psicologa Roberta Maria Sacchi, Susy Altieri, Vincenzo Giunta, Nunzia Volpicella, Titti Accardo, Antonella Basile, Anna Ciotola, Rosanna Giordano, Mariella Zeuli, Carmela Castellano, Anna Capuano, Rosaria Romano, Fernanda Todisco, Antonia Parlati, Annamaria Silvestri, Nietta Romano, Maria Rosaria Dario, le sorelle Maria e Ilaria Francescone.

 

LAURA CAICO

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tredici − 1 =

Accetto la Privacy Policy * for Click to select the duration you give consent until.

Precedente NAPOLI, MESSA A SAN FRANCESCO DI PAOLA PER IL PRINCIPE CARLO DI BORBONE
Successiva Casoria: Raffaele Bene vince le amministrative

Articoli Suggeriti

La Spagna a Napoli, al via l’evento di promozione turistica

AL MAGNA GRAECIA FILM FESTIVAL OSPITE LINO GUANCIALE

Vasariano: razionalizzazione delle visite e stato di agitazione

In anteprima la collezione sposa 2015 Atelier Signore per il Gran Galà

#OptimaRedAlert: dove nasce la musica italiana del futuro. Conduce Red Ronnie

La Fondazione Musei Civici di Venezia presenta il programma 2015