Trattoria-Pizzeria “Don Peppe”: il buono per il gusto e per il sociale


All’interno della food court del Centro Commerciale Campania, a Marcianise, esiste un piccolo angolo per tutti i buongustai che vogliono prendersi una piccola pausa dallo shopping frenetico: “Don Peppe”, la trattoria-pizzeria che da sempre è legata alla tradizione culinaria partenopea.

Gianluca Passeggio, patron del brand che ha sedi anche a Venezia e Verona e a che a breve vedrà l’apertura di altre due sedi in Italia, ha una vera e propria ossessione per i prodotti di qualità da utilizzare nei suoi piatti che rendono la proposta culinaria, rispetto ad altri competitor, unica nel suo genere: prodotti D.O.P., I.G.P, Presidi SlowFood e una selezione di 8 prodotti a marchio proprio, tra cui pomodori del Piennolo, scarole, friarielli e papaccelle.

La vera mission della famiglia Passeggio è quella di preparare piatti che mantengano il giusto equilibrio tra gusto, tradizione ed innovazione, ideando un menù che sia accessibile alle tasche dei loro affezionati clienti, senza mai scendere a compromessi sulla qualità. Obiettivo che riescono a raggiungere grazie alle sapienti mani dell’head-chef Fabio Cafiero e del maestro pizzaiolo Diego Tafone.

Lo spirito di ospitalità ed accoglienza che si respirano entrando da “Don Peppe”, contraddistingue a 360° l’azienda, che si è resa protagonista di un’importante opera benefica: “Grazie alla vendita della pizza Pascalina, la pizza studiata appositamente dai medici del Pascale con ingredienti che prevengono l’insorgenza dei tumori (farina di frumento, friarielli campani o cime di rapa, pomodoro San Marzano D.O.P. o Corbara, olio EVO del Cilento, olive nere campane, noci, aglio e peperoncino ) ,  siamo riusciti a devolvere oltre ottomila euro all’Istituto Nazionale dei Tumori di Napoli Fondazione Pascale per la ricerca contro i tumori” afferma con orgoglio Gianluca Passeggio.

In quest’occasione è stato presentato anche il menù natalizio grazie al quale, per ogni piatto previsto dal menù, verrà devoluto un euro da donare in beneficenza; ecco dunque che la pizza “Bosco d’Autunno” con funghi porcini, castagne, guanciale del salumificio “Santoro”, tartufo e scaglie di parmigiano, il risotto allo zafferano con ragù bianco di costina di maialino nero, fonduta di provola e papaccelle con fiori eduli, ed il dolce “RoccoBabbà”, acquisiscono un nuovo sapore, che fa bene sia allo stomaco che al cuore.

 

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Precedente “A’ Bona Crianza” per il 2019. All’Archivio Storico il brindisi per il nuovo anno è mixology
Questa è la storia più recente

Articoli Suggeriti

L’ultima frontiera del fitness, sbarca a Napoli con lo Street Workout

SAL DA VINCI E DE PISCOPO PER RADIO MARTE

Giffoni Film Festival: Il Presidente della Regione Campania inaugura la 46esima edizione

Villa Bruno, presentazione del libro di Di Marzio “Che non sia vero niente”

Big Party venerdì per l’inaugurazione della nuova stagione del TAM

Tutto Sposi 2013, in passerella da Gattinoni a Mattiolo