Calcio. L’impossibile corsa del Napoli alla Juve


Stadio San Paolo

Continua inarrestabile la marcia della Juve verso l’ennesimo scudetto. Il netto successo sulla Fiorentina in trasferta la dice lunga sulla forza bianconera. E Ronaldo ha preso gusto a segnare anche nel difficile campionato italiano. Intanto c’è grande attesa per la sfida di venerdì contro l’Inter di Spalletti. Si gioca a Torino. E’sempre una gara particolare tra le 2 squadre. Alla mente si ricorda la gara dello scorso campionato. L’Inter a Torino stava vincendo 2-1 a pochi minuti dalla fine. Ma proprio in quei minuti successe di tutto. La Juve prima pareggiò, poi subito dopo Higuain segnò il gol della vittoria. Ci furono polemiche a non finire sull’arbitraggio.

Ora l’Inter è chiamata a vincere e sperare ancora in qualche cosa. C’è da “vendicare” quell’incredibile finale dello scorso campionato. La partita sarà vista in tutto il mondo, anche in Cina ovviamente. Anche i tifosi del Napoli faranno eccezionalmente il tifo per l’Inter. La squadra di Ancelotti riceve il Frosinone e sulla carta è una partita a portata di mano. Attenzione, però, ricordiamoci dello squallido pareggio contro il Chievo. Non sia mai il Napoli dovesse uscire dal San Paolo con un altro risultato di questo genere. Non sia mai! La partita è in programma sabato alle ore 15, il Napoli ha il vantaggio di giocare sapendo già il risultato di Juve-Inter. Non resta che aspettare.

Martedì poi il Napoli è atteso a Liverpool in Champions. Lo stadio inglese sarà una bolgia, come si suol dire in queste occasioni. In palio la qualificazione al turno successivo. All’andata gli azzurri vinsero per 1-0 con gol di Insigne. A Liverpool sbarcheranno 2mila tifosi napoletani. Biglietti esauriti in poco tempo Le forze dell’ordine inglesi sono allertate per questa delicata e decisiva sfida. Si spera che tutta vada nei migliori dei modi.

Intanto quella scritta ingiuriosa sui muri dello stadio Franchi in occasione di Fiorentina-Juve è davvero opera di malati di mente. Gaetano Scirea fu un campione della Juve e della Nazionale. Aveva 36 anni quando morì in auto in Polonia, morì carbonizzato assieme ad altre 2 persone. Si era appena ritirato da calciatore, ma continuò a lavorare per la Juve. Era l’anno 1989 quando morì . I funerali furono immensi. L’Italia pianse un uomo perbene e un grande campione.

 

Foto di Elio Guerriero

ELIO GUERRIERO

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Precedente GIOVANNI CIACCI A NAPOLI PER LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO “LA CONTESSA – LA SCANDALOSA VITA DI GIÒ STAJANO”
Successiva STAR DELLO SPORT A SCAMPIA PER IL MONOPOLY NAPOLI

Articoli Suggeriti

Serata Gershwin al Teatro di San Carlo

In treno vicino a Dante, il nuovo romanzo di Fabio Sciarpelletti

A Palazzo Arnone la mostra Giovanni Gasparro versus Mattia Preti

La GAMeC rende omaggio a Trento Longaretti con una mostra dedicata ai suoi disegni

San Giorgio a Cremano: Un intenso programma per le Giornate Europee del Patrimonio

“Teatri Naturali” e servizi per famiglie ed infanzia. Ecco la sfida di Clelia Gorga